Austin, 6° Ora: per Porsche una vittoria che sa di titolo iridato

Hartley-Bernhard-Webber vincono una corsa che proietta la Casa di Weissach vicino al secondo campionato del mondo di seguito. Secondi Di Grassi-Jarvis-Duval, portacolori di un'Audi molto sfortunata. Bene la Toyota, ancora terza

Austin, 6° Ora: per Porsche una vittoria che sa di titolo iridato
Partenza: #7 Audi Sport Team Joest Audi R18: Marcel Fässler, Andre Lotterer, Benoit Tréluyer al comando
#1 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Timo Bernhard, Mark Webber, Brendon Hartley
#2 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Romain Dumas, Neel Jani, Marc Lieb
#7 Audi Sport Team Joest Audi R18: Marcel Fässler, Andre Lotterer, Benoit Tréluyer, #8 Audi Sport Te
#7 Audi Sport Team Joest Audi R18: Marcel Fässler, Andre Lotterer, Benoit Tréluyer, #8 Audi Sport Te
#6 Toyota Racing Toyota TS050 Hybrid: Stéphane Sarrazin, Mike Conway, Kamui Kobayashi
#36 Signatech Alpine A460: Gustavo Menezes, Nicolas Lapierre, Stéphane Richelmi

Forse è stata fortuna ma la Porsche ha riportato un'altra vittoria, la quinta su sei corse del campionato, con Hartley-Bernhard-Webber, alla terza affermazione di seguito, nella giornata più difficile della stagione. Dopo due ore di corsa il trio campione del mondo 2015 aveva un distacco di oltre 30" nei confronti delle due Audi R18 che sembravano poter condurre a proprio piacimento una corsa segnata. Invece è accaduto quello che accomuna questa 6 Ore texana alla 24 Ore di Le Mans del 2016: a vincere non sono stati gli equipaggi e le vetture più veloci bensì chi ha saputo soffrire nei momenti iniziali, chi sui propri limiti ha costruito una tattica di corsa che prevedeva la rimonta nelle ultime tre ore. La chiave di volta della gara texana si è avuta con il perfetto sfruttamento un'altra volta ancora da parte della Porsche dei regimi di full course yellow. Se a questo aggiungiamo i guai che hanno colpito l'Audi R18 seconda classificata, fermatasi all'improvviso in pista per un guasto elettrico e poi ripartita dopo aver perduto una trentina di secondi, e quella di Faessler-Lotterer-Treluyer, coinvolta in un incidente decisivo con la Ford del doppiato Pla, la spiegazione del risultato statunitense diventa chiara.

L'Audi a Austin è stata migliore nelle prestazioni ma ancora una volta ha pagato piccole imprecisioni, opinabili decisioni dei box-perché far rientrare  la numero 8 quando si doveva imitare la tattica di corsa della Porsche di Hartley?- e anche, va ammesso, il caso che nelle gare di durata conta. Con questa affermazione la Casa di Weissach è a un passo dal secondo titolo mondiale di seguito.

In LMP2 e GTE PRO dominio di Alpine e Aston Martin

La gara nelle altre classi non ha invece mai avuto storia: l'Alpine di Lapierre-Menezes-Richelmi ha dominato tra le LMP2, e anche la loro vittoria pone una seria ipoteca sul titolo, mentre l'Aston Martin ha ripetuto la vittoria messicana portando questa volta Thiim e Sorensen sul gradino più alto del podio con grande facilità davanti alle Ferrari di Calado-Bruni e Rigon-Bird in una classe dove forse ci sarebbe da rivedere un BoP che penalizza in modo eccessivo le rivali delle vetture britanniche, vincitrici anche tra le GTEAM con Lamy-Lauda-DallaLana.

Di Grassi non riesce nell'impresa

 L'ultima ora si apre con l'ennesima tornata di pit stop. È il momento decisivo perché Lucas Di Grassi ha ancora la (remota) speranza di colmare il gap che la sua Audi R18 ha nei confronti della Porsche 919 Hybrid del trio campione del mondo composto da Bernhard, ora alla guida, Hartley e Webber. Sono 15" i secondi che il brasiliano deve recuperare sul tedesco ma ben presto si comprende che l'impresa è difficile. Porsche e Audi, infatti, procedono sullo stesso passo e salvo una sosta improvvisa, chi comanda si è fermato 7 volte contro le 8 degli inseguitori, non si vede come Lucas possa concretizzare le speranze di Ingolstadt. Anche perché alle spalle della R18, la Toyota di Sarrazin mantiene un ritmo notevole e non è troppo distante, appena 5", per potere a sua volta puntare alla piazza d'onore.

