W Series, Bond Muir: “Presto una donna in Formula 1”

Catherine Bond-Muir, CEO della W Series, è certa: presto una donna correrà in Formula 1. Ma come? Lo rivela in questa intervista.

W Series, Bond Muir: “Presto una donna in Formula 1”

Dopo una stagione di debutto di successo nel 2019, la W Series, il campionato interamente femminile, è stata costretta a cancellare il suo calendario 2020 a causa del Covid 19. Non è stata una decisione semplice, ma molte categorie che sono andate avanti perché sentivano di doverlo fare hanno perso molti soldi. Catherine Bond Muir, CEO della W Series, ha creduto che per il campionato nascente non era l’anno per lottare.

Nell’ultima intervista con i leader dello sport della nostra serie #ThinkingForward, Bond Muir spiega perché la W Series si ricostruirà meglio e per quale motivo il suo cuore le dice che presto vedremo una donna correre in Formula 1.

Molte persone hanno espresso i propri dubbi quando è iniziata la W Series. Ma ovviamente siete riuscite ad ingranare da subito. Puoi riassumerci cosa pensi di aver ottenuto fio ad ora e come siete riusciti a cambiare la percezione?
Penso che abbiamo raggiunto un grande risultato nella nostra prima gara lo scorso anno; abbiamo messo 20 donne in griglia ed è stato straordinario. Nessuno aveva mai visto una cosa del genere prima d’ora e credo che le persone la abbiano accolta con positività perché hanno sentito che è arrivato il momento che le donne arrivassero nel motorsport. Penso che il risultato ottenuto da allora è che abbiamo contribuito ad elevare il profilo delle donne in tutti gli sport motoristici, che è un argomento di cui la gente parla. Quindi penso che abbiamo contribuito a cambiare la direzione. Penso che abbiamo innalzato il profilo delle automobiliste, ma c'è ovviamente molto lavoro da fare. E quello che dobbiamo fare è riuscire a far entrare più donne nelle alte sfere del motorsport.

Quindi, ovviamente, la decisione di cancellare la stagione 2020 è stata difficile. Ma non si è soli nello sport; Wimbledon lo ha fatto molti altri eventi. Ma molte altre serie di gare sono andate avanti in forme compatte, molte delle quali hanno perso soldi. Perché la cancellazione è stata la cosa giusta per te?
Solo la logistica di far entrare in Europa piloti provenienti da 15 paesi diversi e di tenerli lì per un lungo periodo era semplicemente impossibile da fare e probabilmente ingiusto per i piloti che non sono riusciti ad arrivare qui. Come avremmo potuto avere una W Series che diciamo "aperta a tutti" e avere 10 o 12 piloti, ma alcuni di loro non hanno potuto guidare a stento a causa del luogo in cui vivono? E noi siamo organizzati in modo fondamentalmente diverso da tutte le altre serie di gare, siamo liberi di partecipare alle serie e paghiamo tutte le spese per tutti i piloti. E volevamo spudoratamente essere uno sport globale. E penso che limitarci a uno o due paesi europei non sia il nostro obiettivo. Non vediamo l'ora che arrivi il prossimo anno, siamo ovviamente in trattative. Ora, non posso dirvi che correremo a parte Austin e il Messico, perché non siamo ancora d'accordo su nulla. Vogliamo che l'anno prossimo sia più grande e migliore e penso che eravamo troppo giovani come sport, per entrare in qualcosa che non era molto buono, perché è per questo che saremmo stati ricordati.

Come la Formula E, la W Series è un campionato che ha una missione. Quest’anno abbiamo visto tutti i messaggi di promozione della giustizia sociale e della diversità provenire da tutti gli sport; tutti si sono orientati davvero verso uno scopo. Come credi che questo abbia aiutato la W Series?
A livello commerciale, credo con la conversazione che stiamo facendo. Siamo guidate da una missione, non facciamo luoghi comuni. Siamo qui per promuovere le donne in uno sport che storicamente non ha mai avuto un numero di partecipanti femminili. Abbiamo l’autenticità con i marchi, non mettiamo t-shirt per promuovere una causa. Siamo ciò che diciamo di essere.  

E cosa pensa dell'idea che lo scopo sia il cuore dello sport, anche quando si sposta nella sfera politica?
Prendi Black Lives Matter. Penso che sia fantastico che i piloti abbiano preso la posizione che hanno, che Lewis Hamilton abbia sfruttato la propria posizione per il bene comune. Mi ha colpito il fatto che Mercedes abbia sostenuto la sua posizione, dicendo ‘non è una questione di politica, è una questione di diritti umani’. In un diagramma di ciò che è politica e diritti umani, c'è un grande incrocio, il modo in cui Mercedes sostiene Lewis in questo, non è lui che sta solo, sta ottenendo il sostegno della squadra. Penso che quello che sta succedendo è che gli sportivi hanno usato la loro posizione per promuovere una giusta causa e lentamente gli sponsor, le aziende e gli stessi enti sportivi stanno capendo questo.  

