Russia: Grachev in pole a Fort Grozny, Bragin controlla la situazione

condivisioni
commenti
Russia: Grachev in pole a Fort Grozny, Bragin controlla la situazione
Di: Francesco Corghi
04 ott 2018, 18:54

Il pilota della LADA precede Badoev e i compagni di squadra Ladygin e Sheshenin in una sessione tiratissima dove il Campione in carica si piazza sesto dietro a Lukashevich, ma davanti a Gavrilov e Dudukalo nella lotta per il titolo.

Mikhail Grachev ha conquistato la sua prima pole position con la LADA Vesta al termine delle qualifiche della TCR Russia Series che si sono svolte nel pomeriggio a Fort Grozny, dove si tiene l'ultimo round della stagione 2018.

Il pilota della LADA Sport Rosneft ha fermato il cronometro sull'1:20.695 precedendo per soli 0"076 la Cupra di Anton Badoev, mentre i suoi compagni di squadra Kirill Ladygin (1:20.959) e Vladimir Sheshenin (1:21.006) partiranno dalla seconda fila dello schieramento di Gara 1.

A seguire abbiamo i quattro concorrenti in lizza per il titolo. Quinto c'è Ivan Lukashevich (1:21.077) con l'Audi RS 3 LMS del Lukoil Racing Team davanti a quella della TAIF Motorsport condotta da Dmitry Bragin (1:21.101) e alla Volkswagen Golf GTI della Carville Racing condotta da Klim Gavrilov (1:21.125), che si ritrova dietro l'Audi RS 3 LMS di Aleksey Dudukalo (1:21.137).

In una classifica dove i primi 13 hanno terminato racchiusi nello spazio di 0"9, Bragin può controllare la situazione avendo 37 punti di vantaggio si Dudukalo, 38 su Gavrilov e 41 su Lukashevich quando in palio ce ne sono 53.

Gara 1 si terrà domani alle ore 12;45, mentre Gara 2 è in programma sabato alle 12;30.

Prossimo articolo TCR
Tarquini a Wuhan per allungare in classifica: "Ma il campionato è combattuto e non sarà facile"

Articolo precedente

Tarquini a Wuhan per allungare in classifica: "Ma il campionato è combattuto e non sarà facile"

Prossimo Articolo

Asia-China: le pole position di Shanghai vanno a Henry Ho e Mitchell Cheah

Asia-China: le pole position di Shanghai vanno a Henry Ho e Mitchell Cheah
Carica commenti