Russia: un grande Bragin regala alla Hyundai il primo successo in Gara 2 a Fort Grozny

Corsa perfetta del Campione in carica che precede Dudukalo e le LADA di Grachev e Ladygin, mentre Minnakhmetov batte Badoev per la Top5. Lukashevich si gira al via, penalizzato Gavrilov, scintille tra Akhmadov e Marushko.

Russia: un grande Bragin regala alla Hyundai il primo successo in Gara 2 a Fort Grozny

Grandissima vittoria di Dmitry Bragin, che nell'uovo di Pasqua trova la sorpresa più dolce con il successo di Gara 2 della TCR Russia Series a Fort Grozny.

Dopo i punti conquistati in rimonta nella prima uscita stagionale di ieri, il Campione in carica approfitta al meglio della partenza dalla prima fila della griglia invertita per regalare alla Hyundai i30 N la prima vittoria nella serie.

Allo spegnimento dei semafori il pilota della TAIF Motorsport ha avuto uno scatto fulmineo bruciando il poleman Aleksey Dudukalo e filando via staccando nettamente le Audi RS 3 LMS del concorrente griffato Lukoil Racing e di Klim Gavrilov, che però è incappato nella partenza anticipata che lo ha costretto a scontare un Drive Through dopo alcune tornate.

Questo ha consentito alle LADA Vesta Sport di Mikhail Grachev e Kirill Ladygin di issarsi in terza e quarta piazza, mentre alle loro spalle si sono formati due agguerritissimi gruppetti di duellanti per le restanti posizioni della Top10.

A centro gruppo si è rivisto prepotentemente Ivan Lukashevich, finito in testacoda alla curva 1 dopo essere venuto a contatto con la Cupra di Pavel Kalmanovich. La Hyundai i30 N della Lukoil Racing si è girata proprio davanti alla Volkswagen Golf GTI di Ilsur Akhmetvaleev, impossibilitato ad evitarla se non finendo fuori pista.

Nel frattempo anche Ivan Chubarov (testacoda) ed Andrej Maslennikov (stallo) hanno perso terreno, rientrando di corsa nelle bagarre.

Al giro 10 Grigory Burlutskiy ha dovuto parcheggiare la Volkswagen Golf GTI della Carville Racing a bordo pista in seguito ad un problema tecnico, mentre poco dopo un ruvido contatto fra la Volkswagen di Ibragim Akhmadov e la LADA di Aleksandr Marushko ha visto finire contro le barriere il ceceno, sceso furibondo dalla propria Golf gesticolando vistosamente nei confronti del rivale, che nel frattempo è dovuto tornare in pit-lane per sostituire le gomme.

Con le vetture ferme sul tracciato i commissari hanno dovuto mandare in azione la safety car, che poi è uscita di scena al giro 16.

Bragin è ripartito fortissimo guadagnando su Dudukalo, che a sua volta è stato insidiato da Grachev e Ladygin fino alla bandiera a scacchi (giro 20) senza che ci fossero ulteriori ribaltoni.

Nella lotta per la Top5 l'ha invece spuntata in extremis Minnakhmetov davanti a Badoev, Mikhail Mityaev (Cupra DSG), Lukashevich e le Cupra di Chubarov e Maslennikov.

Il prossimo round della TCR Russia si terrà il 17-19 maggio a Nizhniy Novgorod.

condivisioni
commenti
Trionfo al cardiopalma della Red Camel-Jordans.nl in Classe TCR alla 12h di Spa
Articolo precedente

Trionfo al cardiopalma della Red Camel-Jordans.nl in Classe TCR alla 12h di Spa

Prossimo Articolo

TCR Europe: si comincia a Budapest con un... 30 e lode

TCR Europe: si comincia a Budapest con un... 30 e lode
Carica commenti
Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali Prime

Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali

Annunciato il suo addio alle corse a tempo pieno, Gabriele Tarquini si appresta ad affrontare una nuova vita dopo tantissimi anni di carriera ed esperienze. Motorsport.com ha parlato con alcuni dei suoi più stretti amici e accerrimi rivali per conoscere aneddoti e restroscena che vi proponiamo in esclusiva.

WTCR
14 nov 2021
Le TCR perdute: oggi chi fa da sè... non fa per tre Prime

Le TCR perdute: oggi chi fa da sè... non fa per tre

Le TCR Series hanno preso il via nel 2015 e ad oggi sono diversi i modelli delle Case presenti in pista, più o meno nuovi. Ma c'è anche qualcuno che in questi anni ha provato a mettersi in proprio, con risultati differenti e particolari. Scopriamo di chi si tratta.

TCR
6 ago 2021
Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni Prime

Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni

Ad Aragón il "Cinghiale" ha ottenuto l'ennesima vittoria di una carriera che pare non fermarsi mai. Ma oltre alle qualità di pilota, l'abruzzese conta sulla passione e una testa che da anni gli consente di restare al top: ecco come.

WTCR
13 lug 2021
Coletti-Filippi: "Alfa Giulia e Pure ETCR le nostre scommesse" Prime

Coletti-Filippi: "Alfa Giulia e Pure ETCR le nostre scommesse"

Intervista doppia esclusiva di Motorsport.com ai due piloti della Romeo Ferraris, che corrono con la Giulia ETCR nel campionato turismo elettrico: ecco le loro impressioni e aspettative di questa avventura.

ETCR
8 lug 2021
Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde) Prime

Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde)

Il portoghese sul Nordschleife ha inaugurato la stagione 2021 del WTCR con una grandissima vittoria, che è la seconda nella serie dal rientro del 2019 dopo l'incidente che per poco lo ha ucciso. Ecco come è arrivata e perché è molto più reale della precedente.

WTCR
13 giu 2021
WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde) Prime

WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde)

Il Mondiale Turismo riparte nel weekend con le gare del Nurburgring, ma il sapore è sempre più quello di un campionato riservato esclusivamente agli ufficiali e ai più ricchi, estromettendo di fatto quei team che potevano ambire a qualcosa di grande con il concetto TCR.

WTCR
30 mag 2021
WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta Prime

WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta

La Romeo Ferraris non schiererà più le sue Giulietta nella massima serie turismo per via di un regolamento che mette sempre più da parte i privati, confermando ancora una volta la cecità sportiva dei vertici del Biscione.

WTCR
25 mar 2021
Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo Prime

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo

La Casa del Biscione è solo all'apparenza impegnata in F1, ma di ingegneristico non c'è praticamente nulla, mentre nel turismo sono tante le realtà che in questi anni hanno provato a rilanciare il marchio, ma solo coi propri investimenti.

Formula 1
1 mar 2021