Coppa Italia Turismo: doppietta di Federico Borrett a Monza

condivisioni
commenti
Coppa Italia Turismo: doppietta di Federico Borrett a Monza
Redazione
Di: Redazione
26 giu 2018, 16:10

Ancora una volta tanto spettacolo e sano agonismo anche per il quinto weekend sportivo 2018 del Gruppo Peroni Race. Federico Borrett domina in Coppa Italia Turismo. Una vittoria a testa per Riccardo De Bellis e Andrea Sapino nella Novecentoundici Race Cup. Doppietta per Ranieri Randaccio nel Master Tricolore Prototipi.

Novecentoundici Race Cup

Azione di gara

Azione di gara

Photo by: Actualfoto

Riccardo De Bellis (Porsche 991 GT3 Cup – Zrs Motorsport) e Andrea Sapino (Porsche 991 GT3 Cup – Elettronica Conduttori) sono i vincitori delle due prove della Novecentoundici Race Cup all'autodromo di Monza. Il campionato GT, organizzato dal Gruppo Peroni Race, per l'occasione ha condiviso la pista con l'austriaco P9 Challenge.

In Gara 1 De Bellis conquista il successo tagliando il traguardo alle spalle di Heiko Neumann (Porsche 997 GT3R – Motopark Academy) e Franz Irxenmeier (Porsche 991 GT3 Cup – Team Irxenmeier), impegnati nel campionato P9 Challenge. Neumann partito dalla pole inizia a dettare il ritmo seguito da De Bellis e da Michele Merendino (Porsche 991 GT3 Cup – Duell Race), balzato in avanti dalla quarta fila, ma poi costretto al ritiro al nono giro per un pneumatico afflosciato all'Ascari. Buona partenza pure per Nicola Sarcinelli (Porsche 991 GT3 Cup – Elettronica Conduttori), scattato dal fondo dello schieramento, pur con il miglior tempo in qualifica, dato che la vettura al termine della sessione era risultata meno di due chili sotto il peso minimo regolamentare. Sarcinelli nel corso del primo giro recupera ben sei posizioni, salendo in dodicesima piazza.

Sempre nelle concitate fasi di avvio, contatto tra Luca Palermo (Porsche 991 GT3 Cup – Duell Race) e Renato Gaiofatto (Porsche 997 GT3 Cup – Martini Motors), poi usciti di scena rispettivamente al terzo e quarto giro. Dietro il trio di testa duro corpo a corpo tra Boris Schimanski (Porsche 991 GT3 Cup – Aka Sportwagenservice) ed Enrico Quinzio (Porsche 991 GT3 Cup – EF Academy), che si intreccia con il gran duello tra Sebastien Fortuna (Porsche 997 GT3 Cup – Ebimotors) e Markus Neuhofer (Porsche 991 GT3 Cup – Team Neuhofer). Nell'ordine taglieranno il traguardo, tra il quarto e il settimo posto, Schimanski, Neuhofer, Fortuna (vincitore di classe GTC), Quinzio. Accesissima la bagarre anche per l'ottavo posto che si concluderà in volata negli ultimi metri con Alessandro Mazzolini (Porsche 997 GT3 Cup – Gruppo Piloti Forlivesi), Alberto De Ambroggi (Porsche 997 GT3 Cup – Butti Motorsport) e Sarcinelli.

In Gara 2 Sapino sale in cattedra fin dal via. Partito dalla decima posizione in griglia, il piemontese ha dato corpo a una straordinaria rimonta che, sorpasso dopo sorpasso, lo ha portato in testa al gruppo al sesto giro per mantenere la leadership fino alla bandiera a scacchi. L'ultimo a capitolare è stato Irxenmeier che, secondo assoluto, conquista il successo nel P9 Challenge, davanti a De Bellis, autore della piazza d'onore nella Novecentoundici Race Cup davanti al consistente Fortuna, quinto assoluto e leader di classe GTC. In GTC da segnalare il bel duello tra Gaiofatto e Loris Ruggi (Porsche 997 GT3 Cup – Ab Motorsport) che, rispettivamente ottavo e nono nella generale, hanno completato il podio di classe. In GTE, doppietta per Matteo Biassoni, (Porsche 996 GT3 Cup – Vago Racing).

