Il maltempo condiziona le prime prove del TT 2015

Cancellate le sessioni di lunedì e ieri praticamente hanno girato solamente le 1000

Il maltempo condiziona le prime prove del TT 2015

Dopo che le prove di lunedì sono state completamente annullate a causa della pioggia, ieri i piloti del Tourist Trophy hanno avuto modo di cominciare a prendere confidenza con il Mountain Cours, anche se il maltempo ha fatto ancora da padrone, limitando molto le presenze sul tracciato e costringendo il direttore di gara ad annullare la sessione dei Sidecar.

Quando alle 18:25 locali è stata data la bandiera verde le condizioni non erano le migliori, in quanto c'era molto vento nella sezione montuosa del tracciato e delle chiazze di bagnato a Tower Bends. I big però non si sono fatti spaventare ed hanno iniziato a darsi da fare.

La sessione si è dilungata fino alle 19:05 e sono solamente sei i piloti che sono riusciti a completare tre giri, due con la Superbike ed uno con la Superstock: di questo elenco fanno parte Ian Hutchinson, James Hillier, John McGuinness, Bruce Anstey, Guy Martin e Michael Rutter.

Alle 19:10 è stata la volta delle Supersport e delle Lightweight, ma la sessione non è durata neppure lo spazio di un giro, perché quando i piloti erano a circa due terzi del percorso un nuovo acquazzone si è abbattuto sull'isola di Man, convincendo il direttore di gara ad esporre la bandiera rossa e ad interrompere definitivamente le prove.

Nell'arco della giornata di ieri si sono registrati anche tre incidenti, fortunatamente tutti senza particolari conseguenze: Mark Herbertson si è infortunato ad una spalla, mentre Brandon Cretu e Philip Cretu se la sono cavata senza problemi.

condivisioni
commenti
Guy Martin testimonial Dainese al Motor Bike Expo

Articolo precedente

Guy Martin testimonial Dainese al Motor Bike Expo

Prossimo Articolo

Il TT 2015 ha già fatto una vittima: Franck Petricola

Il TT 2015 ha già fatto una vittima: Franck Petricola
Carica commenti