WEC
22 feb
-
23 feb
Evento concluso
23 apr
-
25 apr
Prossimo evento tra
33 giorni

Sébastien Buemi: sì alla F.E in Messico, no al Prologo del WEC

condivisioni
commenti
Sébastien Buemi: sì alla F.E in Messico, no al Prologo del WEC
Di:
Tradotto da: Gabriele Testi, Direttore Responsabile Motorsport.com Switzerland
18 gen 2017, 15:14

Lo svizzero presenzierà venerdì 31 marzo a Monza al lancio della nuova Toyota LMP1, ma il giorno seguente raggiungerà la Renault e.dams oltre Atlantico al termine di un estenuante volo notturno...

Il vincitore della gara Sebastien Buemi, Renault e.Dams
Sébastien Buemi, Renault e.Dams
Sébastien Buemi, Renault e.Dams
Sam Bird, DS Virgin Racing
#5 Toyota Racing Toyota TS050 Hybrid: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Anthony Davidson
#5 Toyota Racing Toyota TS050 Hybrid: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Anthony Davidson
#5 Toyota Racing Toyota TS050 Hybrid: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Anthony Davidson
Sebastien Buemi, Toyota Racing

Sébastien Buemi, campione in carica della Formula E, è stato autorizzato dalla Toyota a ignorare il Prologo del Campionato del Mondo Endurance per partecipare all’ePrix di Città del Messico.

Il pilota svizzero ha l'obbligo di presenziare al momento del lancio della nuova LMP1 della Casa giapponese venerdì 31 marzo, ma gli sarà permesso perdere i test di Monza che seguiranno in quello stesso week end per gareggiare il sabato nella capitale messicana con l’équipe Renault e.dams.

Buemi arriverà a Mexico City all'inizio della mattinata il giono stesso della corsa, il che significa che dovrà effettuare le verifiche sportive in ritardo e che dovrà saltare a piè pari il briefing piloti e lo shake down del venerdì, pur essendo teoricamente in grado di prendere parte alle prove libere, salvo imprevedibili ritardi. 

Ad Autosport, settimanale appartenente al gruppo Motorsport.com, Sébastien ha detto: "La Toyota non ha mai avuto intenzione di bloccarmi, a patto che ci fosse una soluzione razionale. Quello (il primo aprile, ndr) sarebbe stato un normale giorno di prove e non avrei dovuto necessariamente essere lì...”.

"Non è un’impresa facile, perché atterrerò alle 4 del sabato mattina, ma almeno avrò l'opportunità di affrontare la gara e, forse, di non perdere troppo terreno in campionato".

Anche se ha ammesso che il volo notturno “non è certamente una soluzione ottimale" per la preparazione della trasferta in Messico, il driver elvetico ha aggiunto che "non è mia intenzione trovare delle scuse se le cose non dovessero andare bene”.

"In Argentina e in Messico l'anno scorso sono arrivato all’ultimo minuto e sono salito sul podio: fare bene non è impossibile". 

Sébastien Buemi è fortemente a rischio di dover perdere invece il doppio appuntamento di New York, perché i suoi impegni sulla LMP1 della Toyota nella concomitante 6 Ore del Nurburgring valida per WEC hanno carattere prioritario.

"So che al momento la FIA sta spingendo molto forte per evitare ‘scontri’ con la gara nella Grande Mela e mi aspetto che l’autorità sportiva possa trovare un rimedio", ha detto della situazione.

"In tutta onestà, faccio fatica a capire come non si riesca a trovare un modo per evitare concomitanze: abbiamo un totale di 20 week end da organizzare nell’arco di ben 48 o 49 settimane”.

"Se non si dovesse reperire una soluzione, spero che, concentrandomi a dovere prima di arrivare a New York, io possa avere l'opportunità di continuare comunque a battermi per il titolo". 

“Sfacchinata” anche per “Pechito” López

Il figlio d’arte Nicolas Prost, compagno di squadra di Sébastien Buemi alla Renault e.dams, darà vita anch’egli a un programma nella Classe LMP2 del WEC con il team Rebellion Racing, ma si ritiene che la sua trasferta agonistica alla volta del Messico non dovrebbe subire particolari scossoni o ritardi.

Sam Bird, portacolori Ferrari nel Gran Turismo, ha a propria volta una netta e trasparente autorizzazione a competere in America Centrale per la DS Virgin Racing.

Il fresco coéquipier di quest’ultimo, José María López, ha accettato di unirsi al programma LMP1 della Toyota in chiave 2017 e dovrà pertanto assistere a propria volta all'inaugurazione delle attività sportive il venerdì, prima di effettuare il volo notturno alla volta di Mexico City. 

Lo stesso vale per Stéphane Sarrazin, al via del Campionato FIA di Formula E con la Venturi, che potrebbe essere a propria volta coinvolto con il Marchio nipponico come potenziale membro dell’equipaggio di un terzo Sport Prototipo.

Prossimo Articolo
Franchitti: "Nel 2015 avrei dovuto correre nel WEC con Porsche"

Articolo precedente

Franchitti: "Nel 2015 avrei dovuto correre nel WEC con Porsche"

Prossimo Articolo

Bruni insegue la sirena Porsche e vuole rompere con la Ferrari

Bruni insegue la sirena Porsche e vuole rompere con la Ferrari
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie WEC
Piloti Sébastien Buemi
Team Toyota Racing , DAMS
Autore Scott Mitchell