Coppa Italia Turismo

Doppietta per un Federico Borrett pigliatutto (BMW M3 E36 24H Special 3.0 – Borrett Team) nella tappa odierna della Coppa Italia Turismo. In Gara 1 il triestino parte dalla pole position, marcato stretto da Stefano D'Aste (Lotus Elise Cup – Pb Racing), autore di uno start straordinario dalla quarta piazza, dove risulta più lesto di Matteo Bergonzini (Seat Leon Cup Racer TCR – Bf Motorsport) e Samuele Piccin (Honda Civic Type R TCR – Mm Motorsport), che scivola indietro. Alle loro spalle Alberto Biraghi (Seat Leon Cup Racer TCR Dsg – Rs+A) incalza Riccardo Fumagalli (Bmw M3 E92 24H Special 3.0 – Gruppo Piloti Forlivesi) che, dopo uno svarione all'Ascari, cede terreno anche a Marco Bizzaglia (Honda Civic Type R TCR – Mm Motorsport) e Piccin. Intanto, dietro a Borrett, Bergonzini inizia a incalzare D'Aste a suon di giri veloci, fino a effettuare al sesto giro il sorpasso alla Prima variante. D'Aste non ci sta e continua a lottare con l'avversario per la piazza d'onore, prendendosi un grande rischio all'11° passaggio quando tiene in extremis la vettura in uscita all'Ascari. Sul traguardo, dunque, Borrett prevale con meno di due secondi di vantaggio su Bergonzini, vincitore nella numerosa classe TCR, e poco più di quattro su D'Aste. Completano la top five Samuele Piccin e Bizzaglia. In Seconda divisione vittoria per Rino De Luca (Honda Civic Type R 24h Special 2.0 – Vimotorsport) che, quattordicesimo assoluto, precede sul podio di divisione Stefano Tassi (Bmw M3 E36 VSO Gruppo N 3.0), sedicesimo assoluto, e Silvio Bossi (Bmw 318 Racing Series), diciassettesimo.

In Gara 2 il copione si ripete, nonostante il caos alla partenza. Al via Borrett è il più lesto, ma alle sue spalle si scatena il caos. Alla Prima variante si crea un groviglio di vetture (per cui verrà sanzionato con drive through Biraghi) che mette fuori causa D'Aste e Alessandro Revello (Seat Leon Cup Racer Tcr Dsg). Poche curve e alla Ascari Rosario Sapuppo (Bmw M3 E36 3.0 24h Special – Scuderia Etna) con le gomme fredde perde il controllo e va a muro. Entra così la Safety Car che impone una lunga neutralizzazione. Alla ripartenza Borrett riprende la testa, marcato strettissimo da Fabio Fabiani (subentrato a Piccin) fino al traguardo, conquistando il successo tra le TCR. Convincente la risalita di Edoardo Barbolini (Seat Leon Cup Racer Tcr – Bf Motorsport) che completa il podio assoluto, precedendo Riccardo Ruberti (Audi Rs3 Lms Tcr – Super 2000) e Luigi Bamonte (Honda Civic Type R TCR – Mm Motorsport). In Seconda divisione successo per Camillo Piccin (subentrato a De Luca), decimo assoluto, con Tassi e Franco Barin (Renault Clio E1 Italia 2.0 – Dc Racing) a seguire sul podio di divisione.

