Kusiri trionfa in Gara 1 a Bangsaen, Van Dam precede Lemvard

Kantadhee Kusiri non ha avuto rivali nel primo round sul tracciato cittadino di Bangsaen, mentre alle sue spalle l'olandese del Team Thailand precede il rivale della Vattana Motorsport e lo raggiunge al comando della classifica. Lontanissimi gli altri.

Kusiri trionfa in Gara 1 a Bangsaen, Van Dam precede Lemvard

Kantadhee Kusiri ha fatto letteralmente il vuoto vincendo perentoriamente Gara 1 della TCR Thailand Series andata in scena sul tracciato cittadino di Bangsaen.

Nella prima gara dell'ultimo evento del 2016 rivniato ad oggi, il pilota del Team BBR ha sfruttato al meglio la pole position conquistata nelle qualifiche del giovedì per scappare via, senza che nessuno potesse nemmeno pensare di predere la scia della sua Honda Civic TCR.

Kusiri, autore anche del giro più veloce in 1'44"580 durante le 15 tornate previste, ha preceduto per 15"249 la SEAT León TCR condotta da Carlo Van Dam; il concorrente del Singha Motorsport Team Thailand è stato autore di un'ottima partenza dalla seconda fila e fin dalla prima curva si è ritrovato in piazza d'onore, senza più mollarla.

Cosa molto importante, Van Dam al traguardo è davanti a Jack Lemvard (Vattana Motorsport), suo diretto rivale nella lotta per il titolo piloti. Quest'ultimo, anche lui armato di SEAT León TCR, era partito davanti all'olandese e una volta vistosi superato ha provato per una manciata di giri a cercare un varco per riprendersi la posizione, ma invano. In questo modo Van Dam lo raggiunge in classifica di campionato e domani i due si giocheranno il tutto per tutto.

Dietro i primi tre non ci sono state grandi emozioni, con i restanti concorrenti che accusano distacchi davvero pesanti. Il quarto posto va a Grant Supaphong, che con la SEAT León TCR preparata dal Kratingdaeng Racing Team precede quella del suo compagno di squadra Chen Jiang Hong. Quest'ultimo ha sudato parecchio per tenersi dietro la Honda Civic TCR di Nattachak Hanjitkasen (TBN MK ihere Racing Team), preceduta al traguardo per soli 0"391.

Le SEAT León TCR di Paritat Bulbon (Sloth Racing) e Douglas Khoo completano la classifica, anche se c'è da segnalare che il pilota della Viper Niza Racing conclude con il neo di essere l'unico doppiato della gara e autore di un errore in frenata che poteva costargli molto caro se non avesse trovato una delle poche vie di fuga lungo i muretti di Bangsaen.

Infine dobbiamo segnalare il ritiro di Nasarak Ittiritpong: il ragazzo della Vattana Motorsport partiva in prima fila al fianco di Kusiri, ma è stato velocemente risucchiato dal gruppo e dopo poche curve ha dovuto alzare bandiera bianca per un problema tecnico accusato dalla sua Honda Civic TCR. In questo modo deve dire addio alle già pochissime speranze che aveva di conquista del titolo piloti.

Domani mattina alle ore 7;00 italiane è in programma Gara 2, con la resa dei conti finale tra Van Dam e Lemvard.

condivisioni
commenti
Larini e Belicchi in pista ad Adria per i test sul Balance of Performance
Articolo precedente

Larini e Belicchi in pista ad Adria per i test sul Balance of Performance

Prossimo Articolo

Bangsaen: Kusiri vince anche Gara 2, Lemvard è Campione Thailand 2016

Bangsaen: Kusiri vince anche Gara 2, Lemvard è Campione Thailand 2016
Carica commenti
Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali Prime

Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali

Annunciato il suo addio alle corse a tempo pieno, Gabriele Tarquini si appresta ad affrontare una nuova vita dopo tantissimi anni di carriera ed esperienze. Motorsport.com ha parlato con alcuni dei suoi più stretti amici e accerrimi rivali per conoscere aneddoti e restroscena che vi proponiamo in esclusiva.

WTCR
14 nov 2021
Le TCR perdute: oggi chi fa da sè... non fa per tre Prime

Le TCR perdute: oggi chi fa da sè... non fa per tre

Le TCR Series hanno preso il via nel 2015 e ad oggi sono diversi i modelli delle Case presenti in pista, più o meno nuovi. Ma c'è anche qualcuno che in questi anni ha provato a mettersi in proprio, con risultati differenti e particolari. Scopriamo di chi si tratta.

TCR
6 ago 2021
Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni Prime

Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni

Ad Aragón il "Cinghiale" ha ottenuto l'ennesima vittoria di una carriera che pare non fermarsi mai. Ma oltre alle qualità di pilota, l'abruzzese conta sulla passione e una testa che da anni gli consente di restare al top: ecco come.

WTCR
13 lug 2021
Coletti-Filippi: "Alfa Giulia e Pure ETCR le nostre scommesse" Prime

Coletti-Filippi: "Alfa Giulia e Pure ETCR le nostre scommesse"

Intervista doppia esclusiva di Motorsport.com ai due piloti della Romeo Ferraris, che corrono con la Giulia ETCR nel campionato turismo elettrico: ecco le loro impressioni e aspettative di questa avventura.

ETCR
8 lug 2021
Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde) Prime

Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde)

Il portoghese sul Nordschleife ha inaugurato la stagione 2021 del WTCR con una grandissima vittoria, che è la seconda nella serie dal rientro del 2019 dopo l'incidente che per poco lo ha ucciso. Ecco come è arrivata e perché è molto più reale della precedente.

WTCR
13 giu 2021
WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde) Prime

WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde)

Il Mondiale Turismo riparte nel weekend con le gare del Nurburgring, ma il sapore è sempre più quello di un campionato riservato esclusivamente agli ufficiali e ai più ricchi, estromettendo di fatto quei team che potevano ambire a qualcosa di grande con il concetto TCR.

WTCR
30 mag 2021
WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta Prime

WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta

La Romeo Ferraris non schiererà più le sue Giulietta nella massima serie turismo per via di un regolamento che mette sempre più da parte i privati, confermando ancora una volta la cecità sportiva dei vertici del Biscione.

WTCR
25 mar 2021
Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo Prime

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo

La Casa del Biscione è solo all'apparenza impegnata in F1, ma di ingegneristico non c'è praticamente nulla, mentre nel turismo sono tante le realtà che in questi anni hanno provato a rilanciare il marchio, ma solo coi propri investimenti.

Formula 1
1 mar 2021