Christensen: "Ad Austin abbiamo imparato tantissimo su come usare la RSR"

Michael Christensen secondo con Kevin Estre è soddisfatto di come si sta evolvendo la nuova Porsche che per la prima volta nella stagione ha mostrato un potenziale costante e sfiorato la vittoria in GTE PRO

Christensen: "Ad Austin abbiamo imparato tantissimo su come usare la RSR"
#92 Porsche Team Porsche 911 RSR: Michael Christensen, Kevin Estre
#92 Porsche Team Porsche 911 RSR: Michael Christensen, Kevin Estre
#92 Porsche Team Porsche 911 RSR: Michael Christensen, Kevin Estre
#92 Porsche Team Porsche 911 RSR: Michael Christensen, Kevin Estre

Prima di Austin solo al Nürburgring le Porsche RSR avevano mostrato il potenziale per vincere. Belle, curatissime le vetture di Weissach rischiavano di trasformarsi nella grande delusione del mondiale riservato alle GTE. Eppure grazie alla costanza dei suoi piloti e all'intelligenza di un box che raramente compie errori gli equipaggi della Porsche GT sono ancora in lizza per il titolo mondiale. Ad Austin poi è arrivato il primo squillo di tromba con Michael Christensen e Kevin Estre costantemente veloci e vicinissimi a una vittoria che forse sarebbe stata un regalo della sorte e soprattutto della safety car, il cui ingresso ha messo a repentaglio quello che sembrava essere il dominio ferrarista. Cose che Michael Christensen sa, perché questo ragazzo danese, artefice nel 2015 del successo di Richard Lietz nella serie iridata, è uno dei migliori piloti di GT in circolazione. Un classico pilota Porsche: sa stare al proprio posto sempre, nei momenti felici e in quelli più difficili.

"Oggi è stata la nostra migliore prestazione. Non potevamo chiedere di più. Kevin - ndr Estre - ha compiuto degli stint eccezionali. Da parte mia credo di avere contribuito e la squadra come sempre non ha sbagliato nulla. Avevamo preparato bene la corsa e studiato la strategia migliore che ha funzionato. Alla fine ero davvero a pochissimo dalla Ferrari di Pier Guidi ma c'era poco da fare: la 488 ha ancora qualcosa in più di noi. Siamo sulla strada giusta e questo per noi della Porsche è molto importante".

Pensi che ll caldo vi abbia favorito in qualche modo?
"Mmm. Non lo so. Abbiamo ricevuto un aiuto dalla mescola delle gomme e questo è indubbio. Diciamo che non abbiamo ancora la vettura più velocema siamo rientrati in lizza. Questa è una pista molto complessa, che richiede tanti compromessi. Ci sono curve diverse l'una dall'altra, punti di frenata difficili, moltissimi bumping. Trovare il giusto equilibrio non è semplice".

"Ad Austin tra prove libere e gara abbiamo imparato e scoperto tante cose utili. Questo ci permette d guardare alle prossime corse con un certo ottimismo. Penso che la gara di oggi sia il nostro vero punto di partenza per un ottimo finale".

Fino ad oggi il vostro problema era l'assoluta mancanza del passo gara. Avevate il picco di prestazione per un un solo giro poi mancava la costanza. Da Austin cambia tutto?
"Hai ragione siamo sempre stati poco costanti.  Il fatto è che la RSR è una vettura nuova e quindi ha bisogno di evolversi e del giusto sviluppo. Si lavora tantissimo in prova libera e in qualifica spesso usiamo solo un set di gomme, come accaduto qui. Siamo migliorati da Le Mans, dove eravamo molto competitivi. Da lì in poi è stato un continuo up and down. Bene al Nürburgring,  male in Messico, dove invece i nostri compagni di squadra sono andati forte. Ad Austin la situazione si è capovolta ancora una volta. Stiamo sviluppando e cercare di comprendere una vettura che è al suo primo anno di vita e ho sensazioni molto positive per il resto della stagione".

condivisioni
commenti
Priaulx: "Abbiamo problemi grandi, non piccoli. Gli altri migliorano noi no"

Articolo precedente

Priaulx: "Abbiamo problemi grandi, non piccoli. Gli altri migliorano noi no"

Prossimo Articolo

Porsche: una doppia impresa quasi compiuta

Porsche: una doppia impresa quasi compiuta
Carica commenti
Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto Prime

Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto

L'Hypercar di Maranello che farà il suo ritorno a Le Mans nel 2023 per vincere la classifica assoluta è ancora tutta sulla carta: per ora è filtrato solo il numero di progetto, perchè il nome della vettura non esiste. Lo staff tecnico diretto dall'ingegner Ferdinando Cannizzo si sta formando: Antonello Coletta, che è a capo del progetto, vuole unire tutte le esperienze aziendali pescando risorse dal GT ma anche dalla F1, dalla gestione industriale e dal... mercato.

WEC
26 lug 2021
Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar Prime

Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar

In questo nuovo video di Motorsport.com, Francesco Corghi e Beatrice Frangione raccontano in dettaglio la nuovissima Hypercar della Casa del Leone: scopriamola assieme con tutte le immagini raccolte durante la presentazione.

WEC
23 lug 2021
Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar! Prime

Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar!

Le Hypercar di Toyota e Glickenhaus saranno le grandi protagoniste della 24h di agosto, ma la 'vecchia' Alpine LMP1 e le Oreca 07-Gibson della seconda categoria hanno molte carte a loro favore. Scopriamo quali e perché.

Le Mans
21 lug 2021
La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar? Prime

La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar?

La Casa del Leone ha presentato la sua 9X8, che va ad aggiungersi alle già presenti e attive Toyota e Glickenhaus. Ma le forme definite "rivoluzionarie" del prototipo francese possono portare finalmente a qualcosa di distinguibile e vario nell'endurance e a Le Mans.

WEC
11 lug 2021
Glickenhaus: l'esordio di Davide vs Golia non è da bocciatura Prime

Glickenhaus: l'esordio di Davide vs Golia non è da bocciatura

A Portimão la 007 LMH di Westbrook/Briscoe/Dumas è rimasta molto lontana dalle Hypercar Toyota, ma l'obiettivo era raccogliere dati anche facendo fronte ad imprevisti che solo in gara possono accadere. A Monza e Le Mans ci si aspetta qualcosa in più.

WEC
16 giu 2021
Da Junior a Ufficiale: Altoè e la crescita in Lamborghini GT Prime

Da Junior a Ufficiale: Altoè e la crescita in Lamborghini GT

Intervista esclusiva di Motorsport.com al ragazzo del Toro, che in soli 3 anni è passato dal programma giovani ad essere uno dei prospetti su cui Sant'Agata Bolognese sta investendo enormemente. Ripercorriamo col veneto la storia dei trionfi del 2018 fino ai numerosi impegni di quest'anno.

LMh vs LMDh: le differenze delle classi regine di Le Mans Prime

LMh vs LMDh: le differenze delle classi regine di Le Mans

Andiamo a scoprire in questo video le differenze regolamentari tra le Le Mans Hypercar e le Le Mans Daytona Hypercar, le categorie regine del mondiale endurance ed ovviamente della 24 Ore più famosa del mondo

WEC
15 mag 2021
Aston Martin Racing-Prodrive: storia di un grande successo Prime

Aston Martin Racing-Prodrive: storia di un grande successo

La stagione 2021 del FIA World Endurance Championship è partita a Spa il 1° maggio e per la prima volta non c'erano le Aston Martin ufficiali in Classe LMGTE Pro, chiusa la era di Prodrive che si era occupata di queste vetture per conto della Casa dal 2005.

WEC
9 mag 2021