TCR DSG Endurance: tutto ciò che c'è da sapere sui 6 round italiani per Audi-Cupra-Volkswagen

condivisioni
commenti
TCR DSG Endurance: tutto ciò che c'è da sapere sui 6 round italiani per Audi-Cupra-Volkswagen
Francesco Corghi
Di: Francesco Corghi
11 gen 2019, 08:31

Nella presentazione della nuova serie per vetture con cambio Direct-Shift Gearbox sono stati illustrati tutti i dettagli e i costi del campionato di ACI Sport e Scuderia del Girasole: vediamo di cosa si tratta.

Presentazione del TCR DSG Endurance
Insegna TCR DSG Endurance
Logo del campionato TCR DSG Endurance
Insegna TCR DSG Endurance
Dettaglio dell'adesivo sulla fiancata della CUPRA Leon
CUPRA Leon
Audi RS3 LMS
Audi RS3 LMS
Volkswagen Golf GTI
Presentazione del TCR DSG Endurance
Atmosfera

A Monza sono stati ufficialmente tolti i veli e resi noti tutti i dettagli riguardanti il nuovo Campionato Italiano TCR DSG Endurance, serie organizzata e promossa da ACI Sport e Scuderia del Girasole.

Alla competizione sono ammesse solamente le vetture che montano il cambio di serie DSG (Direct-Shift Gearbox), le quali si sfideranno in gare da 2h nell'arco di una stagione che prevede 6 appuntamenti sui principali tracciati italiani. Ma vediamo in dettaglio come funziona un weekend all'insegna del motorsport per i fan.

Piloti e fan, un binomio di stretto contatto

Prima di tutto nel paddock verrà allestita un'area dedicata alla serie TCR DSG con hospitality per piloti, team e media. Inoltre ogni round avrà una diretta esclusiva su una emittente nazionale (primi ed ultimi 30') e via internet live-streaming, con l'utilizzo della pagina Facebook ufficiale "Campionato Italiano TCR DSG Endurance" per poter poi mantenere la visibilità del round anche per un replay.

Quello che il responsabile di Scuderia del Girasole, Tarcisio Bernasconi, e i vertici di ACI Sport vorrebbero, è riportare gli appassionati nel paddock per incontrare da vicino piloti e addetti ai lavori, cosa che purtroppo nel corso degli anni è venuta meno (o comunque viene visto come "privilegio" riservato a pochi eletti, come spesso accade in Formula 1 ad esempio). Ecco quindi l'idea di allestire podio e zona premiazioni nel retro-box, in modo da consentire a tutti i presenti di avvicinare i protagonisti.

E' stato chiesta anche un intervento al celebre vignettista "Matitaccia" (al secolo Giorgio Serra), che ad ogni weekend produrrà una delle sue opere dedicate esclusivamente alla neonata serie TCR.

Sei giri per l'Italia

Saranno sei gli eventi all'interno dei fine settimana che ACI Sport organizzerà sui tracciati tricolore, tutti sui principali tracciati del Bel Paese. Si comincia a Monza il 6-7 aprile, poi si passerà a Vallelunga il mese successivo, mentre la tappa di Misano deve ancora avere una data fissata poiché si sta trattando con gli organizzatori di DTM e Blancpain per rendere il TCR DSG Endurance gara di supporto.

A luglio ci si trasferisce al Mugello, dove avverrà anche il gran finale ad ottobre, ma prima è previsto l'appuntamento di Imola il 1° settembre.

Leggi anche:

Spazio per tutti, grandi e piccoli

I piloti ammessi sono di vario livello: si può iscrivere un concorrente proveniente dalle serie principianti come i kart, il quale potrà fare una prima esperienza a livello professionistico, fino ad arrivare ai gentlemen driver e ai pro veri e propri.

Ogni equipaggio può essere formato da 1 a tre piloti, non ci sono limiti di età per presenziare, mentre il peso minimo di ogni conduttore è fissato ad 85kg. Questo per consentire anche a quelli che fisicamente risultano meno allenati di altri - ma che il piede ce l'hanno ancora pesante - di poter confrontarsi con ragazzi che seguono palestra e dieta rigorosamente. Naturalmente chi è al di sotto di tale peso dovrà considerare l'aggiunta di una zavorra.

