Paul Ricard, Libere 1: Azcona e Barr sugli scudi

Grande lotta fra la Cupra dello spagnolo e la Hyundai dell'irlandese nelle prime prove, dove Nagy, Borković e Files completano la Top5 a debita distanza. Bene Stefanovski, Vernay settimo, Comini prudente, Baldan migliore italiano.

Paul Ricard, Libere 1: Azcona e Barr sugli scudi

Mikel Azcona ha inaugurato la stagione 2018 della TCR Europe Series ottenendo il miglior tempo nelle Prove Libere 1 a Le Castellet.

Sul Circuit Paul Ricard il pilota della PCR Sport ha lottato a lungo con Reece Barr per il primato. Quest'ultimo si era issato in testa con il crono di 2:14.744, poi battuto dal 2:14.214 del rivale spagnolo con la sua nuova Cupra TCR.

Nel finale entrambi hanno migliorato i propri tempi, mantenendo però le medesime posizioni, mentre alle spalle della Hyundai i30 N guidata dal ragazzo della Target Competition si sono issate quelle condotte da Dániel Nagy (M1RA) e Dušan Borković (Target Competition), con il serbo che però è l'ultimo di quelli sotto il secondo di distacco dalla vetta.

In Top5 abbiamo anche la Honda Civic Typer R TCR FK7 di Josh Files (KCMG/Hell Energy Racing), che ha preceduto la Hyundai di Igor Stefanovski e l'Audi RS 3 LMS TCR affidata a Jean-Karl Vernay dal Leopard Lukoil Team.

Ottavo Attila Tassi con l'altra nuova Honda della KCMG/Hell Energy Racing, mentre la Top10 vede la presenza della Cupra TCR di Danny Kroes (PCR Sport) e della Honda di Jens-Reno Møller.

Nicola Baldan è il migliore degli italiani, con il ragazzo della Pit Lane Competizioni che si è fermato al 15° posto al volante della sua nuova Hyundai, mentre i suoi compagni di squadra Enrico Bettera e Giovanni Altoè si piazzano 19° e 20° con le rispettive Audi RS 3 LMS TCR, seguiti al 22° posto da Andrea Larini (Cupra).

23° crono per Stefano Comini con la Subaru WRX STI TCR della Race Republic. Il pilota svizzero ha percorso solamente 7 tornate ed è stato cauto, come molti suoi colleghi del resto, alle prese con nuove auto da scoprire.

Purtroppo non è potuto entrare in pista Julien Briché, che sta ancora aspettando l'arrivo della sua Peugeot 308 TCR.

TCR Europe - Paul Ricard: FP1

condivisioni
commenti
BoP: ridotta l'altezza da terra (tranne per Honda e Hyundai), calano Cupra e SEAT

Articolo precedente

BoP: ridotta l'altezza da terra (tranne per Honda e Hyundai), calano Cupra e SEAT

Prossimo Articolo

TCR Europe, si apre una nuova era da seguire con grande attenzione

TCR Europe, si apre una nuova era da seguire con grande attenzione
Carica commenti