Hartley: " Il terzo posto? Semplice le Audi sono state più forti di noi "

condivisioni
commenti
Hartley:
Guido Schittone
Di: Guido Schittone
16 apr 2016, 15:58

Il neozelandese non recrimina sul risultato delle qualifiche e ricorda che anche l'anno scorso le rivali della Porsche erano costantemente competitive sotto la pioggia. Ma assicura che in gara sarà un'altra storia

#2 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Romain Dumas, Neel Jani, Marc Lieb
#2 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Romain Dumas, Neel Jani, Marc Lieb
#2 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Romain Dumas, Neel Jani, Marc Lieb
Timo Bernhard, Porsche Team, Hans-Joachim Stuck

Se Andrè Lotterer è il ritratto della felicità, Brendon Hartley è quello di chi comunque non se la prende troppo per il terzo tempo. Il pilota della Porsche, che ha confermato di attraversare un invidiabile stato di forma anche nelle qualifiche dopo che aveva fissato il nuovo primato di Silverstone per le vetture ibride nelle seconde prove libere, è molto onesto nel valutare le qualifiche del team campione del mondo.

" D'accordo che ho sprecato l'ultimo giro, d'accordo tutto ma c'è una verità molto semplice che spiega il risultato della sessione: le Audi sono andate molto più forte di ieri. Era la prima volta che ci si confrontava in condizioni di bagnato come queste e le R18 sono state semplicemente più veloci. Accadeva anche l'anno scorso: appena la pista diventava totalmente bagnata loro viaggiavano forte.  Al Fuji erano stati più veloci di noi e in molti altri casi di pioggia ci sopravanzavano. Piuttosto la domanda alla quale dobbiamo cercare di rispondere è il perché loro sono sempre migliori quando la pista è inzuppata d'acqua. Oggi non potevamo fare di più".

" Ieri nelle libere la nostra macchina volava ed eravamo costantemente più veloci di tutti gli altri. Da quello che abbiamo potuto comprendere in condizioni normali siamo forti e già competitivi per raggiungere il nostro obiettivo che è confermarsi campioni del mondo. Sono molto soddisfatto del lavoro che abbiamo svolto in inverno"

" Quella di domani sarà una corsa dura e equilibrata. I nostri rivali sono velocissimi sul dritto. Noi, al contrario dell'anno passato, qui sfruttiamo il massimo carico aerodinamico disponibile e quindi non avremo la possibilità di scappare tanto facilmente".

Prossimo articolo WEC

Su questo articolo

Serie WEC
Evento Silverstone
Location Silverstone
Autore Guido Schittone
Tipo di articolo Intervista