WEC | Amaro podio Ferrari: "Il BoP va rivisto per giocarcela"

Le Porsche hanno dominato la LMGTE Pro alla 6h del Bahrain contro le 488 depotenziate oltre misura da un BoP incomprensibile che, per l'ultimo round dell'anno, va assolutamente risistemato per non incorrere in diseguaglianze come quelle viste a Sakhir sabato.

WEC | Amaro podio Ferrari: "Il BoP va rivisto per giocarcela"

Tendenzialmente salire sul podio di una gara endurance è sinonimo di obiettivi raggiunti e relativi sorrisi, ma quanto accaduto alle Ferrari in Bahrain è esattamente l'opposto.

La 6h del FIA World Endurance Championship disputata a Sakhir è stata una vero e proprio calvario per le 488 GTE Evo della AF Corse impegnate in Classe LMGTE Pro.

L'assurdo Balance of Performance comunicato nei giorni scorsi da FIA WEC ed ACO ha letteralmente tagliato le gambe (anzi, le gomme!) alle Rosse #51 e #52 di Alessandro Pier Guidi/James Calado e Miguel Molina/Daniel Serra.

Leggi anche:

Quello che già alla vigilia era stato il campanello d'allarme e l'appello lanciato dagli uomini di Maranello si basava sul fatto che le modifiche (attuate tenendo conto dei due eventi precedentemente disputati) dovrebbero sempre restare entro i 10kW (13,6CV) - in più o in meno - mentre in Bahrain le Ferrari si sono ritrovate addirittura con -25CV.

Il regolamento del FIA WEC dice anche che, una volta comunicati i parametri di BoP, essi non possono essere cambiati durante l'evento, fatta eccezione per il fine settimana della 24h di Le Mans (che non viene comunque calcolata per definirli, essendo una gara considerata 'a parte'), oppure a discrezione della Commissione WEC in base ai risultati.

Non si è quindi capito il perché di tali scelte a livello di potenza, così come il fatto che il collegio dei Commissari Sportivi, una volta avuto sotto gli occhi tutti i tempi e i risultati delle prestazioni delle 488 - palesemente più lente delle Porsche e addirittura superate pure da alcune LMGTE Am - non abbiano fatto dietrofront dandole quantomeno la potenza per giocarsela alla pari, come era stato nelle altre gare sin qui viste.

E' dunque andata nel peggiore dei modi, con Pier Guidi/Calado e Molina/Serra ad arrancare dietro alle due 911 RSR-19 del team Manthey, che Kévin Estre/Neel Jani e Gimmi Bruni/Richard Lietz non hanno dovuto far altro che condurre al traguardo serenamente, quasi con il braccio fuori dal finestrino, e magari ordinando pure il caffè ogni volta che passavano sul rettilineo.

Il risultato, compromesso in partenza, ha negato ogni possibilità ai portacolori del Cavallino Rampante di difendere la propria leadership, mantenuta da Pier Guidi/Calado per un solo punto fra i piloti e persa dalla squadra nei confronti del marchio tedesco.

Il bubbone della polemica, che già era esploso nel pre-gara, è proseguito anche in Parco Chiuso e nel post, quando il piemontese e l'inglese sono saliti sul podio con musi a dir poco lunghissimi, ritirando la coppetta dei terzi classificati e venendo via rapidamente senza nemmeno stappare le bottiglie con i rivali di Porsche.

#51 AF Corse Ferrari 488 GTE Evo: Alessandro Pier Guidi, James Calado

#51 AF Corse Ferrari 488 GTE Evo: Alessandro Pier Guidi, James Calado

Photo by: JEP / Motorsport Images

“Non siamo stati messi nelle condizioni di poterci confrontare ad armi pari con i nostri avversari e questo è deludente - afferma Pier Guidi, che già non le aveva mandate a dire alla vigilia - Noi abbiamo sempre dato il massimo, in ogni gara, sfruttando il potenziale della nostra vettura e non credo che questo debba ritorcersi contro. Non credo sia bello per lo sport”.

Calado aggiunge: “Sono ovviamente dispiaciuto perché oggi non siamo stati messi nelle condizioni di poter lottare per almeno cercare di vincere il campionato. Questa decisione può cambiare drasticamente la classifica ed è un peccato che tutto il lavoro di una stagione portato avanti da Ferrari, AF Corse, Alessandro e me rischi di venire vanificato".

"Il terzo posto era il massimo a cui potevamo ambire oggi, come avevo detto prima del via della corsa. Le Porsche hanno potuto gareggiare senza prendere rischi o sfruttare tutto il loro potenziale".

"Speriamo che venga ripristinato almeno il BoP di Monza che aveva prodotto una gara combattuta ad armi pari, spettacolare per il pubblico, cosa che non si può dire della corsa di oggi”.

