Spa, Libere 1: Fernando Alonso si presenta con il miglior tempo

Fernando Alonso ha preceduto il compagno in Toyota Mike Conway in una sessione in cui la Rebellion-Gibson di Thomas Laurent e la BR1 di Ben Hanley sono state vicinissime alle due TS050. Problemi invece per le BR1 del team SMP

Spa, Libere 1: Fernando Alonso si presenta con il miglior tempo
#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso
#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi
#10 Dragonspeed BR Engineering BR1: Henrik Hedman, Ben Hanley, Renger Van der Zande
SMP Racing BR Engineering BR1, dettaglio
#1 Rebellion Racing Rebellion R-13: Andre Lotterer, Neel Jani, Bruno Senna, Mathias Beche, Gustavo Menezes, Thomas Laurent
#912 Porsche Team North America Porsche 911 RSR, GTLM: Gianmaria Bruni
Carica lettore audio

Prime prove libere per la 6 Ore di Spa-Francorchamps che hanno confermato sia la supremazia delle Toyota TS050 sia le potenzialità delle vetture endotermiche. Fernando Alonso ha ottenuto il miglior tempo con 1’58”392 davanti a Mike Conway, 1’58”629. Ma al terzo posto è salita senza apparenti problemi la Rebellion-Oreca di Thomas Laurent con 1’58”849.

E non troppo distante dalle uniche LMP1 ibride presenti nel WEC è anche la BR1-Dallara a motore Gibson che Ben Hanley a metà sessione ha spinto a 1’59”321 davanti alla seconda Rebellion di Bruno Senna e alla CLM di Tom Dillman. Interessanti i dati parziali: la Toyota ha avuto la supremazia nel primo e nel terzo settore; la Dallara BR della DragonSpeed nel secondo. In fatto di velocità massima la migliore è stata la BR AER di Aleshin con 315kmh, lo stesso dato della Rebellion di Laurent mentre le Toyota non hanno superato i 309kmh.

L'elettronica tradisce le BR1 SMP

In leggera crisi sembrano essere le due BR1 della SMP. Quella del giovane Orudhzev è stata ferma ai box in sostanza fin dall’inizio delle prove, afflitta da problemi elettronici, con il motore AER che ratava senza offrire potenza per un probabile problema al sistema del drive by wire dell’acceleratore. Il pilota russo solo negli ultimi minuti è riuscito a inanellare poche tornate , riuscendo con 2’01”499 a precedere la prima LMP2, l’Oreca di Pastor Maldonado, velocissimo con l’esemplare della Dragonspeed. Al nono posto l’altra BR1-AER di Aleshin, anch’essa poco presente in pista con appena 11 giri effettuati.

Ai box sono rimaste le due Ginetta. Solo un installation lap per una delle due più per onor di firma che per altro. Il problema sembra essere di natura economica, legato a pendenze dello sponsor con lo stato cinese.

Le LMP1 endotermiche si fermeranno due giri prima

Ma il vero guaio inerente le LMP1 endotermiche è che per Spa, con l’attuale EoT, perderanno gran parte del vantaggio potenziale nei confronti delle Toyota. Al massimo potranno percorrere stint di 17 giri mentre le rivali e favorite vetture giapponesi ne avranno a disposizione almeno 19. E due tornate di vantaggio per quanto riguarda le soste nei confronti della concorrenza non sono pochi.

In GTE le Ford GT dettano il ritmo

In GTE PRO chi si attendeva il dominio delle Porsche RSR è rimasto parzialmente deluso: ad avere ottenuto le due migliori prestazioni sono state le Ford GT con Priaulx che ha girato in 2’15”014 davanti a Pla. Il primo del team di Weissach è Gimmi Bruni con Estre al quarto posto e la Ferrari 488 di James Calado-Alessandro Pier Guidi al quinto. Per la cronaca tutti i primi delle GTE PRO sono stati più veloci dei tempi ottenuti nella stessa sessione nel 2017. Il problema delle vetture italiane sembra risiedere nella velocità che è di gran lunga inferiore a quella di Ford e Porsche: 267,6kmh per James Calado contro i 272,9 di Billy Johnson. Male, sul fronte della velocità pura, anche le Aston Martin Vantage, molto lente.

In GTE AM Matteo Cairoli è stato il migliore con la RSR della Proton: il comasco ha girato in 2'16"601, rifilando distacchi pesanti a tutti gli altri. Questo pomeriggio, dalle 16,45 alle 18,15 si svolgerà la seconda sessione.

