Nurburgring, 5°Ora: assurda penalità a Lieb. Webber al comando

condivisioni
commenti
Nurburgring, 5°Ora: assurda penalità a Lieb. Webber al comando
Guido Schittone
Di: Guido Schittone
24 lug 2016, 16:08

Il tedesco punito per un contatto con la RSR di Al Qubaisi in fase di doppiaggio. In testa la 919 Hybrid dei campioni del mondo mentre si sta scatenando un lotta feroce per il secondo posto tra Duval, Jani e Lotterer

#1 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Timo Bernhard, Mark Webber, Brendon Hartley
#1 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Timo Bernhard, Mark Webber, Brendon Hartley
#8 Audi Sport Team Joest Audi R18 e-tron quattro: Lucas di Grassi, Loic Duval, Oliver Jarvis
Loic Duval, Oliver Jarvis, Audi Sport Team Joest

La 6 Ore del Nurburgring rischia di essere pesantemente condizionata dalla direzione di corsa. Accade proprio all'inizio della 5.ora che la Porsche 919 di Marc Lieb, in quel momento al comando, vada a toccare la RSR di Al Qubaisi in fase di doppiaggio. La vettura che si trovava al terzo posto tra le GTE AM caracolla nella sabbia mentre Lieb riprende con un lo splitter danneggiato nella parte sinistra.

Subito viene esposta una terza e del tutto inutile full cour yellow per consentire al pilota che divide la vettura con Long di riprendere la via della pista. Ne approfittano tutti quanti per effettuare un quinto pit stop al termine nel quale Webber salito sulla Porsche numero 1 passa al comando davanti a Jani che prende il posto dell'ingegnere tedesco sulla 919 Hybrid vincitrice a Le Mans.

Le due vetture si involano con un vantaggio di oltre 20" sull'Audi di Duval-Di Grassi-Jarvis che si trova al terzo posto fino a quando, all'improvviso l'australiano non si fa da parte per farsi sfilare da Jani. Il motivo? Dalla direzione corsa giunge la notizia della penalizzazione alla Porsche numero 2 che costringe lo svizzero a rientrare ai box e a riparire proprio dietro all'Audi R18 di Loic Duval.

A memoria non ci si ricorda di una penalità rifilata a un pilota al comando di una corsa chiuso, anche se involontariamente, da un doppiato. Così a un'ora dalla fine cambiano le gerarchie: Webber-Bernhard-Hartley stanno conducendo  sul trio in lotta per il secondo posto, perché Lotterer si è avvicinato minacciosamente alla Porsche di Jani. In LMP2 Lapierre ha ormai in mano la corsa con i suoi compagni Richelmi e Menezes mentre in GTE PRO Calado e Bruni mantengono la testa con 7" di vantaggio sulla Vantage di Sorensen-Thiim e 18" sulla seconda Ferrari 488 di Rigon-Bird.

Prossimo articolo WEC
Fotogallery: le LMP1 del futuro, concept di fantasia per il 2030

Articolo precedente

Fotogallery: le LMP1 del futuro, concept di fantasia per il 2030

Prossimo Articolo

Rigon: "Al Fuji il meteo sarà un'incognita importante, ma siamo pronti"

Rigon: "Al Fuji il meteo sarà un'incognita importante, ma siamo pronti"
Carica commenti

Su questo articolo

Serie WEC
Evento Nürburgring
Sotto-evento Domenica, la gara
Location Nürburgring
Autore Guido Schittone
Tipo di articolo Gara