A Buriram Comini si difende, ma Oriola è a -2

Il pilota svizzero della Target Competition ha corso infortunato e avuto problemi alla sua Seat, ma resta leader.

A Buriram Comini si difende, ma Oriola è a -2
Stefano Comini, SEAT Leon, Target Competition
Tomas Engstrom, Volkswagen Golf TCR, Liqui Moly Team Engstler, Pepe Oriola, SEAT Leon, Team Craft-Bamboo LUKOIL and Stefano Comini, SEAT Leon, Target Competition
Start: Stefano Comini, SEAT Leon, Target Competition leads
Race 2 Podium: 1st position Jordi Gene, SEAT Leon, Team Craft-Bamboo LUKOIL, 2nd position Stefano Co
Race 1 Winner: Kevin Gleason, Honda Civic TCR, West Coast Racing 2nd position Stefano Comini, SEAT L
Race 1 Podium: 1st position Kevin Gleason, Honda Civic TCR, West Coast Racing 2nd position Stefano C
Il pole sitter Stefano Comini, SEAT Leon, Target Competition
Carica lettore audio

Stefano Comini, in Thailandia, perde la leadership dopo Gara 1, ma la riconquista con una bella vittoria in Gara 2, la quinta stagionale per il pilota ticinese, il quale è ancora leader della TCR International Series ad un weekend di gara dalla fine.

Nei test e nelle prove libere la situazione non sembrava essere rincuorante con lo svizzero, trovatosi nelle retrovie; in qualifica ottiene un nono posto. Sicuramente l’infortunio al ginocchio sinistro (con relativo intervento), la pista sconosciuta e la zavorra da regolamento non erano un buon inizio; a questi si sono poi aggiunti i problemi alla Seat #25, il che lo ha messo davanti a gare in salita.

In Gara 1 una buona partenza permette a Comini di guadagnare posizioni, portandosi al quinto posto nelle prime fasi, ma il distacco dal primo è troppo per poter essere colmato. I problemi alla vettura calano, ma persistono, e il ragazzo della Target Competition non la trova al 100%. Mantiene il quinto posto, conquistando importanti punti, ma Oriola con la vittoria acquisisce temporaneamente la vetta.

In Gara 2 la procedura della griglia invertita permette a Comini di partire dalla prima fila al fianco di Valente, che però è subito costretto al ritiro a causa di un problema alla vettura nel giro di ricognizione.
Il 25enne scatta e mantiene la testa della gara, supportato da un ottimo lavoro del compagno di squadra Loris Hezemans, che ha ben amministrato la situazione impedendo ad Oriola di raggiungerlo, con Comini a gestire la prima posizione fino alla bandiera a scacchi.

Con la quinta vittoria stagionale, Comini riconquista la leadership dopo averla persa in Gara 1, ma con soltanto due punti di vantaggio su Oriola. Il primo posto in classifica piloti è confermato, ma la lotta è apertissima e si prospetta quindi un finale incandescente a Macao, circuito cittadino dove anche questa volta Comini si cimenterà per la prima volta in carriera.

Appuntamento quindi sul Circuito da Guia il 20-22 novembre, dove di certo non mancherà lo spettacolo e dove Comini si giocherà fino all’ultimo la prima edizione della TCR International Series.

condivisioni
commenti
Stefano Comini VS Pepe Oriola: ultimo atto a Macao
Articolo precedente

Stefano Comini VS Pepe Oriola: ultimo atto a Macao

Prossimo Articolo

Ecco i finalisti del contest RACB

Ecco i finalisti del contest RACB
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Monteiro risorge all'Inferno (Verde) Prime

Le migliori gare del 2021: Monteiro risorge all'Inferno (Verde)

Nel 2017 ha visto la morte in faccia, nel 2018 ha lottato per tornare e il 2021 del portoghese nel WTCR è cominciato come meglio non potesse sognare: trionfo da Campionissimo al Nordschleife, sulla pista più dura e assassina del mondo.

WTCR
13 gen 2022
Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali Prime

Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali

Annunciato il suo addio alle corse a tempo pieno, Gabriele Tarquini si appresta ad affrontare una nuova vita dopo tantissimi anni di carriera ed esperienze. Motorsport.com ha parlato con alcuni dei suoi più stretti amici e accerrimi rivali per conoscere aneddoti e restroscena che vi proponiamo in esclusiva.

WTCR
14 nov 2021
Le TCR perdute: oggi chi fa da sè... non fa per tre Prime

Le TCR perdute: oggi chi fa da sè... non fa per tre

Le TCR Series hanno preso il via nel 2015 e ad oggi sono diversi i modelli delle Case presenti in pista, più o meno nuovi. Ma c'è anche qualcuno che in questi anni ha provato a mettersi in proprio, con risultati differenti e particolari. Scopriamo di chi si tratta.

TCR
6 ago 2021
Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni Prime

Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni

Ad Aragón il "Cinghiale" ha ottenuto l'ennesima vittoria di una carriera che pare non fermarsi mai. Ma oltre alle qualità di pilota, l'abruzzese conta sulla passione e una testa che da anni gli consente di restare al top: ecco come.

WTCR
13 lug 2021
Coletti-Filippi: "Alfa Giulia e Pure ETCR le nostre scommesse" Prime

Coletti-Filippi: "Alfa Giulia e Pure ETCR le nostre scommesse"

Intervista doppia esclusiva di Motorsport.com ai due piloti della Romeo Ferraris, che corrono con la Giulia ETCR nel campionato turismo elettrico: ecco le loro impressioni e aspettative di questa avventura.

ETCR
8 lug 2021
Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde) Prime

Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde)

Il portoghese sul Nordschleife ha inaugurato la stagione 2021 del WTCR con una grandissima vittoria, che è la seconda nella serie dal rientro del 2019 dopo l'incidente che per poco lo ha ucciso. Ecco come è arrivata e perché è molto più reale della precedente.

WTCR
13 giu 2021
WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde) Prime

WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde)

Il Mondiale Turismo riparte nel weekend con le gare del Nurburgring, ma il sapore è sempre più quello di un campionato riservato esclusivamente agli ufficiali e ai più ricchi, estromettendo di fatto quei team che potevano ambire a qualcosa di grande con il concetto TCR.

WTCR
30 mag 2021
WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta Prime

WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta

La Romeo Ferraris non schiererà più le sue Giulietta nella massima serie turismo per via di un regolamento che mette sempre più da parte i privati, confermando ancora una volta la cecità sportiva dei vertici del Biscione.

WTCR
25 mar 2021