Austin, 2° Ora: Di Grassi suona la sinfonia Audi

Lucas Di Grassi è passato a comandare su Treluyer dopo il secondo pit stop. Pesante il distacco delle Porsche: oltre 40" separano la prima 919 di Bernhard dalla vettura di comando. Ferrari sempre seconda in GTE PRO

Austin, 2° Ora: Di Grassi suona la sinfonia Audi
#7 Audi Sport Team Joest Audi R18: Marcel Fässler, Andre Lotterer, Benoit Tréluyer
#7 Audi Sport Team Joest Audi R18: Marcel Fässler, Andre Lotterer, Benoit Tréluyer
#1 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Timo Bernhard, Mark Webber, Brendon Hartley
#5 Toyota Racing Toyota TS050 Hybrid: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Anthony Davidson
#5 Toyota Racing Toyota TS050 Hybrid: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Anthony Davidson, #95 Aston
#26 G-Drive Racing Oreca 05 - Nissan: Roman Rusinov, Alex Brundle, René Rast
#43 RGR Sport by Morand Ligier JSP2 - Nissan: Ricardo Gonzalez, Filipe Albuquerque, Bruno Senna
#97 Aston Martin Racing Aston Martin Vantage GTE: Darren Turner, Fernando Rees

La 2. Ora si apre con Lotterer e Jarvis sempre isolati al comando con un netto vantaggio su Hartley che ormai si è sbarazzato della Toyota di Davidson. Il britannico dopo un poco cede anche alla 919 Hybrid di Jani che va a prendersi il quarto posto. E dopo venti minuti è la volta di Kobayashi a superare il compagno in apparente crisi con la sua 050 Hybrid che accusa una perdita di potenza tra gli sguardi preoccupati dei box della Casa giapponese.

Per Audi e Porsche stessa scelta di gomme

La marcia delle Audi è furiosa: sia Lotterer sia Jarvis girano con facilità su tempi mai avvicinati dagli avversari. Hartley si ritrova lontanissimo e dimostra quanto la Casa di Weissach stia soffrendo su questa pista. La scelta delle gomme è stata la stessa per le due Case tedesche: chaup plus mentre la Toyota ha preferito, vista la sua configurazione aerodinamica, utilizzare le chaud tradizionali.

Alla mezzora della seconda frazione Richelmi e Lapierre sono nettamente al comando della LMP2 davanti a Rao-Mehri e ai rivali diretti in campionato Gonzalez-Senna. Rusinov-Brundle sono risaliti al quarto posto, grazie alla bella prestazione del figlio dell'ex pilota di Formula 1 mentre sembra non avere storia nemmeno la GTE PRO con l'Aston Martin Vantage di Thiim-Sorensen che ha un buon margine sulle due Ferrari 488 di Calado-Bruni e Bird-Rigon. Proprio Sam Bird sembra essere il pilota in maggiore difficoltà perché, dopo aver perso la seconda posizione a favore del compagno di team, viene raggiunto dalla Vantage del rientrante brasiliano. L'Aston ha un altro passo (e soprattutto un altro peso) ed è frustrante vedere un pilota come Bird nulla potere quando alla staccata dell'ultima curva la Vantage prende il sopravvento.

Dopo il pit stop Di Grassi davanti a Treluyer

Al 54 giro Lotterer si ferma e cede il sediolo dell'Audi numero 7 a Benoit Treluyer. Al 55, rispettando l'identica sequenza dell'ora precedente, è Jarvis che viene sostituito da Lucas Di Grassi. La sosta è migliore di quella del compagno e Lucas riparte al comando di poco davanti a Treluyer. Neel Jani è il primo porschista al 56.giro a fermarsi. Sale Marc Lieb. Al 57. passaggio tocca ad Hartley con Bernhard che sale sulla Porsche 919 numero 1. Nello stesso passaggio pit stop anche per Davidson, sul cui sediolo sale Nakajima, e al 58. chiude la trafila dei rifornimenti la seconda Toyota che viene presa in consegna da Stephane Sarrazin.

