Spa, 6°Ora: è trionfo Audi con Jarvis-Di Grassi-Duval

Seconda la Porsche di Lieb-Dumas-Jani in una gara nervosissima costellata da continui colpi di scena. Vittoria per la Ferrari di Rigon-Bird tra le GTE PRO dopo che Calado ha rotto a dieci minuti dalla fine. Grande volata in LMP2

Nella corsa più pazza da almeno due anni a questa parte è successo di tutto ed è nell'ordine folle delle cose che la vittoria sia andata a quella che alla vigilia era la vettura meno accreditata alla vigilia:l'Audi numero 8, quella che ha sempre creato problemi fin dall'inizio del campionato, affidata a Di Grassi-Duval-Jarvis. Per il trio, considerato d'appoggio alle "prime" guide Lotterer-Treluyer-Faessler si tratta della prima affermazione. Meritata per come hanno saputo gestire una gara nervosa, piena di colpi a sorpresa dall'inizio alla fine, condita da uno spettacolare incidente alla Ford GT di Stefan Muecke che fortunatamente si è rivelato privo di conseguenze gravi.

LMP1 senza affidabilità

Per l'Audi si sarebbe trattato della seconda affermazione sul campo in due gare, se non ci fosse stata l'esclusione della R18 vincitrice a Silverstone. Ma allo stesso tempo la 6 Ore di Spa-Francorchamps ha mostrato preoccupanti segnali di mancanza di affidabilità per tutte le LMP1. Le favoritissime Porsche possono considerarsi fortunate ad avere agguantato il secondo gradino del podio con Lieb-Dumas-Jani, che hanno guidato tutta la corsa prive dell'uso del differenziale anteriore e dell'ibrido, dopo che l'esemplare di punta di fatto era stato estromesso dalla corsa per un ancora più grave problema al complesso sistema dell'ibrido all'avantreno. E la Toyota, dominatrice delle prime quattro ore ed autentica protagonista , ha dovuto alzare bandiera bianca per rottura del propulsore. 

Anche la Ferrari di Bruni-Calado kappao

La corsa è stata folle per i tanti errori di guida, per le forature subite, dovute dai tanti detriti raccolti, e per la scomparsa progressiva di molti protagonisti. Persino la Ferrari 488 GTE che aveva dominato la gara fino a 10' dalla fine si è fermata con il motore kappao, lasciando la vittoria a Rigon-Bird che confermano la prima affermazione ottenuta a Silverstone.

Persino in LMP2 non c'è stata tranquillità con una volata finale tra l'Alpine di Lapierre che con uno spettacolare sorpasso si è ripreso la posizione ai danni dell'Oreca di Derani che è stata attaccata dalla Ligier di Albuquerque.

Dopo un lungo periodo di neutralizzazione dietro la safety car per liberare l'Eau Rouge dal relitto della Ford GT di Muecke e riparare le barriere all'esterno della curva più spettacolare del circuito, la corsa riprende per gli ultimi fuochi. L'Audi di comando si è fermata ai box durante il regime per sostituire il musetto e sembra che ci siano anche problemi di telemetria ma il vantaggio sulla Porsche è talmente elevato che la situazione nel team di Ingolstadt sembra essere sotto controllo. Piuttosto è in LMP2 che avviene una piccola rivoluzione perché Roberto Mehri ne combina un'altra dopo ciò che gli era accaduto al via: lo spagnolo esce con il rosso dalla corsia box e gli viene comminato un drive through. Questo cambia la classifica di classe con la Ligier di Albuquerque che ha la concreta possibilità di salire in terza posizione dietro alla Oreca di Derani e all'Alpine di Lapierre. C'è lotta anche in GTE AM con la Ferrari di Perrodo che scende al terzo poso, dietro all'Aston Martin di Lamy e alla Porsche di Long e davanti alla Corvette di Ragues-Ruberti-Yamagishi mentre non sembrano esserci problemi per le due Ferrari 488 dell'AF Corse che aspettano lo scoccare dell'ultima ora per portare a casa un'altra doppietta davanti alla Ford di Franchitti-Priaulx-Tincknell.

Col fiato in gola fino alla fine

Gli ultimi brividi riguardano Faessler che ancora una volta ha un problema alla Source e rompe il musetto. Subito dopo si ferma Calado con il propulsore rotto, poi è la volta del trio delle LMP2 in lotta e della Corvette di Ragues che va a  conquistare il terzo posto tra le GTE AM. Il giro finale vede l'Audi di Jarvis in apnea tagliare il traguardo. Dietro di lui la Porsche di Dumas mai stata competitiva e la Rebellion di Imperatori mentre tagliano il traguardo anche la Toyota di Buemi, in pista con il solo sistema ibrido e la Porsche di Hartley, giusto per prendere punti utili per il mondiale costruttori avendo percorso il 70 per cento dei giri.

