Russia: Grigoryev e Bragin trionfano allo Smolensk Ring

Nel weekend nero delle LADA, a vincere sono il pilota della Innocenti-AMG Motorsport nella prima gara e quello della TAIF nella seconda, dove Dudukalo lo insidia a lungo.

Russia: Grigoryev e Bragin trionfano allo Smolensk Ring

Il secondo appuntamento con la TCR Russia Series andato in scena allo Smolensk Ring ha visto il trionfo da parte di Denis Grigoryev e Dmitri Bragin.

Grigoryev ha vinto Gara 1 di sabato con la SEAT León TCR preparata dalla Innocenti-AMG Motorsport precedendo a sorpresa Irek Minnakhmetov (Audi RS3 LMS TCR).

Gara 2 è stata invece una riedizione del duello 2016 fra Bragin (TAIF Motorsport, Audi) e Aleksey Dudukalo (Lukoil Racing Team, SEAT), i quali hanno tagliato il traguardo primo e secondo e ora si ritrovano nelle stesse posizioni in classifica piloti separati da 7 punti.

GARA 1

Gavrilov non parte bene dalla pole e viene superato da Grigoryev, Ladygin e Bragin; durante il primo giro c'è il ritiro di Vladimir Sheshenin, fuori per un contatto con la LADA Vesta TCR del compagno di squadra Ladygin, che nel frattempo va in testa.

Ladygin è primo seguito da Grigoryev, Bragin, Minnakhmetov e Gavrilov. Al quarto passaggio, Grigoryev torna davanti a Ladygin, il quale cede strada anche a Minnakhmetov al giro 7.

Il pilota della LADA viene poi toccato da Gavrilov e deve rientrare ai box per le riparazioni. Grigoryev ne approfitta per scappare via, mentre Minnakhmetov si tiene dietro Gavrilov fino alla bandiera a scacchi.

Nella bagarre per il quarto posto, Bragin scivola settimo superato da Karamyshev, Dudukalo e Golikov.

Nel dopo gara Gavrilov riceve una penalità di 30" per il contatto avvenuto con Ladygin e si ritrova 11°.

GARA 2

Badoev sfrutta al meglio la pole position per restare al comando alla curva 1, con dietro Bragin e Dudukalo che passano subito Yashin. Al giro 2, il pilota della TAIF Motorsport balza in testa superando Badoev, che poi cede il passo anche a Dudukalo.

Da qui in avanti, i due rivali di campionato proseguono vicinissimi e mai separati da più di 0"3, ma il concorrente della SEAT non trova spazi per mettersi dietro l'Audi dell'avversario.

A due giri dalla fine, Dudukalo tenta il tutto per tutto, ma tocca il posteriore di Bragin. La SEAT si allontana e deve poi guardarsi le spalle dal rientro di Golikov.

Partite dal fondo dello schieramento, le LADA di Ladygin e Sheshenin hanno invece rimontato posizioni fino alla quarta, ma entrambe sono incappate in problemi tecnici. Ladygin è finito K.O: al decimo giro, Sheshenin all'ultimo.

Il prossimo round della TCR Russia Series si terrà a Nizhniy Novgorod il 17-18 giugno.

condivisioni
commenti
Anticipate le gare dell'Hungaroring, ci sarà Michelisz?
Articolo precedente

Anticipate le gare dell'Hungaroring, ci sarà Michelisz?

Prossimo Articolo

Ecco il Success Ballast per il Salzburgring

Ecco il Success Ballast per il Salzburgring
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Monteiro risorge all'Inferno (Verde) Prime

Le migliori gare del 2021: Monteiro risorge all'Inferno (Verde)

Nel 2017 ha visto la morte in faccia, nel 2018 ha lottato per tornare e il 2021 del portoghese nel WTCR è cominciato come meglio non potesse sognare: trionfo da Campionissimo al Nordschleife, sulla pista più dura e assassina del mondo.

WTCR
13 gen 2022
Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali Prime

Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali

Annunciato il suo addio alle corse a tempo pieno, Gabriele Tarquini si appresta ad affrontare una nuova vita dopo tantissimi anni di carriera ed esperienze. Motorsport.com ha parlato con alcuni dei suoi più stretti amici e accerrimi rivali per conoscere aneddoti e restroscena che vi proponiamo in esclusiva.

WTCR
14 nov 2021
Le TCR perdute: oggi chi fa da sè... non fa per tre Prime

Le TCR perdute: oggi chi fa da sè... non fa per tre

Le TCR Series hanno preso il via nel 2015 e ad oggi sono diversi i modelli delle Case presenti in pista, più o meno nuovi. Ma c'è anche qualcuno che in questi anni ha provato a mettersi in proprio, con risultati differenti e particolari. Scopriamo di chi si tratta.

TCR
6 ago 2021
Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni Prime

Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni

Ad Aragón il "Cinghiale" ha ottenuto l'ennesima vittoria di una carriera che pare non fermarsi mai. Ma oltre alle qualità di pilota, l'abruzzese conta sulla passione e una testa che da anni gli consente di restare al top: ecco come.

WTCR
13 lug 2021
Coletti-Filippi: "Alfa Giulia e Pure ETCR le nostre scommesse" Prime

Coletti-Filippi: "Alfa Giulia e Pure ETCR le nostre scommesse"

Intervista doppia esclusiva di Motorsport.com ai due piloti della Romeo Ferraris, che corrono con la Giulia ETCR nel campionato turismo elettrico: ecco le loro impressioni e aspettative di questa avventura.

ETCR
8 lug 2021
Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde) Prime

Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde)

Il portoghese sul Nordschleife ha inaugurato la stagione 2021 del WTCR con una grandissima vittoria, che è la seconda nella serie dal rientro del 2019 dopo l'incidente che per poco lo ha ucciso. Ecco come è arrivata e perché è molto più reale della precedente.

WTCR
13 giu 2021
WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde) Prime

WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde)

Il Mondiale Turismo riparte nel weekend con le gare del Nurburgring, ma il sapore è sempre più quello di un campionato riservato esclusivamente agli ufficiali e ai più ricchi, estromettendo di fatto quei team che potevano ambire a qualcosa di grande con il concetto TCR.

WTCR
30 mag 2021
WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta Prime

WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta

La Romeo Ferraris non schiererà più le sue Giulietta nella massima serie turismo per via di un regolamento che mette sempre più da parte i privati, confermando ancora una volta la cecità sportiva dei vertici del Biscione.

WTCR
25 mar 2021