Il promoter Bernasconi sta anche lavorando per organizzare un test con una vettura sequenziale per il vincitore del campionato: l'obiettivo è rendere questa serie una rampa di lancio verso le altre TCR con gare sprint, formando i più giovani.

Le qualifiche sono già una gara, poi 2h di spettacolo

Il format di ogni gara include 1h di Prove Libere facoltative (con un costo dedicato) e prevede un turno di Prove Ufficiali diviso in due parti. La prima di 20'/25' per definirie la griglia di partenza di quella che è una sorta di Qualifying Race da 5 giri (circa 8'/10') definita "Sfida" che stabilirà quello che sarà l'ordine di partenza della gara di 2h. Al termine di essa, verranno assegnati punti, sommati poi a quelli della gara sulla scala di 10-8-6-5-4-3-2-1.

Come detto, ogni gara avrà una durata di 120' con due soste obbligatorie da minimo 5'. Durante il pit-stop si potrà effettuare il rifornimento in un'area dedicata ove ACI Sport allestirà le pompe di benzina. Il numero di esse sarà scelto in base a quello dei partecipanti (possono essere due o quattro, non una a testa comunque), per cui ognuno è libero di decidere quando rientrare a rifornire secondo la propria strategia.

Nella suddetta area dedicata, non sono ammessi interventi dei meccanici o cambio-pilota durante il rifornimento. Queste due attività potranno invece avere luogo nei propri box assegnati dal promoter.

Al termine dell'appuntamento avremo una classifica assoluta, una per i Gentlemen Driver (Over 49), una Junior Under 25, una per i team e una femminile, più l'assegnazione dei Trofei di Marca. Alla fine del campionato, ogni vincitore della propria graduatoria si porterà a casa la Coppa ACI Sport.

Solo DSG del Gruppo Volkswagen

Le vetture ammesse dovranno montare esclusivamente il cambio DSG (Direct-Shift Gearbox) di serie, dunque saranno quelle del Gruppo Volkswagen (Audi-Cupra/SEAT-Volkswagen), alle quali viene applicato il medesimo Balance of Performance stabilito dal Dipartimento Tecnico del TCR seguendo i bollettini pubblicati nel corso della stagione.

Per ogni macchina sono previsti 14 pneumatici slick (10 nuovi e 4 punzonati del round precedente). In caso di divisione degli equipaggi, quelli nuovi restano al primo pilota che mantiene il numero di gara.

In azione avremo quindi Cupra-SEAT, Volkswagen Golf GTI e Audi RS 3 LMS, tutte con ABS facoltativo, e di ricambi e supporto tecnico si occuperà la Scuderia del Girasole, che fino allo scorso anno ha collaborato a strettissimo contatto con SEAT Motorsport Italia.

Prezzi competitivi per tutto l'anno e gara per gara

A questo punto non resta che parlare della cosa principale, ossia le spese da effettuare presso ACI Sport per iscriversi al campionato. Il prezzo iniziale è di 3.000€+IVA (da versare entro il 31/01/2019), poi si passerà a 4.000€+IVA (dall'1 febbraio 2019). Chi invece vorrà prendere parte a gare singole dovrà pagare 850€+IVA per ciascuna, sommando 1.500€+IVA che richiede l'autodromo che ospita l'evento. Come detto sopra, le prove libere, a discrezione del partecipante, non sono incluse nei prezzi del weekend e hanno un costo di 360€+IVA per 60' di attività in pista.

A tutto ciò bisognerà sommare l'acquisto della macchina - per chi non la possiede - con cifre che variano a seconda del modello e degli aggiornamenti, i cosiddetti "running costs" di gestione delle vetture (ricambi e manutenzione) e soprattutto di gomme e benzina.

Per quanto riguarda questi ultimi due aspetti, ACI Sport e Scuderia del Girasole hanno indetto una gara d'appalto che verrà chiusa nel giro di una decina di giorni. Una volta terminata, i fornitori di pneumatici e carburanti annunceranno quelli che sono i prezzi dei propri prodotti.

Prossimo Articolo
Carica commenti

Su questo articolo

Serie TCR
Evento Presentazione TCR DSG Endurance
Autore Francesco Corghi