 

P.PilotaTeamAutoTempoGiri
1 FranciaLoïc Duval 
Regno UnitoOliver Jarvis 
BrasileLucas Di Grassi 
GermaniaAudi Sport Team Joest Audi R18 E-Tron Quattro '16 6:032.112 160
2 GermaniaMarc Lieb 
FranciaRomain Dumas 
SvizzeraNeel Jani 
GermaniaPorsche Team Porsche 919 Hybrid '16 +2 laps 158
3 SvizzeraAlexandre Imperatori 
Matheo Tuscher 
AustriaDominik Kraihamer 
SvizzeraRebellion Racing Rebellion R-One +4 laps 156
4 BrasileNelson Piquet Jr. 
GermaniaNick Heidfeld 
FranciaNicolas Prost 
SvizzeraRebellion Racing Rebellion R-One +5 laps 155
5 GermaniaAndre Lotterer 
FranciaBenoit Tréluyer 
SvizzeraMarcel Fassler 
GermaniaAudi Sport Team Joest Audi R18 E-Tron Quattro '16 +5 laps 155
6 James Rossiter 
Regno UnitoOliver Webb 
SvizzeraSimon Trummer 
GermaniaKolles Racing CLM P1/01 +9 laps 151
7 FranciaNicolas Lapierre 
Stati UnitiGustavo Menezes 
Stephane Richelmi 
FranciaSignatech Alpine A460 +9 laps 151
8 Regno UnitoRyan Dalziel 
BrasilePipo Derani 
CanadaChris Cumming 
Extreme Speed Motorsports Ligier JS P2 +9 laps 151
9 SpagnaRoberto Merhi 
Matt Rao 
Regno UnitoRichard Bradley 
Regno UnitoManor ORECA 05 +9 laps 151
10 MessicoRicardo Gonzalez 
PortogalloFilipe Albuquerque 
BrasileBruno Senna 
RGR Sport by Morand Ligier JS P2 +9 laps 151
11 RussiaRoman Rusinov 
GermaniaRené Rast 
FranciaNathanaël Berthon 
RussiaG-Drive Racing ORECA 05 +10 laps 150
12 Regno UnitoSimon Dolan 
Giedo van der Garde 
Jake Dennis 
RussiaG-Drive Racing Gibson 015S +12 laps 148
13 Stati UnitiScott Sharp 
Stati UnitiEd Brown 
Stati UnitiJohannes van Overbeek 
Extreme Speed Motorsports Ligier JS P2 +14 laps 146
14 ItaliaDavide Rigon 
Regno UnitoSam Bird 
ItaliaAF Corse Ferrari 488 GTE +15 laps 145
15 ThailandiaTor Graves 
Regno UnitoWill Stevens 
Regno UnitoJames Jakes 
Regno UnitoManor ORECA 05 +16 laps 144
16 Regno UnitoAndy Priaulx 
Marino Franchitti 
Regno UnitoHarry Tincknell 
Stati UnitiChip Ganassi Racing Ford GT '16 +16 laps 144
17 Regno UnitoJonathan Adam 
Nuova ZelandaRichie Stanaway 
BrasileFernando Rees 
Regno UnitoAston Martin Racing Aston Martin Vantage V8 +16 laps 144
18 AustriaRichard Lietz 
DanimarcaMichael Christensen 
Dempsey-Proton Racing Porsche 911 RSR +18 laps 142
19 PortogalloPedro Lamy 
CanadaPaul Dalla Lana 
AustriaMathias Lauda 
Regno UnitoAston Martin Racing Aston Martin Vantage V8 +20 laps 140
20 FranciaEmmanuel Collard 
PortogalloRui Aguas 
FranciaFrançois Perrodo 
ItaliaAF Corse Ferrari F458 Italia +21 laps 139
21 ItaliaPaolo Ruberti 
Yutaka Yamagishi 
FranciaPierre Ragues 
FranciaLarbre Competition Chevrolet Corvette C7 GT3 +21 laps 139
22 GermaniaChristian Ried 
Joel Camathias 
GermaniaWolf Henzler 
CinaKCMG Porsche 911 RSR +21 laps 139
23 Mike Wainwright 
Regno UnitoAdam Carroll 
Ben Barker 
Regno UnitoGulf Racing UK Porsche 911 RSR +22 laps 138
24 Vitaly Petrov 
RussiaKirill Ladygin 
RussiaViktor Shaytar 
RussiaSMP Racing BR Engineering BR01 +24 laps 136
25 Emirati Arabi UnitiKhaled Al Qubaisi 
DanimarcaDavid Heinemeier Hansson
Stati UnitiPatrick Long 
GermaniaProton Competition Porsche 911 RSR +24 laps 136
26 AustraliaMark Webber 
Nuova ZelandaBrendon Hartley 
GermaniaTimo Bernhard 
GermaniaPorsche Team Porsche 919 Hybrid '16 +48 laps 112
27 Regno UnitoAnthony Davidson 
GiapponeKazuki Nakajima 
SvizzeraSébastien Buemi 
GiapponeToyota Racing Toyota TS050 HYBRID +50 laps
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WEC
Evento Spa
Sub-evento Sabato, gara
Circuito Spa-Francorchamps
Articolo di tipo Gara