Hartley in extremis beffa la Toyota

condivisioni
commenti
Hartley in extremis beffa la Toyota
Guido Schittone
Di: Guido Schittone
26 mar 2016, 12:41

Miglior tempo per il neozelandese della Porsche nella sessione mattutina dell'ultima giornata del prologo del WEC. I tempi però sono più alti di quelli di ieri e l'impressione è che ogni squadra stia celando il proprio potenziale

#7 Audi Sport Team Joest Audi R18: Benoit Tréluyer
#36 Signatech Alpine A460: Gustavo Menezes, Nicolas Lapierre, Stéphane Richelmi
#66 Ford Chip Ganassi Racing Team UK Ford GT: Olivier Pla, Stefan Mücke, Billy Johnson
#7 Audi Sport Team Joest Audi R18: Marcel Fässler, Andre Lotterer, Benoit Tréluyer
#4 ByKolles Racing CLM P1/01: Simon Trummer, Pierre Kaffer, Oliver Webb

Ultima giornata del prologo del WEC al Paul Ricard e, almeno nella prima sessione disputatasi dalle 9 alle 13, nessun miglioramento rispetto ai tempi quasi da primato ottenuti dalla Porsche 919 Hybrid di Neel Jani-Marc Lieb-Romain Dumas. Le varie squadre hanno preferito proseguire il lavoro di messa a punto generale senza cercare la prestazione assoluta che forse potrebbe arrivare nella seconda e conclusiva sessione pomeridiana che scatterà alle 14 e terminerà alle 17.

Sia Porsche sia Toyota hanno fatto girare gli equipaggi tenuti a riposo ieri, quindi i campioni del mondo Bernhard-Webber-Hartley e, per la Toyota, Kobayashi-Sarrazin con Conway che non è salito in macchina. Ed è stata proprio la 919 numero 1 a ottenere il tempo migliore proprio allo scadere della sessione quando la vettura è stata affidata a  Brendon Hartley che in un paio di giri si è spinto fino a 1'37"886 sottraendo il primato provvisorio alla Toyota di Stephane Sarrazin e Kamui Kobayashi che fino ad allora era stata al comando  con 1'38"273. Il giapponese , a 46' dalla conclusione, ha causato una breve interruzione con bandiera rossa per essersi fermato tra le quarta e la quinta curva del tracciato francese. Terza l'Audi R18 di Lotterer-Faessler-Treluyer con 1'39"563.

Tutte e tre le Case hanno girato con continuità: 73 giri per la Porsche, 55 per la vettura giapponese e 69 per l'Audi che rispetto a ieri ha trovato un buon passo ed è stata esente da noie meccaniche. L'impressione generale, comunque, è che ogni squadra stia giocando a nascondino per non mostrare interamente il proprio potenziale. Soprattutto oggi che è giornata aperta al pubblico-accorso in gran numero a invadere il paddock- e che viene sfruttata più per affinare set up che per ricercare la prestazione assoluta. Inoltre, rispetto alle prove di venerdi, sono aumentate le temperature.

In LMP2 il miglior crono è stato della Alpine di Menezes-Lapierre-Richelmi davanti all'Oreca della G Drive di Rast-Rusinov-Berthon e alla seconda Alpine. I tempi sono stati in linea con quanto accaduto venerdi: lo statunitense Menezes ha migliorato di due millesimi il primato di Watts, portandolo a 1'46"974.Buona la prestazione della BR01 di Vitalj Petrov, quarta ma staccata di 1"370 dall'Alpine di testa.

Tanti giri ma nessuna prestazione particolare per le GTEPRO: in mattinata le due Ferrari 488 hanno ancora una volta confermato di essere il riferimento di tutti quanti con Rigon che ha preceduto Bruni, ma sempre con rilievi più lenti rispetto a venerdi. Dietro le due rosse dell'AF Corse si trovano le Ford GT, l'Aston di Rees e la Porsche di Ried. Ma anche qui il gioco preferito da tutti quanti- anche per non incorrere nella scure di un BOP improvviso- è quello di andare meno di quanto si potrebbe. Tutte le GTE infatti sono ben più lente delle GT3 che prendono parte all'ELMS e questo già spiega tutto.

Prossimo articolo WEC
Stevens: "L'obiettivo è riuscire ad avere una lunga carriera nel WEC"

Articolo precedente

Stevens: "L'obiettivo è riuscire ad avere una lunga carriera nel WEC"

Prossimo Articolo

Coletta: "Spero che il BOP della 488 sia meno penalizzante che negli USA"

Coletta: "Spero che il BOP della 488 sia meno penalizzante che negli USA"
Carica commenti

Su questo articolo

Serie WEC
Evento Test ufficiali di Marzo
Location Circuit Paul Ricard
Autore Guido Schittone
Tipo di articolo Test