La FIA corre ai ripari: con il nuovo EoT le LMP1 endotermiche saranno più competitive nel confronto con la Toyota

condivisioni
commenti
La FIA corre ai ripari: con il nuovo EoT le LMP1 endotermiche saranno più competitive nel confronto con la Toyota
Guido Schittone
Di: Guido Schittone
19 lug 2018, 12:43

Il Comitato Endurance in vista della 6 Ore di Silverstone ha modificato il rapporto di equivalenza concedendo a Rebellion, BR, Ginetta e Enso CLM 115kg/h di flusso di carburante. Le vetture aspirate peseranno 15kg in meno

Il Comitato Tecnico Endurance della FIA ha rivisto i parametri dell’EoT-il rapporto di equivalenza tra vetture ibride e endotermiche in LMP1-in vista del prossimo appuntamento di Silverstone, in programma il 19 agosto.

Come previsto si è cercato finalmente di porre su un piano di teorica parità le due tipologie di motorizzazione e di vetture, dopo che nelle prime due corse la Toyota non aveva trovato avversari realmente credibili, vincendo  a mani basse e senza troppa fatica sia la 6 Ore di Spa sia la 24 Ore di Le Mans.

La grande novità proviene dall’incremento del flusso di carburante nei propulsori endotermici che passa dai 108 ai 115kg/h unito a una maggiore rapidità nelle operazioni di rifornimento durante i pit stop.

Sia le due Rebellion sia la BR01 della DragonSpeed godranno poi di una riduzione di peso di 15kg rispetto a quello delle BR01 del team Smp, delle Ginetta-se proseguiranno la loro avventura- e della Enso CLM della ByKolles in virtù dell’utilizzo del motore aspirato Gibson invece dei sovralimentati AER,Mecachrome e Nissan. Di fatto le vetture della squadra svizzera e del team Usa avranno un peso minimo di 818kg mentre resta immutato quello della Toyota, fissato in 878kg e quello delle LMP1 turbocompresse pari a 833kg.

La decisione arriva però in ritardo rispetto a quelle che erano le aspettative delle squadre private impegnate nella superstagione. Proprio l’EoT originario aveva invogliato Rebellion, BR e Ginetta ad affrontare una nuova sfida perché sulla carta esistevano tutti i presupposti per poter sfidare il colosso giapponese. Già a Spa si era visto che non ci poteva essere partita: non solo i team << privati >> per ovvie ragioni di budget e struttura sono partiti alla volta della serie iridata con un handicap oggettivo ma in corso d’opera si sono trovati di fronte a uno stravolgimento dell’EoT originario, impossibilitati a lottare per la posizione più alta del podio. Alla prima corsa di Spa le vetture endotermiche hanno avuto a disposizione 110kg/h poi ridotti a 108kg/h a Le Mans.

La decisione della FIA riporta quindi le potenzialità prestazionali su un piano di maggiore equità ma il danno, almeno per quanto riguarda la 24 Ore del 2018, è già stato fatto e le polemiche, non prive di contenuti, proseguiranno.

 

Prossimo articolo WEC
La Porsche 919 Evo demolisce il record del Nurburgring Nordschleife

Previous article

La Porsche 919 Evo demolisce il record del Nurburgring Nordschleife

Prossimo Articolo

L'Aston Martin "accorcia" la sua line-up per le ultime gare del 2018 del FIA WEC

L'Aston Martin "accorcia" la sua line-up per le ultime gare del 2018 del FIA WEC
Carica commenti

Su questo articolo

Serie WEC
Team Kolles Racing , Rebellion Racing , Toyota Racing , SMP Racing , Dragonspeed
Autore Guido Schittone
Tipo di articolo Ultime notizie