La Porsche 919 Evo demolisce il record del Nurburgring Nordschleife

condivisioni
commenti
La Porsche 919 Evo demolisce il record del Nurburgring Nordschleife
Di: Gary Watkins
29 giu 2018, 09:24

Timo Bernhard è riuscito a girare in 5'19'546'' al volante della Porsche 919 Evo abbassando di oltre un minuto il record stabilito nel 1983 da Stefan Bellof.

Porsche 919: Timo Bernhard
Porsche 919
Porsche 919: Timo Bernhard
Porsche 919: Timo Bernhard

Il due volte vincitore della 24 Ore di Le Mans, Timo Bernhard, è riuscito ad abbassare di un minuto il record centrato da Stefan Bellof nel 1983 che gli aveva regalato la pole al Nurburgring in occasione della 1000 Km.

Bernhard, che ha sempre dichiarato di essere stato un fan di Bellof, ha inanellato una serie di giri al volante della versione evoluta della Porsche 2017 LMP1 sino ad ottenere il nuovo record del tracciato in 5'19''546.

Gli altri giri realizzati da Bernhard sono stati chiusi in 5'31''899 e 5'24''375 alla guida della 919 Evo che a Spa Francorchamps aveva già abbassato il tempo della pole position ottenuto da Lewis Hamilton nel 2017.

La Porsche 919 Evo può vantare una maggiore potenza dal suo V4 turbo pari a 1160 cavalli, una aerodinamica attiva ed un 50% di downforce in più rispetto al modello utilizzato nel mondiale endurance oltre ad un sistema DRS applicato all'ala posteriore.

Il tempo ottenuto da Bellof al Nurburgring nel 1983 in 6'11'13, al volante della Rothmans Porsche 956 Gruppo C, non era stato mai scalfito sino ad oggi.

La Nordschleife, nel 1983, è stata utilizzata solamente per alcune competizioni come quelle riservate al Gruppo C nel mese di maggio ed un appuntamento del campionato europeo di F2 nel mese di aprile.

Prossimo Articolo
Corvette Racing al via della gara di Shanghai del FIA WEC

Articolo precedente

Corvette Racing al via della gara di Shanghai del FIA WEC

Prossimo Articolo

La FIA corre ai ripari: con il nuovo EoT le LMP1 endotermiche saranno più competitive nel confronto con la Toyota

La FIA corre ai ripari: con il nuovo EoT le LMP1 endotermiche saranno più competitive nel confronto con la Toyota
Carica commenti