Cla#PilotiAutoClassGiriTempoGapDistaccokm/h
1 8 spain Fernando Alonso 
japan Kazuki Nakajima 
switzerland Sébastien Buemi 
Toyota TS050 Hybrid LMP1 35 1'58.392     212.973
2 7 japan Kamui Kobayashi 
united_kingdom Mike Conway 
argentina José María López 
Toyota TS050 Hybrid LMP1 36 1'58.629 0.237 0.237 212.548
3 3 switzerland Mathias Beche 
france Thomas Laurent 
united_states Gustavo Menezes 
Rebellion R13 - Gibson LMP1 32 1'58.849 0.457 0.220 212.154
4 10 sweden Henrik Hedman 
united_kingdom Ben Hanley 
brazil Pietro Fittipaldi 
BR Engineering BR1 - Gibson LMP1 30 1'59.321 0.929 0.472 211.315
5 1 germany André Lotterer 
brazil Bruno Senna 
switzerland Neel Jani 
Rebellion R13 - Gibson LMP1 24 1'59.681 1.289 0.360 210.680
6 4 united_kingdom Oliver Webb 
austria Dominik Kraihamer 
france Tom Dillmann 
ENSO CLM P1/01 - Nismo LMP1 18 2'00.132 1.740 0.451 209.889
7 17 france Stéphane Sarrazin 
russia Matevos Isaakyan 
russia Egor Orudzhev 
BR Engineering BR1 - AER LMP1 9 2'01.499 3.107 1.367 207.527
8 31 venezuela Pastor Maldonado 
france Nathanaël Berthon 
mexico Roberto Gonzalez 
Oreca 07 - Gibson LMP2 28 2'03.494 5.102 1.995 204.175
9 11 russia Vitaly Petrov 
russia Mikhail Aleshin 
BR Engineering BR1 - AER LMP1 11 2'03.906 5.514 0.412 203.496
10 36 france Nicolas Lapierre 
france Pierre Thiriet 
brazil André Negrao 
Alpine A470 - Gibson LMP2 27 2'04.134 5.742 0.228 203.122
11 26 france Jean-Éric Vergne 
russia Roman Rusinov 
france Andrea Pizzitola 
Oreca 07 - Gibson LMP2 28 2'04.198 5.806 0.064 203.017
12 37 malaysia Nabil Jeffri 
Weiron Tan 
malaysia Jazeman Jaafar 
Oreca 07 - Gibson LMP2 28 2'04.381 5.989 0.183 202.719
13 38 china Ho-Pin Tung 
monaco Stéphane Richelmi 
france Gabriel Aubry 
Oreca 07 - Gibson LMP2 30 2'04.558 6.166 0.177 202.430
14 29 netherlands Jan Lammers 
netherlands Giedo van der Garde 
netherlands Frits van Eerd 
Dallara P217 - Gibson LMP2 24 2'04.693 6.301 0.135 202.211
15 28 france Loïc Duval 
france François Perrodo 
france Matthieu Vaxivière 
Oreca 07 - Gibson LMP2 36 2'04.726 6.334 0.033 202.158
16 50 brazil Fernando Rees 
france Romano Ricci 
france Erwin Creed 
Ligier JSP217 - Gibson LMP2 25 2'06.511 8.119 1.785 199.305
17 67 united_kingdom Harry Tincknell 
brazil Tony Kanaan 
guernsey Andy Priaulx 
Ford GT LMGTE PRO 30 2'15.014 16.622 8.503 186.753
18 66 germany Stefan Mücke 
france Olivier Pla 
united_states Billy Johnson 
Ford GT LMGTE PRO 30 2'15.273 16.881 0.259 186.396
19 91 italy Gianmaria Bruni 
austria Richard Lietz 
Porsche 911 RSR LMGTE PRO 29 2'15.631 17.239 0.358 185.904
20 92 denmark Michael Christensen 
france Kevin Estre 
Porsche 911 RSR LMGTE PRO 26 2'15.717 17.325 0.086 185.786
21 51 united_kingdom James Calado 
italy Alessandro Pier Guidi 
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE PRO 25 2'16.397 18.005 0.680 184.860
22 88 united_arab_emirates Khaled Al Qubaisi 
italy Matteo Cairoli 
italy Giorgio Roda 
Porsche 911 RSR LMGTE AM 32 2'16.601 18.209 0.204 184.584
23 82 portugal António Félix Da Costa
united_kingdom Tom Blomqvist 
BMW M8 GTE LMGTE PRO 33 2'16.606 18.214 0.005 184.577
24 71 united_kingdom Sam Bird 
italy Davide Rigon 
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE PRO 25 2'16.789 18.397 0.183 184.330
25 86 united_kingdom Michael Wainwright 
united_kingdom Ben Barker 
Alex Davison 
Porsche 911 RSR LMGTE AM 30 2'17.552 19.160 0.763 183.308
26 81 netherlands Nick Catsburg 
germany Martin Tomczyk 
BMW M8 GTE LMGTE PRO 31 2'17.812 19.420 0.260 182.962
27 97 united_kingdom Jonathan Adam 
belgium Maxime Martin 
united_kingdom Alex Lynn 
Aston Martin Vantage AMR LMGTE PRO 33 2'17.993 19.601 0.181 182.722
28 77 germany Christian Ried 
Matt Campbell 
france Julien Andlauer 
Porsche 911 RSR LMGTE AM 27 2'18.006 19.614 0.013 182.705
29 56 germany Jörg Bergmeister 
united_states Patrick Lindsey 
norway Egidio Perfetti 
Porsche 911 RSR LMGTE AM 29 2'18.108 19.716 0.102 182.570
30 95 denmark Marco Sorensen 
denmark Nicki Thiim 
united_kingdom Darren Turner 
Aston Martin Vantage AMR LMGTE PRO 31 2'18.227 19.835 0.119 182.412
31 90 turkey Salih Yoluç 
united_kingdom Euan Hankey 
ireland Charlie Eastwood 
Aston Martin Vantage LMGTE AM 33 2'18.355 19.963 0.128 182.244
32 98 portugal Pedro Lamy 
canada Paul Dalla Lana 
austria Mathias Lauda 
Aston Martin Vantage LMGTE AM 34 2'18.458 20.066 0.103 182.108
33 61 ireland Matt Griffin 
malaysia Mok Weng Sun 
japan Keita Sawa 
Ferrari 488 GTE LMGTE AM 29 2'19.147 20.755 0.689 181.206
34 70 monaco Olivier Beretta 
Ishikawa Motoaki 
italy Eddie Cheever III 
Ferrari 488 GTE LMGTE AM 32 2'19.317 20.925 0.170 180.985
35 54 italy Giancarlo Fisichella 
italy Francesco Castellacci 
switzerland Thomas Flohr 
Ferrari 488 GTE LMGTE AM 31 2'20.300 21.908 0.983 179.717
condivisioni
commenti
Rigon: "Spa è la mia pista preferita e cercherò di vincere"
Articolo precedente