Master Tricolori Prototipi

Partenza

Partenza

Photo by: Actualfoto

Ranieri Randaccio centra una preziosa doppietta nel Master Tricolore Prototipi, a Monza in pista insieme allo Sports Car Challenge (Scc). In Gara 1 Randaccio conquista la vittoria nel Master Tricolore Prototipi dalla terza piazza assoluta, alle spalle di Jacques Breitenmoser (Prc Ford) e Siegmar Pfeifer (Norma Bmw E2S), protagonisti dello Sports Car Challenge (Scc). Breitenmoser sfrutta il vantaggio della partenza al palo, mentre Pfeifer assesta un gran sorpasso alla Prima variante subito dopo il via a danno di Wolfgang Payr (Prc Audi Turbo) che occupava la seconda piazza. Payr si ritirerà al sesto giro per noie meccaniche.

Lo spettacolo più acceso lo si vedrà nella numerosa classe CN2, con Davide Pedetti (Tatuus Py012 – Cms Racing Cars), Michele Liguori (Osella Pa21 – Dream Team), Lorenzo Matteini (Norma M20 Fc – Cms Racing Cars), Franco Caruso (Osella Pa21 – Cms Racing Cars) all'arma bianca nella lotta per il successo. La battaglia sarà risolta dalla Safety Car, entrata a nove minuti dal termine per la defezione di Andreas Hasler (Radical SR3 Turbo), appiedato in posizione pericolosa all'imbocco della Prima Variante. Alla ripartenza Liguori, fino a quel momento in testa al gruppo, sarà rallentato da un repentino problema di Fabio Valle (Tampolli Alfa Romeo SR2 – Team Agorest Form), con Pedetti e Matteini che passano con Caruso in scia. Ne seguirà un finale di gara emozionante con arrivo in volata con Pedetti, Liguori, Matteini, Caruso nell'ordine al traguardo, tra la quarta e la settima posizione assoluta. Da segnalare il quattordicesimo posto di Giuseppe Rubino (Elia Avrio E2SC – New Generation), al volante di una barchetta spinta da un piccolo motore 1.000 di derivazione motociclistica.

In Gara 2 Randaccio fa il bis, alle spalle di Payr e Pfeifer al termine di una corsa segnata da grande agonismo. Al via grande battaglia tra Payr e Breitenmoser con Randaccio da subito terzo in comodo. Tra le CN2 il confronto non è meno acceso tra Matteini, Caruso, Massimo Ciglia (Tatuus Py012 – Cms Racing Cars), Giancarlo Pedetti (Tatuus Py012 – Cms Racing Cars) con l'inserimento di Francesco Turatello  seppure con la Osella Fastronik in configurazione E2SC 2000. Turatello e Matteini si sganciano poi dal gruppo dando il via a un confronto accesissimo alle spalle di Liguori che, quarto assoluto, conquista la vittoria di CN2, precedendo Turatello. Matteini, sesto, guadagna la piazza d'onore di classe davanti a Ciglia che beffa Caruso in extremis. Convincente il decimo posto assoluto del deb Paolo Frullini (Ligier Js49 – Granducato Corse).

Per il sesto weekend targato Gruppo Peroni Race si dovranno attendere solo una settimana e sarà proprio Monza ad aprire nuovamente le sue porte. Il ricco fine settimana prevede, fra le altre Serie, le uniche tappe italiane della Boss GP, del NEC, del Trofeo FIA Lurani e della DMV-GTC.

Prossimo articolo Turismo
MINI Challenge: rientro vincente per Thomas Biagi al Mugello. In gara 1 la spunta Sandrucci

Previous article

MINI Challenge: rientro vincente per Thomas Biagi al Mugello. In gara 1 la spunta Sandrucci

Next article

Coppa Italia: Franco Barin all'esordio Monza con il team DC Racing

Coppa Italia: Franco Barin all'esordio Monza con il team DC Racing

Su questo articolo

Serie Turismo
Evento Coppa Italia: Monza
Location Autodromo Nazionale Monza
Autore Redazione
Tipo di articolo Gara