Ferrari: strepitosa vittoria firmata da Pier Guidi e Calado a Silverstone nella classe GTE-Pro

In classe GTE-Pro i campioni del mondo sfruttano la strategia perfetta messa a punto da AF Corse. Un incidente compromette la gara della 488 GTE #71. In GTE-Am la 488 GTE di Clearwater Racing quinta con Mok-Griffin-Sawa. Settimo posto per MR Racing, nono per Spirit of Race dopo un avvio difficile.

Ferrari: strepitosa vittoria firmata da Pier Guidi e Calado a Silverstone nella classe GTE-Pro

Come si dice nel mondo dei maratoneti, “dove non arrivano le gambe può arrivare la testa”. La 6 Ore di Silverstone, terza prova della Super Season del World Endurance Championship (WEC) 2018/2019, per la Ferrari numero 51 del team AF Corse è riconducibile esattamente a questa filosofia.

Dopo qualifiche che avevano chiaramente messo in mostra il gap di performance dovuto al BoP che ancora separa le 488 GTE Evo dai leader della classe GTE-Pro, la gara ha permesso di fare emergere la sontuosa strategia del muretto box del team italiano che, unitamente alle capacità di due campioni del mondo come Alessandro Pier Guidi e James Calado, ha permesso di ottenere una vittoria quanto mai inattesa, la prima della vettura da quando è equipaggiata con il kit Evo. La gara è stata positiva solo per la vettura 51 dato che la 71 è stata tagliata fuori da un incidente mentre le vetture in classe GTE-Am sono state protagoniste di una corsa nelle retrovie.

GTE-Pro. Al via è stato il caos tra i prototipi e di questo hanno risentito anche le vetture GT che si trovavano nella seconda metà del gruppo. Entrambe le Ferrari 488 GTE Evo sono state urtate da altri concorrenti riportando però solo qualche ammaccatura. Sia Sam Bird che Alessandro Pier Guidi sono riusciti a guadagnare una posizione. Bird, protagonista di un ottimo stint, è arrivato fino alla seconda posizione prima del pit stop. A due ore e 20 minuti di gara c’è stato il primo colpo di scena.

Una fase di Full Course Yellow ha infatti premiato la strategia della vettura 51 che aveva economizzato carburante e si è trovata a poter effettuare il pit stop nel periodo di neutralizzazione. Questo ha permesso a James Calado di tornare in pista in seconda posizione, dietro alla Ford numero 66. Poco dopo sulla vettura americana si è verificato un problema che ha proiettato al comando la 51. La gioia di vedere per la prima volta la 488 GTE Evo in testa è durata pochi giri poiché alla Porsche numero 92 è riuscita la tattica dell’undercut che ha messo davanti Kevin Estre e Michael Christensen.

Nel frattempo la sfortuna si è accanita sulla Ferrari numero 71 che è stata centrata da un prototipo mentre era quarta e al volante c’era Davide Rigon. Il pilota italiano è stato costretto a percorrere un intero giro su tre ruote aggravando le condizioni della vettura. Sono stati necessari 34 minuti per rimettere la 488 GTE Evo in pista e raggiungere il traguardo all’ottavo posto. A meno di due ore dal termine nuova Full Course Yellow e capolavoro dei meccanici di AF Corse che sono riusciti a rimandare in pista la Ferrari davanti alle due Porsche.

Anche in questo caso i tre piloti di vertice hanno effettuato il pit stop in fase di neutralizzazione, quello che non è riuscito alla Ford numero 67 che è così stata tagliata fuori dalla lotta per la vittoria nonostante fosse la  vettura più veloce in pista. Una perfetta gestione di Alessandro Pier Guidi negli ultimi novanta minuti ha completato l’opera regalando alla Ferrari una delle vittorie più belle e meritate da quando esiste il WEC. Secondo posto per la Porsche di Bruni-Lietz, terzo per la Ford di Priaulx-Tincknell.

GTE-Am. La classe GTE-Am ha visto le Ferrari in difficoltà, specie a causa della configurazione prestazionale dettata dal BoP. Le 488 GTE avevano faticato già in prova e in gara le cose non sono migliorate. La vettura meglio piazzata in griglia, la numero 54 del team Spirit of Race affidata a Giancarlo Fisichella, Thomas Flohr e Francesco Castellacci, è stata coinvolta in un incidente al via e costretta a perdere subito tre giri per riparare la parte anteriore.

