Prologo: a sei ore dalla fine la Toyota ha già superato quota 3700 km

condivisioni
commenti
Prologo: a sei ore dalla fine la Toyota ha già superato quota 3700 km
Guido Schittone
Di: Guido Schittone
07 apr 2018, 08:22

A sei ore dalla conclusione del prologo, la TS050 numero 7 continua a inanellare giri su giri senza problemi. Dietro le vetture giapponesi ci sono BR1 e Rebellion. Dominio Porsche in GTE PRO. La sfortuna ferma Pier Guidi-Calado

Anthony Davidson, Jose Maria Lopez
#7 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Mike Conway, Alexander Wurz, Jose Maria Lopez, Sébastien Buemi, Anthony Davidson
Matevos Isaakyan, SMP Racing Dallara BR1 LMP1
#17 SMP Racing BR Engineering BR1: Stéphane Sarrazin, Egor Orudzhev, Matevos Isaakyan
#4 ByKolles Racing Team Enso CLM P1/01
#91 Porsche GT Team Porsche 911 RSR: Richard Lietz, Gianmaria Bruni

Continua senza soste la simulazione delle 30 Ore da parte della Toyota TS050 numero 7 sulla quale sono saliti a turno Anthony Davidson, Sebastien Buemi e lo stesso Mike Conway, che ha segnato il miglior rilievo ieri pomeriggio sull’esemplare ad alto carico, la TS050 numero 8. La vettura ha girato per tutta la notte e quando mancano poco più di sei ore alla conclusione del prologo ha percorso oltre 650 giri dell’autodromo francese, corrispondenti a 3764km. La TS050 ha marciato come un orologio senza incontrare particolari problemi.

Più a singhiozzo il test di tutte le altre LMP1. Entrambe le BR1-Dallara del team SMP sono scese nei tempi con l’esemplare di Aleshin-Petrov che ha infranto la barriera del 1’38 e per il momento è in terza posizione con 1’37”034, davanti alla Rebellion di Lotterer-Senna, 1’37”044, all’altra BR1 di Sarrazin-Isaakyan-Orudzhev, 1’37”574 e alla sorprendente CLM della ByKolles che Dillman-Kraihamer hanno portato a 1’37”795 e soprattutto a compiere ben 239 tornate contro le 144 di chi si trova al terzo posto. Più indietro, ma con distacchi risibili, vi sono la terza BR1 Dallara a motore Gibson della DragonSpeed e le due Ginetta:nella notte ha girato l’esemplare appena montato di Robertson-Stoneman-Roussel.

In GTE PRO nulla sembra fermare le Porsche RSR: Lietz-Bruni e Estre-Christensen sono davanti; entrambe le vetture hanno interrotto le prove attorno all’1,30 e le hanno riprese alle 8 ma sembrano avere un passo irraggiungibile per chiunque. Terze e quarta sono le Ford GT, mentre stanno simulando le 30 Ore complete la BMW M8 di Eng-Tomczyck-Catsburg, per loro 571 giri, e la Aston Martin Vantage di Sorensen-Thiim-Turner che di tornate ne ha percorse 672.

Cattive nuove, infine, per la Ferrari di Pier Guidi-Calado. Ieri sera, infatti, la vettura nel corso di un rifornimento ha avuto un principio di incendio che ha causato danni ai cablaggi. La vettura, che già nelle previsioni avrebbe dovuto compiere  giri di puro collaudo, è stata quindi ritirata dall’evento. Qualche tornata la sta compiendo la 71 con Bird e Rigon ma entrambi non stanno cercando i tempi di rilievo. Tra le GTE AM, infine, nessuno sembra fermare lo stratpotere delle Porsche RSR che sono una attaccata all'altra.

Prossimo Articolo
La Toyota a basso carico ha raggiunto i 347,3kmh. Ma al Ricard non paga

Articolo precedente

La Toyota a basso carico ha raggiunto i 347,3kmh. Ma al Ricard non paga

Prossimo Articolo

Toyota chiude il Prologo con il record e quasi una Le Mans intera

Toyota chiude il Prologo con il record e quasi una Le Mans intera
Carica commenti