Uno dei veri aspetti positivi per lo sport in questo periodo è stato l'ascesa di Esports. Positivo su molti livelli, ma uno di questi per me è davvero l'accessibilità, sono state portate nuove persone in questo sport, che altrimenti non l'avrebbero scoperto. Qual è stata la tua esperienza con gli eSports ed il modo in cui ti ha aperto ad un nuovo pubblico?
Ci siamo aperti praticamente a un pubblico nuovo. Vogliamo che sia una porta d'accesso al motorsport e alla nostra serie. Uno dei grandi problemi del motorsport è la spesa. E questo è ovviamente un gateway relativamente economico, e quindi potenzialmente aperto a tutti, perché non c'è un limite di costo. Penso che il trucco sia quello di trasferire tutte quelle persone che sono interessate agli eSports è di renderle fan della W Series, della Formula Uno, della Formula E.

Lei finanzia i suoi partecipanti, il che è molto insolito. Non fai affidamento su persone che hanno genitori ricchi e hanno sponsor alle spalle, una differenza del consueto percorso nell’ambito delle monoposto. Mi interessa sapere che effetto ha avuto sul tipo di persone che sta attirando?
Nella W Series c’è una persona come Alice Powell, che è stata la prima donna ad ottenere punti in GP3, ma poi è rimasta a corto di soldi e non poteva guidare. Così non ha corso per cinque anni fino a quando non è arrivata la W Series. Siamo molto orgogliosi di introdurla di nuovo in questo sport. Ciò che indica alle giovani ragazze quando pensano che lo sport motoristico sia un’opzione per loro è che possono guardare alle W Series e possono vedere che non hanno bisogno del padre o della madre per entrare in questo sport. E si spera che continueremo a bussare alle porte.

Noi, come marchio, dobbiamo essere più coinvolti nelle basi. Dobbiamo essere in grado di sostenere alcuni automobilisti a un livello più giovane. E non siamo giunti a nessuna conclusione su come faremo. Ma certamente, questo è qualcosa che dobbiamo fare perché quello che non vogliamo fare è lasciare che un talento prodigioso cada in rete in una fase molto precoce, perché semplicemente non riesce ad avere i soldi neanche per entrare nelle Ginetta o nelle vetture di Formula Quattro.

Mi viene chiesto spesso ‘quando arriverà una donna in Formula 1?’ Sei tu l’esperta, quanto pensi che siamo lontani da questa possibilità?
Ho sempre rifiutato di rispondere a questa domanda

…fino ad oggi!
Potrebbe succedere in uno dei due modi: un buon pilota veloce otterrà abbastanza sponsorizzazione e supporto e denaro da potersi fare strada attraverso la F3 e la F2 della FIA. Oppure, ciò che è più probabile che succeda è che alcuni ragazzi dai 10 ai 13 anni corrano molto e abbiano migliaia di ore di esperienza al volante, in modo da poter guidare tanto quanto i ragazzi alla stessa età. Poiché la gente vuole così tanto che una donna torni in Formula Uno che il pilota riceva molto sostegno commerciale in giovane età, si spera che arrivi attraverso la W Series, ma alla fine salga in Formula Tre e in Formula Due. Poi otterrà quell'appoggio che la porterà avanti. Quindi non so, forse 10 anni? Emotivamente accadrà più velocemente di così, perché credo che qualcuno sosterrà una donna per arrivarci. Ma da un punto di vista pratico, credo che si tratti di un bottino di 10 anni.

Guardando la scena ora, parlando con i capi delle serie e dei team di corse, è abbastanza chiaro che la sponsorizzazione per il 2021 sarà un ambito molto impegnativo a causa di questa pandemia. Siete sicuri che il vostro progetto di sponsorizzazione andrà avanti?
Beh, sono abbastanza fiduciosa del mio programma di sponsorizzazione perché abbiamo un grande successo grazie alla diversità. E sappiamo di essere stati trasmessi in tutto il mondo e di avere un grande pubblico. Ma non dipendiamo dagli sponsor per gareggiare. Dobbiamo, a tempo debito, essere in grado di farcela da soli come azienda redditizia, perché ovviamente i nostri azionisti vogliono vedere un ritorno sul loro investimento. Ma se mi affidassi esclusivamente alle sponsorizzazioni, sarei nervoso a causa del contesto macro e microeconomico che senza dubbio il mondo attraverserà il prossimo anno. Ma l'anno prossimo correremo, anche se non avremo un altro sponsor.

Infine, Catherine, guardando più in generale, vorrei il tuo parere su quale sarà l'impatto di quest'anno sulla spinta che stavamo già vedendo verso la mobilità elettrica e la decarbonizzazione delle corse e su come la W Series affronterà questo aspetto in futuro.
Sono una purista delle corse automobilistiche nel cuore. Ho amato le auto di Formula Uno, pre-ibride, perché mi piaceva il suono dei motori. Penso che, come aziende, dobbiamo essere neutrali rispetto alle emissioni di anidride carbonica. Penso che ci siano così tante nuove tecnologie in arrivo nei prossimi anni che l'efficienza dei motori è tale che non dobbiamo far diventare elettriche tutte le corse. Certamente, le W Series in futuro non credo vogliano essere motori a benzina. Penso che dobbiamo passare all'ibrido, credo che le corse elettriche sarebbero fantastiche. Ma mi piace il suono. Mi piace che il mio cuore si commuova quando corro.

condivisioni
commenti
W Series: dal 2021 categoria di contorno della F1?
Articolo precedente

W Series: dal 2021 categoria di contorno della F1?

Prossimo Articolo

La W Series correrà in otto weekend di gara di Formula 1 nel 2021

La W Series correrà in otto weekend di gara di Formula 1 nel 2021
Carica commenti