UK: a Castle Combe è Taylor l'incubo ricorrente di Lloyd con successi per entrambi

condivisioni
commenti
UK: a Castle Combe è Taylor l'incubo ricorrente di Lloyd con successi per entrambi
Francesco Corghi
Di: Francesco Corghi
16 lug 2018, 05:46

Il pilota della Pyro Motorsport ha prima beffato in qualifica il rivale della WestCoast Racing, battendolo poi in Gara 1 inducendolo alla scorrettezza, poi Dan si riscatta in Gara 2 tenendosi dietro la Honda di Ollie. Podio anche per Andreas Bäckman e Swift, Lines squalificato per un brutto incidente.

Daniel Lloyd è riuscito ancora a vincere nel TCR UK Championship, ma questa volta il pilota della WestCoast Racing non ha fatto piazza pulita sul campo di Castle Combe, dato che Gara 1 se l'è portata a casa Ollie Taylor beffando proprio il rivale, che per come aveva iniziato il weekend era apparso meno dominatore del solito.

Qualifiche: Taylor pone fine al dominio di Lloyd

Tutto è iniziato al sabato, con Taylor che ha chiuso la striscia di pole position di Lloyd battendolo per un soffio in qualifica. Il pilota della Pyro Motorsport ha infatti centrato il miglior giro con la propria Honda Civic Type R TCR FK7 beffando per soli 0"003 la Volkswagen Golf GTI TCR dell'avversario.

Il team svedese aveva visto salire al comando Andreas Bäckman nella prima parte della sessione, poi è arrivata l'interruzione per consentire il recupero della Vauxhall Astra TCR di Darelle Wilson, finito contro un pilone di gomme.

Le prove sono ricominciate con 19' sul cronometro e il nuovo miglior giro lo ha ottenuto Jessica Bäckman con l'altra Volkswagen della WestCoast Racing, prima di essere superata da Lloyd autore di un bell'1:07.126.

Per lui sembrava cosa fatta, ma nel finale è arrivato il giro-bomba di Taylor che ha fermato il crono sull'1:07.123 che gli ha consentito di precedere Lloyd e i fratelli Bäckman.

Gara 1: Lloyd colpisce Taylor, il pilota Honda vince grazie alla penalità a Dan

Lloyd avrebbe potuto centrare la sua settima vittoria consecutiva stagionale in Gara 1, ma pur transitando per primo sotto la bandiera a scacchi, non l'ha ottenuta in modo pulito, almeno stando a quanto hanno ravvisato i commissari.

All'ultimo giro, infatti, Dan ha colpito la Honda di Ollie sul posteriore pur di passare al comando (perso con una partenza da dimenticare dalla pole), per cui i giudici lo hanno sanzionato con 1" di penalità sufficiente a retrocederlo al secondo posto.

Lloyd ha avuto uno scatto a rilento al via scivolando quarto, con Taylor andato davanti seguito da Andreas Bäckman e Lewis Kent. Nelle retrovie c'è stato un incidente con protagonista la Honda di Finlay Crocker e la Volkswagen di Jessica Bäckman; il primo è finito fuori pista e Stewart Lines non è riuscito ad evitarlo, dovendosi così ritirare.

La safety car è intervenuta per consentire la risistemazione della situazione, con la Bäckman che comunque è riuscita a ripartire dopo essersi fermata ai box.

Lloyd qui ha cominciato la sua rimonta passando al giro 10 la Hyundai di Kent (autore di un errore), poi la Golf di Andreas Bäckman al giro 12 per dare via all'inseguimento su Taylor, in quel momento con un buon margine di sicurezza.

Per qualche giro il concorrente della Honda ha mantenuto un buon vantaggio, ma Lloyd lo ha raggiunto e attaccato all'ultimo passaggio andando a tagliare il traguardo; come detto però la mossa controversa è stata punita dai giudici.

Sul podio sale anche Andreas Bäckman, poi abbiamo Kent e Carl Swift (Maximum Motorsport) con la sua Cupra TCR, il quale a lungo ha lottato per tenersi dietro Derek Palmer, incappato ad un certo punto in un problema tecnico alla Alfa Romeo Giulietta TCR della DPE Motorsport che lo ha costretto ad alzare bandiera bianca al giro 18.

Gara 2: riscatto di Lloyd

Lloyd si è riscattato in Gara 2 dopo la delusione della penalità del primo round che gli aveva fatto perdere il successo a vantaggio di Taylor, che questa volta ha chiuso secondo alle spalle del pilota della WestCoast Racing.

Lloyd era partito dalla pole position approfittando dell'assenza di Wilson, la cui Vauxhall è risultata irreparabile dopo l'incidente delle qualifiche. Inizialmente Swift ha provato ad insidiare il leader all'esterno della "Quarry Corner" al giro 1, dovendosi però accodare alla Golf.

Taylor ha invece effettuato una grande rimonta superando prima Kent e poi Swift, dovendosi accontentare della piazza d'onore essendo Lloyd fuggito via.

La gara ha visto pure l'ingresso della safety car per via di un ruvido contatto di cui sono stati protagonisti Jessica Bäckman e Lines, finiti violentemente a muro alla "Camp Corner" mentre i due lottavano per la Top5. Il pilota della Cupra TCR è stato successivamente squalificato per l'episodio e punito con una sanzione in termini di punti.

Una volta uscita l'auto di sicurezza, Lloyd è tornato a scappare via, con Taylor che si è tenuto dietro Swift. Quest'ultimo era scivolato però quinto per via di una penalità di 5" per non aver rispettato i track limits, ma l'appello presentato a fine gara è stato accolto e così si è visto restituire il podio.

Quarto posto per Palmer, al miglior risultato stagionale con l'Alfa Romeo, mentre il suo compagno di squadra Robert Gilmour non è riuscito a partire per via di un guasto all'ECU.

Il prossimo appuntamento si terrà ad Oulton Park il 4 agosto.

TCR UK - Castle Combe: Qualifiche
TCR UK - Castle Combe: Gara 1
TCR UK - Castle Combe: Gara 2

Prossimo articolo TCR
La Cupra e-Racer ha cominciato i test in Croazia

Articolo precedente

La Cupra e-Racer ha cominciato i test in Croazia

Prossimo Articolo

Eversley e Wilkins mattatori a Portland nella bagarre Honda-Hyundai

Eversley e Wilkins mattatori a Portland nella bagarre Honda-Hyundai
Carica commenti