Per la Porsche la situazione non è piacevole: il distacco dalle Audi di Bernhard-Hartley-Webber è addirittura di 44". Mai accaduto in normali condizioni di gara  nella storia del WEC delle ultime due stagioni. La gara in generale sembra essere molto lineare anche nelle altre classi. In LMP2 Richelmi e Lapierre dominano davanti a Rao-Mehri, con il britannico che ha infilato la Ligier di Gonzalez quasi allo scadere della frazione. In GTE PRO le Ferrari sembrano davvero poter fare poco contro le Vantage: Thiim-Sorensen hanno oltre 20" di netto vantaggio su Calado-Bruni che ancora conservano un buon margine sulla Vantage di Rees-Turner terza davanti alla 488 di Bird-Rigon. Tra le GTE AM DallaLana-Lamy comandano su Carroll-Barker e sulla Corvette di Ragues-Taylor.

condivisioni
commenti
Austin, 1° Ora: le Audi R 18 vanno in fuga

Articolo precedente

Austin, 1° Ora: le Audi R 18 vanno in fuga

Prossimo Articolo

Austin, 3° Ora: nemmeno le bandiere gialle fermano le R18

Austin, 3° Ora: nemmeno le bandiere gialle fermano le R18
Carica commenti
WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh Prime

WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh

Dopo che FIA ed IMSA hanno raggiunto l'accordo per fare correre le Hypercar del FIA World Endurance Championship contro le LMDh in IMSA WeatherTech SportsCar Championship dal 2023, vediamo quali scenari si possono aprire per team, piloti, Case, calendari e format di gara.

WEC
17 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti... Prime

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti...

La mitica Mazda 787 è considerata una delle più popolari auto vincitrici della 24 Ore di Le Mans, ma fino al suo successo a sorpresa di 30 anni fa, non era mai stata considerata come favorita. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza un nuovo partner tecnico, alcune astute manovre politiche e un curioso 'autogol' di un rivale.

WEC
14 ago 2021
Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi Prime

Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi

Nel fine settimana della 8 Ore di Portimao del FIA World Endurance Championship, la Toyota ha raggiunto le 100 gare nel Mondiale coi suoi prototipi. Ecco le principali pietre miliari di un percorso che era iniziato quasi 40 anni fa nel Gruppo C.

WEC
8 ago 2021
Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto Prime

Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto

L'Hypercar di Maranello che farà il suo ritorno a Le Mans nel 2023 per vincere la classifica assoluta è ancora tutta sulla carta: per ora è filtrato solo il numero di progetto, perchè il nome della vettura non esiste. Lo staff tecnico diretto dall'ingegner Ferdinando Cannizzo si sta formando: Antonello Coletta, che è a capo del progetto, vuole unire tutte le esperienze aziendali pescando risorse dal GT ma anche dalla F1, dalla gestione industriale e dal... mercato.

WEC
26 lug 2021
Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar Prime

Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar

In questo nuovo video di Motorsport.com, Francesco Corghi e Beatrice Frangione raccontano in dettaglio la nuovissima Hypercar della Casa del Leone: scopriamola assieme con tutte le immagini raccolte durante la presentazione.

WEC
23 lug 2021
Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar! Prime

Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar!

Le Hypercar di Toyota e Glickenhaus saranno le grandi protagoniste della 24h di agosto, ma la 'vecchia' Alpine LMP1 e le Oreca 07-Gibson della seconda categoria hanno molte carte a loro favore. Scopriamo quali e perché.

Le Mans
21 lug 2021
La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar? Prime

La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar?

La Casa del Leone ha presentato la sua 9X8, che va ad aggiungersi alle già presenti e attive Toyota e Glickenhaus. Ma le forme definite "rivoluzionarie" del prototipo francese possono portare finalmente a qualcosa di distinguibile e vario nell'endurance e a Le Mans.

WEC
11 lug 2021