Spera in qualcosa di meglio per il prossimo impegno Molina: “La gara è stata molto dura soprattutto a causa del caldo, ma abbiamo fatto tutto quello che era nelle nostre possibilità. Il passo era molto buono e questo è un dato da cui ripartire per la 8 ore. Anche se le condizioni saranno diverse, credo che abbiamo una buona base da cui ricominciare e che dovremo sfruttare per ottenere un buon risultato”.

D'accordo anche Serra: “Non è stata una gara molto divertente e abbiamo fatto il massimo che era alla nostra portata. Anzi, credo che la nostra sia stata un’ottima prova, con un buon ritmo”.

Fra meno di una settimana si svolgerà la 8h del Bahrain che porterà a termine la stagione 2021 del FIA WEC, assegnando i titoli iridati nelle varie categorie.

I vertici Ferrari hanno storto il naso per come è andata la prima delle due corse di Sakhir e il responsabile delle Competizioni GT, Antonello Coletta, cerca di trattenere l'ira funesta restando dentro la massima professionalità ed educazione possibile nelle sue parole, augurandosi interventi immediati.

“Come sollevato alla vigilia, il Balance of Performance si è dimostrato particolarmente penalizzante per le nostre vetture, come conferma il ritmo tenuto in gara e il risultato di questa 6 ore", dice Coletta.

"Ci dispiace non poter difendere la leadership acquisita nelle precedenti occasioni, frutto di gare sempre belle ed appassionanti".

"Ci auguriamo che vengano ristabiliti criteri corretti per il BoP nell’ultima gara, per provare a lottare ad armi pari per la conquista dei titoli mondiali”.

#51 AF Corse Ferrari 488 GTE Evo: Alessandro Pier Guidi, James Calado

#51 AF Corse Ferrari 488 GTE Evo: Alessandro Pier Guidi, James Calado

Photo by: JEP / Motorsport Images

condivisioni
commenti
WEC | Toyota e Porsche trionfano passeggiando alla 6h del Bahrain
Articolo precedente

WEC | Toyota e Porsche trionfano passeggiando alla 6h del Bahrain

Prossimo Articolo

WEC | Perrodo porta AF Corse, Rovera e Nielsen in LMP2 nel 2022

WEC | Perrodo porta AF Corse, Rovera e Nielsen in LMP2 nel 2022
Carica commenti
WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh Prime

WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh

Dopo che FIA ed IMSA hanno raggiunto l'accordo per fare correre le Hypercar del FIA World Endurance Championship contro le LMDh in IMSA WeatherTech SportsCar Championship dal 2023, vediamo quali scenari si possono aprire per team, piloti, Case, calendari e format di gara.

WEC
17 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti... Prime

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti...

La mitica Mazda 787 è considerata una delle più popolari auto vincitrici della 24 Ore di Le Mans, ma fino al suo successo a sorpresa di 30 anni fa, non era mai stata considerata come favorita. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza un nuovo partner tecnico, alcune astute manovre politiche e un curioso 'autogol' di un rivale.

WEC
14 ago 2021
Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi Prime

Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi

Nel fine settimana della 8 Ore di Portimao del FIA World Endurance Championship, la Toyota ha raggiunto le 100 gare nel Mondiale coi suoi prototipi. Ecco le principali pietre miliari di un percorso che era iniziato quasi 40 anni fa nel Gruppo C.

WEC
8 ago 2021
Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto Prime

Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto

L'Hypercar di Maranello che farà il suo ritorno a Le Mans nel 2023 per vincere la classifica assoluta è ancora tutta sulla carta: per ora è filtrato solo il numero di progetto, perchè il nome della vettura non esiste. Lo staff tecnico diretto dall'ingegner Ferdinando Cannizzo si sta formando: Antonello Coletta, che è a capo del progetto, vuole unire tutte le esperienze aziendali pescando risorse dal GT ma anche dalla F1, dalla gestione industriale e dal... mercato.

WEC
26 lug 2021
Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar Prime

Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar

In questo nuovo video di Motorsport.com, Francesco Corghi e Beatrice Frangione raccontano in dettaglio la nuovissima Hypercar della Casa del Leone: scopriamola assieme con tutte le immagini raccolte durante la presentazione.

WEC
23 lug 2021
Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar! Prime

Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar!

Le Hypercar di Toyota e Glickenhaus saranno le grandi protagoniste della 24h di agosto, ma la 'vecchia' Alpine LMP1 e le Oreca 07-Gibson della seconda categoria hanno molte carte a loro favore. Scopriamo quali e perché.

Le Mans
21 lug 2021
La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar? Prime

La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar?

La Casa del Leone ha presentato la sua 9X8, che va ad aggiungersi alle già presenti e attive Toyota e Glickenhaus. Ma le forme definite "rivoluzionarie" del prototipo francese possono portare finalmente a qualcosa di distinguibile e vario nell'endurance e a Le Mans.

WEC
11 lug 2021