Kobayashi furioso: “Vincitore di Austin deciso a tavolino”

Kamui Kobayashi, pilota della Toyota TS050 Hybrid, è letteralmente furioso per il sistema di handicap che ha colpito la sua LMP1 #7 in occasione della 6h di Austin, dove a trionfare è stata la Rebellion

Kobayashi furioso: “Vincitore di Austin deciso a tavolino”

Una premessa è obbligatoria: il Balance of Performance / Equivalence of Technology, per i non avvezzi alle corse di Endurance, è quel sistema regolamentare per cui attraverso un calcolo matematico dato dalla performance espressa e dai risultati ottenuti in precedenza, si arriva a modificare in maniera artificiosa le prestazioni di una vettura. Le modifiche possono essere di vario tipo: dall'aumento del peso al quantitativo massimo di carburante imbarcabile, fino alla flangiatura del turbo.

Leggi anche:

È ovvio che si tratta di un metodo per creare gare più avvincenti, senza che vi sia la presenza dell'auto in grado di “ammazzare” il campionato, ma va altresì detto che in determinate circostanze ne abbiamo vista una sua applicazione che ci ha consegnato un vincitore prestabilito ancor prima delle prove libere.

Un esempio in questa direzione è quanto avvenuto nel corso dell'ultima tappa della 6 Ore di Austin, appuntamento valido per il Campionato del Mondo Endurance. Il BoP sulla carta prevedeva un distacco di circa 5 decimi al giro per la Toyota #7 di Kobayashi – Conway – Lopez nei confronti della Rebellion R-13 #1, ma alla prova dei fatti abbiamo assistito a tutt'altra corsa.

Kobayashi, che con i suoi compagni di team guida saldamente il campionato, ha chiuso al terzo posto con due giri di ritardo dalla LMP1 vincitrice di giornata. Risultato che, per il giapponese, grida vendetta.

“Ci dicono che si tratta di un handicap, ma di fatto il regolamento ha deciso chi dovesse vincere prima della partenza”, commenta Kobayashi ai microfoni di Motorsport.com.

“È la corsa peggiore che io abbia mai fatto. Questo Balance of Performance fa scappare la gente dalle corse. Si suppone che queste siano corse dove la tecnologia sia ai massimi livelli, ma chiunque abbia visto la nostra auto in pista, ha pensato che fosse la più lenta. Dobbiamo chiederci cosa interessa alla gente per questo campionato. Trovo l'idea del EoT davvero stupida”.

“La Rebellion ha vinto la corsa, ma nemmeno loro mi sono sembrati molto felici. Chi lo è, alla fine? Nessuno. Tutti sono tornati a casa frustrati”, continua Kobayashi.

Kamui, che ha partecipato con successo all'ultima 24 Ore di Daytona, ha espresso parole di elogio per le regole di Balance of Performance dell'IMSA, paragonandole a quelle del WEC.

“Devo dire che l'IMSA ha fatto davvero un bel lavoro. Quando ero a Daytona, mi sono divertito parecchio. La corsa è stata tosta, con tutti i piloti pronti a giocarsela. Nel WEC la situazione è differente: il divario che divide noi dalla Rrebellion è enorme, dettato alla diversa natura delle auto. Certo, c'è chi si mette al tavolo a calcolare come si possano uniformare le performance, ma ogni volta che scattano le prime prove libere, bisogna limare qualche dettaglio”.

“Siamo qui per far divertire le persone, sia che siano spettatori in circuito che dal divano di casa. Sono sicuro che, chiunque stesse guardando la corsa in TV, abbia spento o cambiato canale dopo un'ora e mezza. Stiamo facendo il contrario di quello che serve per creare un prodotto di successo”, conclude Kobayashi.

Gli fabo eco le parole di Mike Conway, suo compagno di team sulla vettura #7. “Quando da regolamento abbiamo un paio di decimi di distacco a giro, ce la possiamo giocare, ma qui non c'era la minima possibilità”.

“Lo svantaggio imposto era di circa 9 decimi sul giro pulito, e nel traffico cresceva esponenzialmente. Adesso andremo a Sebring, dove ho la sensazione che la situazione sarà simile a quella di Austin. Per avere possibilità di giocarcela nelle ultime gare, dovremmo augurarci una vittoria della Toyota #8...”, conclude Conway.

condivisioni
commenti
ALMS: la Ferrari di HubAuto Corsa è Campione e correrà a Le Mans
Articolo precedente

ALMS: la Ferrari di HubAuto Corsa è Campione e correrà a Le Mans

Prossimo Articolo

Cairoli sul podio WEC ad Austin: "Ma potevamo fare di più"

Cairoli sul podio WEC ad Austin: "Ma potevamo fare di più"
Carica commenti
WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh Prime

WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh

Dopo che FIA ed IMSA hanno raggiunto l'accordo per fare correre le Hypercar del FIA World Endurance Championship contro le LMDh in IMSA WeatherTech SportsCar Championship dal 2023, vediamo quali scenari si possono aprire per team, piloti, Case, calendari e format di gara.

WEC
17 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti... Prime

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti...

La mitica Mazda 787 è considerata una delle più popolari auto vincitrici della 24 Ore di Le Mans, ma fino al suo successo a sorpresa di 30 anni fa, non era mai stata considerata come favorita. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza un nuovo partner tecnico, alcune astute manovre politiche e un curioso 'autogol' di un rivale.

WEC
14 ago 2021
Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi Prime

Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi

Nel fine settimana della 8 Ore di Portimao del FIA World Endurance Championship, la Toyota ha raggiunto le 100 gare nel Mondiale coi suoi prototipi. Ecco le principali pietre miliari di un percorso che era iniziato quasi 40 anni fa nel Gruppo C.

WEC
8 ago 2021
Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto Prime

Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto

L'Hypercar di Maranello che farà il suo ritorno a Le Mans nel 2023 per vincere la classifica assoluta è ancora tutta sulla carta: per ora è filtrato solo il numero di progetto, perchè il nome della vettura non esiste. Lo staff tecnico diretto dall'ingegner Ferdinando Cannizzo si sta formando: Antonello Coletta, che è a capo del progetto, vuole unire tutte le esperienze aziendali pescando risorse dal GT ma anche dalla F1, dalla gestione industriale e dal... mercato.

WEC
26 lug 2021
Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar Prime

Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar

In questo nuovo video di Motorsport.com, Francesco Corghi e Beatrice Frangione raccontano in dettaglio la nuovissima Hypercar della Casa del Leone: scopriamola assieme con tutte le immagini raccolte durante la presentazione.

WEC
23 lug 2021
Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar! Prime

Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar!

Le Hypercar di Toyota e Glickenhaus saranno le grandi protagoniste della 24h di agosto, ma la 'vecchia' Alpine LMP1 e le Oreca 07-Gibson della seconda categoria hanno molte carte a loro favore. Scopriamo quali e perché.

Le Mans
21 lug 2021
La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar? Prime

La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar?

La Casa del Leone ha presentato la sua 9X8, che va ad aggiungersi alle già presenti e attive Toyota e Glickenhaus. Ma le forme definite "rivoluzionarie" del prototipo francese possono portare finalmente a qualcosa di distinguibile e vario nell'endurance e a Le Mans.

WEC
11 lug 2021