WEC | Alpine LMDh in pista nell'estate 2023: "Siamo attivissimi"

La Casa francese sta portando avanti il progetto del nuovo prototipo per il 2024 con rallentamenti imposti prevalentemente da Oreca, che doveva omologare prima la Acura. Ora via libera per le operazioni assieme al Team Signatech e ai piloti, fra i quali Lapierre mostra la sua carica.

WEC | Alpine LMDh in pista nell'estate 2023: "Siamo attivissimi"
Carica lettore audio

Seppur con un passo indietro rispetto ad altri Costruttori, proseguono i lavori in casa Alpine nella realizzazione della LMDh con cui scenderà in pista nel 2024.

La Casa francese aveva annunciato nell'ottobre 2021 l'intenzione di abbracciare il concetto di nuovo prototipo ibrido in collaborazione con Oreca per essere in azione nel FIA World Endurance Championship e anche in IMSA SportsCar Championship con eventuali squadre clienti.

Di tutti i marchi che hanno preferito questa strada piuttosto che quella delle Hypercar, Alpine è sicuramente l'ultimo nell'ordine ad aver fornito indicazioni su come sarà il mezzo, del quale si sa pochissimo e la cui realizzazione è ancora ad uno stadio primordiale.

Per ora è noto che il motore sta girando al banco prova e che le operazioni hanno avuto alcune frenate imposte prevalentemente da Oreca, che prima doveva omologare il telaio per la Acura dato che la ARX-06 esordirà alla 24h di Daytona di fine gennaio prossimo.

Nel frattempo a Viry-Châtillon, chiusa la stagione 2022 del Mondiale Endurance al secondo posto tra piloti e marchi, assieme al Team Signatech hanno scelto di tornare l'anno venturo in Classe LMP2 per poi aprire il capitolo LMDh successivamente.

Alpine Alpenglow

Alpine Alpenglow

Intanto al Motor Show di Parigi, tenutosi ad ottobre, è stata presentata la futuristica Alpenglow, concept-car che non sarà un riferimento per la futura macchina da competizione, ma con qualcosa che potrà legare entrambe.

"La Alpenglow incarna alcune caratteristiche della nostra LMDh del 2024 e la nostra intenzione è quella di schierare due vetture", ha dichiarato Philippe Sinault, resonsabile di Signatech, presente all'anteprima del docu-film sulla 24h di Le Mans 2022.

"Il team di progettazione è venuto di recente nei nostri laboratori per presentare i suoi risultati ed è stato un momento importante della nostra collaborazione. Siamo in piena attività".

Si attendono non solo sviluppi sull'auto, ma anche notizie su chi la guiderà. André Negrão, Matthieu Vaxivière e Nicolas Lapierre hanno rappresentato Alpine negli ultimi due anni di WEC al volante della vecchia A480 LMP1 e dovrebbero continuare a lavorare anche sulla LMDh.

Per ora non si sa nulla con certezza, ma Lapierre pare essere quello principalmente indicato come responsabile del suo sviluppo.

#36 Alpine Elf Team Alpine A480 - Gibson LMP1: Nicolas Lapierre

#36 Alpine Elf Team Alpine A480 - Gibson LMP1: Nicolas Lapierre

Photo by: JEP / Motorsport Images

"Più di un anno fa ho preso le redini della Cool Racing e nel 2024 sarò molto impegnato con quel team, ma parteciperò allo sviluppo della nuova Alpine che scenderà in pista nell'estate del 2023", ha detto l'esperto pilota francese.

"È un progetto meraviglioso e sono impaziente di vederlo. Ho partecipato all'avventura di Alpine fin dal suo ritorno alle gare endurance e siamo riusciti a vincere la 24h di Le Mans in Classe LMP2 per tre volte".

"La squadra è maturata molto negli ultimi due anni, lottando contro Toyota e Glickenhaus. Abbiamo molte ambizioni per il 2024".

Leggi anche:
condivisioni
commenti

Lamborghini LMDh: ecco le forme dal modello in galleria del vento

WEC | Isotta Fraschini: ecco com'è fatta la Tipo 6 LMH-C