A 20' dalla fine un fumo nero preannuncia l'ingresso ai box dell'Oreca del team Manor di Matthew Rao per la rottura della sospensione posteriore: il britannico, assieme a Mehri e Bradley era in lotta per il podio più basso della LMP2 che continua a essere dominata dall'Alpine di Lapierre-Menezes-Richelmi davanti alla Ligier di Albuquerque-Senna-Gonzalez e alla Oreca di Rast-Rusinov-Brundle, autori di una bella corsa dopo essere scattati dall'ultima posizione di classe sulla griglia.

Quando mancano 12' si ferma ai box la 919 di Dumas-Jani-Lieb per uno splash che consente al trio di mantenere la quarta piazza dopo un'altra corsa incolore. La gara quindi finisce con posizioni ormai acquisite e senza colpi di scena.

condivisioni
commenti
Austin, 5° Ora: per l'Audi si fa notte

Articolo precedente

Austin, 5° Ora: per l'Audi si fa notte

Prossimo Articolo

I vincitori in coro:" Questa è davvero la vittoria di tutta la Porsche "

I vincitori in coro:" Questa è davvero la vittoria di tutta la Porsche "
Carica commenti
WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh Prime

WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh

Dopo che FIA ed IMSA hanno raggiunto l'accordo per fare correre le Hypercar del FIA World Endurance Championship contro le LMDh in IMSA WeatherTech SportsCar Championship dal 2023, vediamo quali scenari si possono aprire per team, piloti, Case, calendari e format di gara.

WEC
17 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti... Prime

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti...

La mitica Mazda 787 è considerata una delle più popolari auto vincitrici della 24 Ore di Le Mans, ma fino al suo successo a sorpresa di 30 anni fa, non era mai stata considerata come favorita. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza un nuovo partner tecnico, alcune astute manovre politiche e un curioso 'autogol' di un rivale.

WEC
14 ago 2021
Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi Prime

Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi

Nel fine settimana della 8 Ore di Portimao del FIA World Endurance Championship, la Toyota ha raggiunto le 100 gare nel Mondiale coi suoi prototipi. Ecco le principali pietre miliari di un percorso che era iniziato quasi 40 anni fa nel Gruppo C.

WEC
8 ago 2021
Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto Prime

Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto

L'Hypercar di Maranello che farà il suo ritorno a Le Mans nel 2023 per vincere la classifica assoluta è ancora tutta sulla carta: per ora è filtrato solo il numero di progetto, perchè il nome della vettura non esiste. Lo staff tecnico diretto dall'ingegner Ferdinando Cannizzo si sta formando: Antonello Coletta, che è a capo del progetto, vuole unire tutte le esperienze aziendali pescando risorse dal GT ma anche dalla F1, dalla gestione industriale e dal... mercato.

WEC
26 lug 2021
Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar Prime

Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar

In questo nuovo video di Motorsport.com, Francesco Corghi e Beatrice Frangione raccontano in dettaglio la nuovissima Hypercar della Casa del Leone: scopriamola assieme con tutte le immagini raccolte durante la presentazione.

WEC
23 lug 2021
Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar! Prime

Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar!

Le Hypercar di Toyota e Glickenhaus saranno le grandi protagoniste della 24h di agosto, ma la 'vecchia' Alpine LMP1 e le Oreca 07-Gibson della seconda categoria hanno molte carte a loro favore. Scopriamo quali e perché.

Le Mans
21 lug 2021
La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar? Prime

La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar?

La Casa del Leone ha presentato la sua 9X8, che va ad aggiungersi alle già presenti e attive Toyota e Glickenhaus. Ma le forme definite "rivoluzionarie" del prototipo francese possono portare finalmente a qualcosa di distinguibile e vario nell'endurance e a Le Mans.

WEC
11 lug 2021