Chatin al posto di Giovinazzi al rookie test in Bahrain

condivisioni
commenti
Chatin al posto di Giovinazzi al rookie test in Bahrain
Di:

Paul Loup Chatin guiderà l'Audi R18 lasciata libera dall'italiano che raggiungerà in anticipo Abu-Dhabi per prepararsi al finale della Gp2. Dalmas, invece, proverà tutte le LMP1 ibride per verificare la visibilità all'interno delle vetture

Il vincitore della gara Antonio Giovinazzi, PREMA Racing
#30 Extreme Speed Motorsports Ligier JS P2 - Nissan: Antonio Giovinazzi, Sean Gelael, Giedo Van der
Yannick Dalmas, Timo Bernhard, Alexander Wurz
Alex Lynn, DAMS
Jordan King, pilota sviluppatore Manor Racing

Sarà Paul Loup Chatin a rimpiazzare il 20 novembre Antonio Giovinazzi al volante dell'Audi R18 nell'annuale rookie test che il WEC organizza a fine campionato. Il pilota pugliese, infatti, subito dopo la 6 Ore del Bahrain partirà alla volta di Abu Dhabi dove sarà impegnato nell'ultime due corse della GP2 che potrebbero assegnargli uno storico titolo.

Chatin è una vecchia conoscenza dell'automobilismo. Dopo una buona esperienza nella Porsche Carrera Cup Francia-è stato protagonista assoluto della sfida Italia-Francia nel 2013, vincendo la corsa del Mugello- ha poi preso la strada dei prototipi, gareggiando l'anno scorso nel mondiale al volante dell'Alpine-è presente in Cina con la vettura del team Baxi al posto del connazionale Panciatici- e nell'Elms. Confermata invece la presenza di Pipo Derani al volante della Toyota 050 Hybrid e dello statunitense Gustavo Menezes sulla Porsche 919.

In Bahrain girerà anche Yannick Dalmas: l'ex pilota di Formula 1 e quattro volte vincitore della 24 Ore di Le Mans sempre al volante di vetture diverse, con la Peugeot nel 1992, con la Dauer Porsche nel 1994, con la McLaren nel 1995 e con la BMW nel 1999, attualmente è il responsabile delle relazioni con i piloti per conto della FIA nel WEC. Guiderà Porsche, Audi e Toyota per verificare la visibilità delle vetture in fase di doppiaggio e di avvicinamento a quelle delle classi e delle categorie inferiori alla LMP1. Tutto questo a fronte delle sottili critiche ricevute da parte dei piloti delle tre Case impegnate con le vetture ibride in riferimento ai fatti che coinvolsero Marc Lieb, punito per una toccata in fase di doppiaggio di Al Qubaisi al Ring, Brendon Hartley, incappato in uno spaventoso volo a Silverstone mentre stava doppiando la vettura di Wainright, e di Mike Conway sanzionato in Messico per una manovra ai danni della Ligier di Cumming. Lieb e Conway avevano scontato uno stop and go mentre il campione del mondo neozelandese si era visto infliggere una reprimenda.

Il rookie test sarà anche l'occasione per vedere molte squadre provare piloti in vista della prossima edizione del WEC. In LMP2 il britannico Tom Jackson proverà l'Oreca della G Drive assieme al portoricano, con esperienze nell'Euro F.3 e protagonista della Mini Indy Felix Seralles mentre lo statunitense William Owen e il messicano Patricio O'Ward saranno al volante della Ligier del team RGR by Morand. Con l'Aston Martin Vantage al rookie test sono iscritti due primattori della GP2: Alex Lynn, che in Giappone ha fatto il suo debutto nel WEC con l'Oreca del team Manor, e Jordan King guideranno la numero 95 mentre la seconda Vantage sarà affidata al turco Salih Yoluc e all'inglese Euan Hankey.

Bernhard lancia l'allarme: le gomme raccolgono troppo sporco

Articolo precedente

Bernhard lancia l'allarme: le gomme raccolgono troppo sporco

Prossimo Articolo

Per la Porsche pole position con il fiato in gola

Per la Porsche pole position con il fiato in gola
Carica commenti