Fantastica vittoria di Dániel Nagy con la Hyundai in Gara 1 ad Assen

condivisioni
commenti
Fantastica vittoria di Dániel Nagy con la Hyundai in Gara 1 ad Assen
Francesco Corghi
Di: Francesco Corghi
18 ago 2018, 13:46

Il pilota della M1RA supera di forza Vernay e se lo tiene dietro per il resto della gara, mentre Richard completa il podio davanti all'ottimo Comini, Tassi e al rimontante Borković. Files e Potty sprofondano, ok Paulsen, Azcona a punti, Altoè vince in Classe DSG.

E' una grandissima vittoria quella che Dániel Nagy ha ottenuto in Gara 1 della TCR Europe Series ad Assen, con il ragazzo della M1RA autore di una prestazione maiuscola che lo ha visto battere dopo una lunga lotta Jean-Karl Vernay.

Quest'ultimo era partito molto bene dalla pole position mantenendo il comando delle operazioni, mentre l'ungherese ha avuto un ottimo spunto dalla seconda fila mettendosi subito all'inseguimento dell'Audi RS 3 LMS TCR del francese griffato Leopard Lukoil Team, superando alla curva 1 la Volkswagen Golf GTI TCR della Comtoyou Racing guidata da Maxime Potty, tutt'altro che irresistibile allo spegnimento dei semafori e in caduta libera durante il corso della gara.

Vernay ha dato l'impressioni inizialmente di voler fuggire via, ma Nagy non lo ha mollato per un secondo e al giro 5 lo ha infilato all'interno della curva 6 tenendoselo poi dietro per i restanti 8 passaggi nonostante il transalpino abbia tentato un ultimo attacco alla Hyundai i30 N TCR del magiaro ad un paio di tornate dalla bandiera a scacchi, dovendo però arrendersi.

Sul podio sale anche un combattivo Kris Richard con la Hyundai i30 N TCR della Target Competition, autore di una bagarre davvero bellissima con le Honda Civic Type R TCR FK7 dell'Hell Energy Racing with KCMG condotte da Josh Files ed Attila Tassi. Lo svizzero ha passato al giro 2 l'ungherese salendo quarto, poi ha soffiato con malizia la terza piazza all'inglese dandogli una toccatina sul posteriore alla curva 5 durante il giro 7 mandandolo leggermente largo e consentendo anche a Stefano Comini di infilarsi.

Grande rimonta da centro gruppo per quest'ultimo con la Honda Civic Type R TCR FK7 dell'Autodis Racing by THX e a lungo in scia a Richard prima di dover accontentarsi del quarto posto difendendolo da Tassi.

Una bella risalita l'ha compiuta anche Dušan Borković al volante della seconda Hyundai i30 N TCR della Target Competition: inizialmente il serbo si era ritrovato addirittura undicesimo, ma con grinta ed un ottimo passo ha raggiunto la sesta posizione grazie ad un bel sorpasso compiuto ai danni di Potty proprio all'ultima tornata. Il belga è settimo davanti a Stian Paulsen, il migliore delle Cupra TCR del quale va segnalato un fantastico sorpasso su quella di Mikel Azcona (PCR Sport) al 12° passaggio.

Completa la zona punti Files, in piena caduta libera dopo un bell'avvio, mentre delude Reece Barr, solo undicesimo sulla terza Hyundai i30 N TCR della Target Competition, seguito dalla Cupra TCR dell'idolo locale Danny Kroes (PCR Sport) e dalla Honda Civic Type R TCR FK7 di Jens Reno Møller.

Male le Peugeot 308 TCR: Julien Briché (JSB Compétition) si ritrova tredicesimo dopo un buon avvio che lo aveva visto lottare per la zona punti, davanti a quella della Sports&You con sopra Francisco Abreu, il quale precede i macedoni Igor Stefanovski (Hyundai i30 N TCR) e Viktor Davidovski (Honda Civic Type R TCR FK7 - PSS Racing Team).

Giovanni Altoè taglia il traguardo diciottesimo assoluto e con la Audi RS 3 LMS TCR della Pit Lane Competizioni si aggiudica il successo in Classe DSG davanti alla Cupra TCR di Marie Baus-Coppens, la quale inizialmente era riuscita a scavalcare il veneto prima che questi si riprendesse la prima piazza di categoria fuggendo via dalla francese della JSB Compétition.

Munkong Sathienthirakul (Monlau Competición) termina 20° dopo essere rientrato ai box dopo pochi giri per alcuni problemini accusati dalla sua Cupra TCR. Guai anche per Peter Terting, tornato in pit-lane con la Hyundai i30 N TCR dell'Autodis Racing by Piro Sports al giro 11. Niente da fare nemmeno per Loris Cencetti, che alla curva 5 è stato spedito nella via di fuga da Azcona ed ha dovuto riportare la propria Honda Civic Type R TCR ai box dell'Autodis Racing by THX.

Dániel Nagy: "Sono felicissimo per quella che è la mia prima vittoria internazionale! Voglio ringraziare la M1RA per avermi dato una macchina perfetta. Sono partito bene e appena ho avuto l'occasione ho superato Vernay con decisione perché ero determinato. Abbiamo combattuto in modo corretto, lui era molto veloce, ma sono riuscito a prendere un po' di vantaggio. Ora festeggerò, poi comincerò a pensare al prossimo impegno perché siamo in una buona posizione per il campionato".

Jean-Karl Vernay: "E' frustrante perdere una vittoria che era alla nostra portata, ma le gare sono così. Tutto era andato benissimo nei primi giri, poi alla prima curva ho frenato leggermente in ritardo e Nagy mi ha raggiunto e superato. Dopo le riparazioni al telaio dovute ai danni di ieri non era tutto perfetto sulla macchina, specialmente nel bilanciamento in frenata. Ho cercato di affiancare Dani più volte, ma alle curve 3-4 c'era sporco in pista e non potevo tenere la traiettoria ideale. Mi scoccia un po' perché abbiamo perso punti importanti".

Kris Richard: "Sono felice del risultato di oggi, la macchina andava bene e il passo c'era, grazie ovviamente al team. Ho perso una posizione al via, poi ho recuperato e con l'ottimo passo ho superato le Honda davanti a me salendo sul podio".

TCR Europe Series - Assen: Gara 1

Prossimo articolo TCR
Track limits, i giudici restituiscono i tempi a Borković, Nagy e Azcona, cambiano le griglie di partenza

Articolo precedente

Track limits, i giudici restituiscono i tempi a Borković, Nagy e Azcona, cambiano le griglie di partenza

Prossimo Articolo

Scandinavia: a Karlskoga è dominio PWR-Cupra con Morin in pole position

Scandinavia: a Karlskoga è dominio PWR-Cupra con Morin in pole position
Carica commenti