Un'amarezza dopo l'altra per Paulsen: "Potrei giocarmi la vittoria, ma ho finito i soldi"

Anche in Austria è stato un weekend duro per il pilota privato norvegese, che ora dovrà lavorare duramente per racimolare il budget per prendere parte ad almeno la gara di Monza.

Un'amarezza dopo l'altra per Paulsen: "Potrei giocarmi la vittoria, ma ho finito i soldi"

E' dura accettare un ritiro quando sei ad un passo dal primo posto dopo una rimonta dal 19° sulla griglia, ma il weekend del TCR Europe del Red Bull Ring per Stian Paulsen si è rivelato un'altra delusione cocente.

In Austria, sia per colpa sua che per fattori indipendente dalla propria volontà, il pilota privato norvegese ha vissuto alti e bassi che lo hanno lasciato a bocca asciutta ancora una volta, cominciando la sofferenza già in qualifica.

"Dopo essere stato fra i più veloci nelle prove libere, la qualifica è andata come in molte altre volte quest'anno, purtroppo - ammette il 31enne di Fredrikstad - Sono uscito un po' tardi e nei primi quattro tentativi ho sempre beccato bandiere gialle a costringermi a rallentare. Nell'ultimo addirittura è stata esposta la bandiera rossa, proprio quando mi trovavo sull'ultima curva a 5" dal traguardo. Appena la sessione è ricominciata, mi sono rituffato dentro, ma ho sbagliato troppo e ritrovandomi 19° ho compromesso inevitabilmente le gare".

Sabato pomeriggio le cose non sono andate affatto bene perché nel primo round Paulsen ha ricevuto una ruvida sportellata alla prima frenata da parte della Renault di John Filippi a mandarlo fuori. Domenica è stato anche peggio, se così si può dire, perché dover alzare bandiera bianca per un guasto meccanico quando ti ritrovi in piazza d'onore dopo una serie di sorpassi da urlo è al limite dell'inaccettabile.

"Nella prima già alla prima curva mi hanno buttato fuori, la collisione ha danneggiato una gomma e un cerchio, e non ho potuto proseguire, ma sono cose che capitano quando parti così indietro".

"Prima di Gara 2 è scesa una lieve pioggerellina, che naturalmente ha dato fastidio a tutti coloro che montavano gomme da asciutto. Rimontando con grinta sono riuscito a raggiungere il 4° posto, che poi sarebbe stato il 3° dato che Tom Coronel doveva scontare una penalità".

"A due tornate dalla fine mi sono ritrovato dietro a Luca Engstler, in seconda posizione, cioè colui che poi ha vinto. Arrivato alla frenata della curva 3, si è spaccato l'ammortizzatore anteriore sinistro e mi sono dovuto ritirare. Chiaramente potete capire la seccatura, avevo bisogno di questo podio e della vittoria, sono in una stagione dove non avevo mai avuto così tanta sfortuna".

A questo punto Paulsen rientrerà a casa e nei mesi estivi, più che alle vacanze, dovrà pensare a risistemare la sua Cupra e a dedicarsi al proprio lavoro di meccanico per raccimolare il budget in vista dei prossimi impegni in pista. Per uno che svolge tutto il lavoro da solo sulla sua macchina da corsa, non è sicuramente il massimo dover rinunciare alla passione da sfogare in pista, ma il 2019 sarebbe stato un anno di sacrifici, come lo stesso Stian aveva ammesso ad inizio stagione.

"Partire così indietro e arrivare a giocarsi il successo penso sia incredibile, abbiamo dimostrato di avere tutto per riuscirci, ma ogni qual volta nelle qualifiche succede sempre qualcosa che ti mette fuori dai giochi in partenza".

"Ora dovrò lavorare moltissimo, l'unica cosa che mi serve è il denaro perché l'ho finito! Prima di ottobre non sarò in pista, proverò a correre a Monza nell'ultimo weekend della stagione, ma ad Oschersleben e Barcellona non credo di poter andare. Intanto ringrazio i miei sponsor, particolarmente 'anton.no' per avermi affiancato al Red Bull Ring. Spero sia una buona estate per tutti".

condivisioni
commenti
Borković escluso dal TCR Europe: "Tolleranza zero per i recidivi!"
Articolo precedente

Borković escluso dal TCR Europe: "Tolleranza zero per i recidivi!"

Prossimo Articolo

L'Alfa Romeo centra il doppio podio in Giappone

L'Alfa Romeo centra il doppio podio in Giappone
Carica commenti
Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali Prime

Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali

Annunciato il suo addio alle corse a tempo pieno, Gabriele Tarquini si appresta ad affrontare una nuova vita dopo tantissimi anni di carriera ed esperienze. Motorsport.com ha parlato con alcuni dei suoi più stretti amici e accerrimi rivali per conoscere aneddoti e restroscena che vi proponiamo in esclusiva.

WTCR
14 nov 2021
Le TCR perdute: oggi chi fa da sè... non fa per tre Prime

Le TCR perdute: oggi chi fa da sè... non fa per tre

Le TCR Series hanno preso il via nel 2015 e ad oggi sono diversi i modelli delle Case presenti in pista, più o meno nuovi. Ma c'è anche qualcuno che in questi anni ha provato a mettersi in proprio, con risultati differenti e particolari. Scopriamo di chi si tratta.

TCR
6 ago 2021
Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni Prime

Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni

Ad Aragón il "Cinghiale" ha ottenuto l'ennesima vittoria di una carriera che pare non fermarsi mai. Ma oltre alle qualità di pilota, l'abruzzese conta sulla passione e una testa che da anni gli consente di restare al top: ecco come.

WTCR
13 lug 2021
Coletti-Filippi: "Alfa Giulia e Pure ETCR le nostre scommesse" Prime

Coletti-Filippi: "Alfa Giulia e Pure ETCR le nostre scommesse"

Intervista doppia esclusiva di Motorsport.com ai due piloti della Romeo Ferraris, che corrono con la Giulia ETCR nel campionato turismo elettrico: ecco le loro impressioni e aspettative di questa avventura.

ETCR
8 lug 2021
Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde) Prime

Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde)

Il portoghese sul Nordschleife ha inaugurato la stagione 2021 del WTCR con una grandissima vittoria, che è la seconda nella serie dal rientro del 2019 dopo l'incidente che per poco lo ha ucciso. Ecco come è arrivata e perché è molto più reale della precedente.

WTCR
13 giu 2021
WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde) Prime

WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde)

Il Mondiale Turismo riparte nel weekend con le gare del Nurburgring, ma il sapore è sempre più quello di un campionato riservato esclusivamente agli ufficiali e ai più ricchi, estromettendo di fatto quei team che potevano ambire a qualcosa di grande con il concetto TCR.

WTCR
30 mag 2021
WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta Prime

WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta

La Romeo Ferraris non schiererà più le sue Giulietta nella massima serie turismo per via di un regolamento che mette sempre più da parte i privati, confermando ancora una volta la cecità sportiva dei vertici del Biscione.

WTCR
25 mar 2021
Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo Prime

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo

La Casa del Biscione è solo all'apparenza impegnata in F1, ma di ingegneristico non c'è praticamente nulla, mentre nel turismo sono tante le realtà che in questi anni hanno provato a rilanciare il marchio, ma solo coi propri investimenti.

Formula 1
1 mar 2021