Doppio titolo TCR DSG per Giovanni Altoè: "Non l'avrei mai detto, ora voglio giocarmela alla pari con gli altri"

condivisioni
commenti
Doppio titolo TCR DSG per Giovanni Altoè:
Di: Francesco Corghi
25 set 2018, 07:10

Il pilota della Pit Lane Competizioni ha trionfato nella categoria delle auto con cambio di serie sia in Italia che in Europa, guadagnandosi la possibilità di montare il sequenziale sulla sua Audi con cui vuole confrontarsi coi migliori il prima possibile.

Giovanni Altoè, Pit Lane Competizioni Audi RS3 LMS TCR
Podio: il vincitore della gara Jean-Karl Vernay, Leopard Lukoil Team Audi RS3 LMS TCR, il secondo classicato Josh Files, Hell Energy Racing con KCMG Honda Civic Type R TCR, il terzo classificato Attila Tassi, Hell Energy Racing con KCMG Honda Civic Type R TCR, Giovanni Altoè, Pit Lane Competizioni Audi RS3 LMS TCR
Giovanni Altoè, Pit Lane Competizioni Audi RS3 LMS TCR
Giovanni Altoè, Pit Lane Competizioni Audi RS3 LMS TCR
Giovanni Altoè, Pit Lane Competizioni Audi RS3 LMS TCR
Podium: Race winner Jean-Karl Vernay, Leopard Lukoil Team Audi RS3 LMS TCR, second place Mikel Azcona, PCR Sport Cupra TCR, third place Josh Files, Hell Energy Racing with KCMG Honda Civic Type R TCR, Giovanni Altoè, Pit Lane Competizioni Audi RS3 LMS TCR
Giovanni Altoè, Audi RS3 LMS DSG, Pit Lane Competizioni

Giovanni Altoè ha messo in bacheca per due settimane di fila altrettanti titoli TCR. Vinto il Trofeo DSG 2018 del TCR Italy a Vallelunga, il veneto si è ripetuto a Monza imponendosi anche nella medesima Classe del TCR Europe con una gara d'anticipo.

Per il pilota della Pit Lane Competizioni è un grandissimo risultato in quella che è stata la sua prima stagione completa nel mondo del TCR dopo alcune apparizioni effettuate negli anni passati.

"Se me lo avessero detto ad inizio stagione non ci avrei mai creduto! - ha commentato il ragazzo di Adria parlando con Motorsport.com - E' davvero bellissimo e non me l'aspettavo, per due settimane di fila ho vinto il titolo a livello nazionale e internazionale, è una soddisfazione immensa dopo il duro lavoro fatto con la squadra".

Il divertimento non è mancato fin dalle prime uscite al volante della Audi RS 3 LMS dotata di cambio di serie, con cui ha preso immediatamente confidenza portandola al limite su tutte le piste.

"La macchina mi è subito piaciuta fin dalla prima volta che l'ho provata, ma ho avuto grandissima sintonia anche con i ragazzi del team, con i quali siamo cresciuti strada facendo nell'arco della stagione".

Titolo DSG in Italia ed Europa, dunque, con sorrisi e soddisfazioni per i duelli combattuti in pista contro rivali che non si sono certamente tirati indietro, essendo anche più quotati.

"A livello personale è una gioia grande, se debbo fare un raffronto dico che il titolo italiano me lo sono goduto di più di quello europeo perché in pista ho avuto molto più da sudare. Nel TCR Europe non eravamo in molti a giocarcelo, certamente mi sono dovuto impegnare, però nel TCR Italy avevo avversari più numerosi e, soprattutto, maggiormente attrezzati perché le Cupra di SEAT Motorsport Italia erano davvero temibili".

La vittoria del trofeo continentale consentirà ad Altoè di aggiornare la sua vettura con cambio sequenziale portandola ad essere alla pari con le altre della prima categoria.

"Era un'occasione troppo ghiotta per farsela sfuggire e ho voluto fortemente vincere il titolo per questo motivo. Ora potrò giocarmela con i migliori e non vedo l'ora di essere in pista con la macchina uguale a quelle dei migliori. Anche se ho già chiuso il campionato penso che andrò a Barcellona alle ultime gare dell'anno, sarà l'occasione per festeggiare e divertirsi ancora in pista".

Prossimo articolo TCR
Vernay ed Audi dominano a Monza e riaprono il campionato: "Eravamo i più leggeri e dovevamo sfruttarlo, siamo stati perfetti"

Articolo precedente

Vernay ed Audi dominano a Monza e riaprono il campionato: "Eravamo i più leggeri e dovevamo sfruttarlo, siamo stati perfetti"

Prossimo Articolo

Un weekend da dimenticare per Paulsen a Monza: "Ero troppo stanco e deconcentrato, l'auto andava forte e io no!"

Un weekend da dimenticare per Paulsen a Monza: "Ero troppo stanco e deconcentrato, l'auto andava forte e io no!"
Carica commenti