Pepe Oriola ritrova la vittoria in Gara 1 a Dubai, Vernay è Campione

Grande prova dello spagnolo che trionfa davanti a Shedden e al francese, il quale chiude matematicamente i giochi precedendo Nash e Tassi. Comini settimo, Alfa Romeo a punti, Tarquini beffato da una foratura dopo una rimonta da applausi.

Pepe Oriola ritrova la vittoria in Gara 1 a Dubai, Vernay è Campione
Jean-Karl Vernay, Leopard Racing Team WRT, Volkswagen Golf GTi TCR
Pepe Oriola, Lukoil Craft-Bamboo Racing, SEAT León TCR
Pepe Oriola, Lukoil Craft-Bamboo Racing, SEAT León TCR
Gordon Shedden, Leopard Racing Team WRT, Volkswagen Golf GTI TCR
Gordon Shedden, Leopard Racing, Volkswagen Golf GTI TCR
Gordon Shedden, Leopard Racing Team WRT, Volkswagen Golf GTI TCR
Polesitter Gordon Shedden, Leopard Racing Team WRT, Volkswagen Golf GTI TCR
Roberto Colciago, M1RA, Honda Civic TCR
Roberto Colciago, M1RA, Honda Civic TCR
Frédéric Vervisch, Comtoyou Racing, Audi RS3 LMS
Denis Dupont, Comtoyou Racing SEAT León TCR
Denis Dupont, Comtoyou Racing SEAT León TCR
Polesitter Gordon Shedden, second place Jean-Karl Vernay, Leopard Racing Team WRT, third place Benjamin Leuchter, West Coast Racing
Carica lettore audio

A Dubai è festa grande nella prima gara della TCR International Series, dove Pepe Oriola torna alla vittoria che gli mancava dal primo round in Georgia, mentre Jean-Karl Vernay si laurea Campione 2017.

Lo spagnolo della Lukoil Craft-Bamboo Racing è stato autore di una prova perfetta partendo benissimo dalla seconda fila e piazzando la propria SEAT León TCR davanti alla Volkswagen Golf GTI TCR del poleman Gordon Shedden senza mai dargli la possibilità di avvicinarsi.

Lo scozzese della Leopard Racing chiude secondo davanti al compagno di squadra Vernay, che grazie al piazzamento sul podio e davanti ai suoi diretti rivali in campionato chiude matematicamente i giochi con una gara d'anticipo.

Quarto posto per James Nash, il quale ha a lungo inseguito Shedden con la propria SEAT León TCR, poi è stato superato all'ultimo passaggio da Vernay, il quale approfitta di un calo finale di prestazioni del britannico non solo per salire sul podio, ma anche per levarsi di dosso l'ombra del minaccioso Attila Tassi, l'unico che poteva realmente impensirirlo nella lotta per il titolo e in scia alla Golf del francese senza però mai riuscire a sopravanzarla.

L'ungherese della M1RA ottiene la Top5 seguito dalla Honda Civic TCR del compagno di squadra Josh Files, mentre non basta il grande cuore a Stefano Comini (Comtoyou Racing) per difendere la propria corona iridata con una Audi RS 3 LMS TCR che non riusciva a tenere il passo delle vetture avversarie.

Mat'o Homola conclude ottavo al volante della Opel Astra TCR della DG Sport Compétition, seguito dalle Alfa Romeo Giulietta TCR dei piloti GE-Force, Dušan Borković e Davit Kajaia, a punti dopo un bel recupero dalle posizioni numero 15 e 16.

Sfiora la Top10 anche Duncan Ende (Icarus Motorsports) con la propria SEAT, mentre masticano amaro Benjamin Leuchter e Frédéric Vervisch. Il tedesco della WestCoast Racing era partito bene, poi si è trovato coinvolto in diverse bagarre che lo hanno fatto sprofondare indietro, mentre il belga della Comtoyou Racing ha dovuto scontare in drive-through per aver oltrepassato più volte i track limits.

Gara da dimenticare anche per Gianni Morbidelli, coinvolto in un contatto al via che gli ha forato l'anteriore sinistra della sua Golf costringendo il pesarese della WestCoast Racing a rientrare ai box e in fondo al gruppo.

Peggio è andata a Roberto Colciago (M1RA) e Daniel Lloyd (Lukoil Craft-Bamboo Racing), toccatisi danneggiando le rispettive Honda e SEAT. Il britannico ha avuto la peggio piombando contro le barriere e la direzione gara ha mandato in pista la Safety Car per recuperare il relitto.

