Paulsen a punti in Francia: "Ho acceso la mia Cupra per la prima volta nelle Libere!"

Il norvegese ha affrontato un weekend veramente impegnativo al Paul Ricard, dove qualche guaio e colpo proibito lo hanno privato di un risultato ancora migliore di quello già buono ottenuto.

Paulsen a punti in Francia: "Ho acceso la mia Cupra per la prima volta nelle Libere!"
Stian Paulsen, Stian Paulsen Racing Cupra TCR
Stian Paulsen, Stian Paulsen Racing Cupra TCR
Stian Paulsen, Stian Paulsen Racing Cupra TCR
Stian Paulsen, Stian Paulsen Racing Cupra TCR
Stian Paulsen, Stian Paulsen Racing Cupra TCR
Stian Paulsen, Cupra TCR
Stian Paulsen, SEAT Leon TCR 2018
Stian Paulsen, Stian Paulsen Racing, SEAT León TCR
Stian Paulsen, Stian Paulsen Racing, SEAT León TCR
Stian Paulsen, Stian Paulsen Racing, SEAT León TCR

Uno dei piloti che nelle prime gare della TCR Europe Series ha stupito maggiormente è stato Stian Paulsen, il norvegese che con il suo piccolo team si è presentato al Paul Ricard con la propria Cupra TCR appena aggiornata e ancora da finire di assemblare.

La storia di questo ragazzo ve l'avevamo raccontata la settimana scorsa e merita comunque spazio, non foss'altro perché al giorno d'oggi non sono in tanti quelli che prendono il proprio mezzo e se lo portano in giro per i tracciati del continente da soli pur di sfogare la propria passione.

A Le Castellet Paulsen è riuscito ad andare a punti, ma la cosa più bella è stato vederlo lottare per le posizioni che contano già nelel prove libere, per poi proseguire con ottimi tempi anche in qualifica.

"Al Paul Ricard è stato un weekend di alti e bassi, ma per le velocità che ho ottenuto direi che è andato benissimo, anche perché abbiamo acceso l'auto solo 15' prima delle FP1, dove per altro ho terminato con il decimo tempo. Nella FP2 era umido, ma abbiamo girato con le slick e sono arrivato secondo".

"In Qualifica era ancora asciutto e sono stato il 4° su 25 concorrenti, è stata una sorpresa incredibile visto che non abbiamo fatto alcun test pre-stagionale. Non potete immaginare la nostra soddisfazione!"

E dopo una buona Q2, il 30enne di Fredrikstad ha dovuto affrontare una Gara 1 piena di insidie, colpi proibiti e incognite, per poi soffrire in Gara 2 per guai di natura tecnica più che per il meteo pazzo.

"In Gara 1 ho provato un set-up speciale sull'auto, ma non ha funzionato un gran che. Peccato perché comunque all'inizio dell'ultimo giro ero quinto, poi mi hanno tamponato da dietro e ho perso tre posizioni perché ho rischiato di finire in testacoda".

"In Gara 2 ha cominciato a piovere poco prima del via, ma nessuno ha montato gomme da bagnato e io adoro queste condizioni perché è dove posso dare il meglio. Erano 5 anni che aspettavo questo momento! Purtroppo dopo mezzo giro sono cominciati problemi di pressione al carburante e quindi mi sono dovuto fermare. Non abbiamo ancora capito cosa li abbia causati, ma di fatto la benzina non arrivava, quindi immagino si possa trattare del filtro".

Sul volto di Paulsen c'è comunque il sorriso di un pilota convinto delle proprie capacità, che nel prosieguo della stagione andranno comunque confermate.

"Alla fine posso ritenermi soddisfatto! E' meglio passare un weekend dove dimostri di essere veloce piuttosto che andare a punti sfruttando le sfortune altrui perché non sei competitivo. Ora andremo a Zandvoort per la seconda gara dell'anno, sono molto motivato!"

condivisioni
commenti
Prima vittoria LADA con Ladygin in una Gara 2 da sbadigli allo Smolensk Ring

Articolo precedente

Prima vittoria LADA con Ladygin in una Gara 2 da sbadigli allo Smolensk Ring

Prossimo Articolo

UK: Sean Walkinshaw sostituisce Fuller sulla Honda della SWR a Knockhill

UK: Sean Walkinshaw sostituisce Fuller sulla Honda della SWR a Knockhill
Carica commenti