Tripudio Kajaia e Romeo Ferraris: "Alfa Romeo meglio di altri colossi"

Il georgiano ha regalato a Rustavi la prima vittoria alla Giulietta costruita dal team di casa nostra e sviluppata da Michela Cerruti. Un'emozione indescrivibile considerato che in pista c'erano auto forti come Audi, Honda, Seat e VW.

Tripudio Kajaia e Romeo Ferraris: "Alfa Romeo meglio di altri colossi"
Davit Kajaia, GE-Force, Alfa Romeo Giulietta TCR
Il vincitore di Gara 1 Davit Kajaia, GE-Force, Alfa Romeo Giulietta TCR
Davit Kajaia, GE-Force, Alfa Romeo Giulietta TCR
Davit Kajaia, GE-Force, Alfa Romeo Giulietta TCR
Partenza
Il vincitore di Gara 1 Davit Kajaia, GE-Force, Alfa Romeo Giulietta TCR
Davit Kajaia, GE-Force, Alfa Romeo Giulietta TCR
Davit Kajaia, GE-Force, Alfa Romeo Giulietta TCR
Davit Kajaia, GE-Force, Alfa Romeo Giulietta TCR
Davit Kajaia, GE-Force, Alfa Romeo Giulietta TCR

Per la prima volta insieme, per la prima volta primi.

Si potrebbe riassumere così il weekend perfetto che Davit Kajaia ha trascorso in Georgia con la sua Alfa Romeo Giulietta TCR.

A dir la verità, il georgiano aveva già avuto modo di guidare la vettura del Biscione in occasione degli eventi della TCR Middle East Series di Abu Dhabi e Sakhir, ma non erano di così grande importanza come quelli della TCR International Series.

A Rustavi, dove andavano in scena le prime gare della stagione 2017, il pilota della GE-Force ha prima conquistato una grande pole position nelle qualifiche del sabato, poi ha centrato il successo in Gara 1.

Per l'Alfa Romeo è una giornata storica, con il ritorno alla vittoria sulla scena internazionale, così come per la Romeo Ferraris, che grazie al grande lavoro di Michela Cerruti (collaudatrice fin dai primi passi del progetto) e meccanici hanno sfornato una Giulietta TCR finalmente in grado di vincere.

"Sono più che felice, non ho parole per descrivere cosa si prova vincere in casa, è assolutamente fantastico! - ha detto Kajaia - Voglio ringraziare tutto il mio paese per il supporto, poi il team che ha fatto un lavoro eccellente e la TCR Series per essere venuta a correre in Georgia".

"E' stata una gara durissima, sono partito bene e ho guadagnato un buon vantaggio, ma dal sesto giro le gomme anteriori hanno cominciato a soffrire e da lì è iniziato il duello con Ficza. E' stato complicato, ma sono riuscito a tenermelo dietro".

Michela Cerruti ha aggiunto: "Indubbiamente questo è un risultato che ripaga tutti per il grande lavoro svolto, arrivato dopo un anno molto difficile in cui tutti ci siamo applicati tantissimo, io in primis seguendone lo sviluppo sin dai suoi primi chilometri. Ottenere questo risultato in Georgia, con il governo locale che ha fortemente spinto per questo progetto, con un pilota di casa, rende il tutto ancora più speciale con un grande pubblico e grande supporto".

"Davit ha completato una grande prestazione sul circuito di casa, mentre Dusan Borkovic si è trovato a dover recuperare dopo un’inconveniente nelle prove libere, mettendo a segno due gare eccezionali. Un ringraziamento particolare va ovviamente ad Aldo Cerruti che ha creduto nel progetto Romeo Ferraris con Alfa Romeo, tenendo alto il morale di tutti, come anche la direzione di Claudio Bortoletto e l’esperienza tecnica di Mario Ferraris, che hanno fatto sì che potessimo vincere contro colossi come SEAT, Audi, Honda e Volkswagen".

condivisioni
commenti
Comini, fulmini e tuoni: "Un miracolo il podio, ma Vernay gioca sporco"

Articolo precedente

Comini, fulmini e tuoni: "Un miracolo il podio, ma Vernay gioca sporco"

Prossimo Articolo

Vernay: "Comini mi ha rovinato la gara, lo credevo più intelligente"

Vernay: "Comini mi ha rovinato la gara, lo credevo più intelligente"
Carica commenti