Sarebbe potuta andare molto diversamente la gara di Gabriele Tarquini, autore di una magnifica rimonta dalla 21a piazza dalla quale partiva per aver sostituito il motore. Il "Cinghiale" ha rimontato posizioni su posizioni con una Hyundai i30 N TCR che continua a volare nonostante zavorre e cali di potena imposti, ma all'ultima tornata, proprio quando poteva attaccare la seconda piazza di Shedden, la vettura preparata dalla BRC ha accusato una foratura rallentando vistosamente. Fuori anche il suo compagno di squadra Alain Menu per un contatto che lo ha visto coinvolto in partenza.

Niente da fare nemmeno per Denis Dupont (SEAT - Comtoyou Racing), fuori per foratura, e il debuttante Aurélien Comte (Opel - DG Sport), out per problemi tecnici.

TCR International Series - Dubai: Gara 1

condivisioni
commenti
Gordon Shedden conquista la pole a Dubai nella tripletta Volkswagen
Articolo precedente

Gordon Shedden conquista la pole a Dubai nella tripletta Volkswagen

Prossimo Articolo

Stefano Comini domina Gara 2 a Dubai

Stefano Comini domina Gara 2 a Dubai
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Monteiro risorge all'Inferno (Verde) Prime

Le migliori gare del 2021: Monteiro risorge all'Inferno (Verde)

Nel 2017 ha visto la morte in faccia, nel 2018 ha lottato per tornare e il 2021 del portoghese nel WTCR è cominciato come meglio non potesse sognare: trionfo da Campionissimo al Nordschleife, sulla pista più dura e assassina del mondo.

WTCR
13 gen 2022
Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali Prime

Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali

Annunciato il suo addio alle corse a tempo pieno, Gabriele Tarquini si appresta ad affrontare una nuova vita dopo tantissimi anni di carriera ed esperienze. Motorsport.com ha parlato con alcuni dei suoi più stretti amici e accerrimi rivali per conoscere aneddoti e restroscena che vi proponiamo in esclusiva.

WTCR
14 nov 2021
Le TCR perdute: oggi chi fa da sè... non fa per tre Prime

Le TCR perdute: oggi chi fa da sè... non fa per tre

Le TCR Series hanno preso il via nel 2015 e ad oggi sono diversi i modelli delle Case presenti in pista, più o meno nuovi. Ma c'è anche qualcuno che in questi anni ha provato a mettersi in proprio, con risultati differenti e particolari. Scopriamo di chi si tratta.

TCR
6 ago 2021
Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni Prime

Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni

Ad Aragón il "Cinghiale" ha ottenuto l'ennesima vittoria di una carriera che pare non fermarsi mai. Ma oltre alle qualità di pilota, l'abruzzese conta sulla passione e una testa che da anni gli consente di restare al top: ecco come.

WTCR
13 lug 2021
Coletti-Filippi: "Alfa Giulia e Pure ETCR le nostre scommesse" Prime

Coletti-Filippi: "Alfa Giulia e Pure ETCR le nostre scommesse"

Intervista doppia esclusiva di Motorsport.com ai due piloti della Romeo Ferraris, che corrono con la Giulia ETCR nel campionato turismo elettrico: ecco le loro impressioni e aspettative di questa avventura.

ETCR
8 lug 2021
Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde) Prime

Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde)

Il portoghese sul Nordschleife ha inaugurato la stagione 2021 del WTCR con una grandissima vittoria, che è la seconda nella serie dal rientro del 2019 dopo l'incidente che per poco lo ha ucciso. Ecco come è arrivata e perché è molto più reale della precedente.

WTCR
13 giu 2021
WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde) Prime

WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde)

Il Mondiale Turismo riparte nel weekend con le gare del Nurburgring, ma il sapore è sempre più quello di un campionato riservato esclusivamente agli ufficiali e ai più ricchi, estromettendo di fatto quei team che potevano ambire a qualcosa di grande con il concetto TCR.

WTCR
30 mag 2021
WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta Prime

WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta

La Romeo Ferraris non schiererà più le sue Giulietta nella massima serie turismo per via di un regolamento che mette sempre più da parte i privati, confermando ancora una volta la cecità sportiva dei vertici del Biscione.

WTCR
25 mar 2021