Rigon: "Spa è la mia pista preferita e cercherò di vincere"

Prossimo Articolo

Alonso rivela: "La Toyota? L'ho studiata anche ieri notte!"

Alonso rivela: "La Toyota? L'ho studiata anche ieri notte!"
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Il (mezzo) colpo al cuore di WRT Prime

Le migliori gare del 2021: Il (mezzo) colpo al cuore di WRT

Una 24 Ore viene dichiarata chiusa alla bandiera a scacchi. A volte è il destino a mettersi in mezzo a sogni di gloria ormai coronati e quest'anno la storia si è ripetuta ai danni di Ye/Kubica/Delétraz, proprio a pochi km dal termine.

Le Mans
15 gen 2022
WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh Prime

WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh

Dopo che FIA ed IMSA hanno raggiunto l'accordo per fare correre le Hypercar del FIA World Endurance Championship contro le LMDh in IMSA WeatherTech SportsCar Championship dal 2023, vediamo quali scenari si possono aprire per team, piloti, Case, calendari e format di gara.

WEC
17 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti... Prime

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti...

La mitica Mazda 787 è considerata una delle più popolari auto vincitrici della 24 Ore di Le Mans, ma fino al suo successo a sorpresa di 30 anni fa, non era mai stata considerata come favorita. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza un nuovo partner tecnico, alcune astute manovre politiche e un curioso 'autogol' di un rivale.

WEC
14 ago 2021
Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi Prime

Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi

Nel fine settimana della 8 Ore di Portimao del FIA World Endurance Championship, la Toyota ha raggiunto le 100 gare nel Mondiale coi suoi prototipi. Ecco le principali pietre miliari di un percorso che era iniziato quasi 40 anni fa nel Gruppo C.

WEC
8 ago 2021
Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto Prime

Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto

L'Hypercar di Maranello che farà il suo ritorno a Le Mans nel 2023 per vincere la classifica assoluta è ancora tutta sulla carta: per ora è filtrato solo il numero di progetto, perchè il nome della vettura non esiste. Lo staff tecnico diretto dall'ingegner Ferdinando Cannizzo si sta formando: Antonello Coletta, che è a capo del progetto, vuole unire tutte le esperienze aziendali pescando risorse dal GT ma anche dalla F1, dalla gestione industriale e dal... mercato.

WEC
26 lug 2021
Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar Prime

Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar

In questo nuovo video di Motorsport.com, Francesco Corghi e Beatrice Frangione raccontano in dettaglio la nuovissima Hypercar della Casa del Leone: scopriamola assieme con tutte le immagini raccolte durante la presentazione.

WEC
23 lug 2021
Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar! Prime

Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar!

Le Hypercar di Toyota e Glickenhaus saranno le grandi protagoniste della 24h di agosto, ma la 'vecchia' Alpine LMP1 e le Oreca 07-Gibson della seconda categoria hanno molte carte a loro favore. Scopriamo quali e perché.

Le Mans
21 lug 2021