Sia la vettura numero 61 di Clearwater Racing (Mok-Sawa-Griffin) che la 70 di MR Racing (Ishikawa- Beretta-Cheever III) hanno tentato una gara in rimonta che è stata frustrata da due drive- through per il superamento del limite di velocità in pitlane. La Ferrari meglio piazzata alla fine è stata quella di Clearwater Racing, quinta. Quella di MR Racing si è piazzata settima, la numero 54 di Spirit of Race nona. Vittoria assoluta alla Toyota di Alonso-Buemi-Nakajima. Prossimo appuntamento il 14 ottobre al Fuji, in Giappone.

condivisioni
commenti
Clamoroso a Silverstone: escluse le Toyota dominatrici! Vittoria della 6 Ore alla Rebellion

Articolo precedente

Clamoroso a Silverstone: escluse le Toyota dominatrici! Vittoria della 6 Ore alla Rebellion

Prossimo Articolo

Priaulx: “Il successo della F.E dimostra che gli eSports non vanno sottovalutati”

Priaulx: “Il successo della F.E dimostra che gli eSports non vanno sottovalutati”
Carica commenti
Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar Prime

Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar

In questo nuovo video di Motorsport.com, Francesco Corghi e Beatrice Frangione raccontano in dettaglio la nuovissima Hypercar della Casa del Leone: scopriamola assieme con tutte le immagini raccolte durante la presentazione.

WEC
23 o
Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar! Prime

Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar!

Le Hypercar di Toyota e Glickenhaus saranno le grandi protagoniste della 24h di agosto, ma la 'vecchia' Alpine LMP1 e le Oreca 07-Gibson della seconda categoria hanno molte carte a loro favore. Scopriamo quali e perché.

Le Mans
21 lug 2021
La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar? Prime

La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar?

La Casa del Leone ha presentato la sua 9X8, che va ad aggiungersi alle già presenti e attive Toyota e Glickenhaus. Ma le forme definite "rivoluzionarie" del prototipo francese possono portare finalmente a qualcosa di distinguibile e vario nell'endurance e a Le Mans.

WEC
11 lug 2021
Glickenhaus: l'esordio di Davide vs Golia non è da bocciatura Prime

Glickenhaus: l'esordio di Davide vs Golia non è da bocciatura

A Portimão la 007 LMH di Westbrook/Briscoe/Dumas è rimasta molto lontana dalle Hypercar Toyota, ma l'obiettivo era raccogliere dati anche facendo fronte ad imprevisti che solo in gara possono accadere. A Monza e Le Mans ci si aspetta qualcosa in più.

WEC
16 giu 2021
Da Junior a Ufficiale: Altoè e la crescita in Lamborghini GT Prime

Da Junior a Ufficiale: Altoè e la crescita in Lamborghini GT

Intervista esclusiva di Motorsport.com al ragazzo del Toro, che in soli 3 anni è passato dal programma giovani ad essere uno dei prospetti su cui Sant'Agata Bolognese sta investendo enormemente. Ripercorriamo col veneto la storia dei trionfi del 2018 fino ai numerosi impegni di quest'anno.

LMh vs LMDh: le differenze delle classi regine di Le Mans Prime

LMh vs LMDh: le differenze delle classi regine di Le Mans

Andiamo a scoprire in questo video le differenze regolamentari tra le Le Mans Hypercar e le Le Mans Daytona Hypercar, le categorie regine del mondiale endurance ed ovviamente della 24 Ore più famosa del mondo

WEC
15 mag 2021
Aston Martin Racing-Prodrive: storia di un grande successo Prime

Aston Martin Racing-Prodrive: storia di un grande successo

La stagione 2021 del FIA World Endurance Championship è partita a Spa il 1° maggio e per la prima volta non c'erano le Aston Martin ufficiali in Classe LMGTE Pro, chiusa la era di Prodrive che si era occupata di queste vetture per conto della Casa dal 2005.

WEC
9 mag 2021
Toyota: con la Hypercar trionfa la Supercazzola Prime

Toyota: con la Hypercar trionfa la Supercazzola

A Spa ha vinto la GR010 Hybrid #8, ma la settimana belga è stata caratterizzata più dalle lamentele che i giapponesi hanno mosso a FIA WEC ed ACO sulle gestioni dei nuovi regolamenti, risultate poi infondate con relativa figuretta...

WEC
6 mag 2021