Comini: "Stavolta sono stato il numero... 4!"

Il Campione in carica della TCR Stefano Comini a Buriram giunge in entrambe le gare a ridosso del podio, conquistando due quarti posti che gli permettono di essere al terzo della classifica generale.

Comini: "Stavolta sono stato il numero... 4!"

Come preannunciato il week-end della TCR a Buriram non è stato semplice a causa dei 30 kg di success ballast e delle caratteristiche tecniche della VW Golf firmata Leopard Racing.

Stefano Comini riesce al termine delle due sessioni di prove libere a entrare nella top ten, ma la difficoltà dovuta al peso aggiuntivo si sente. Nei due turni di qualifica tuttavia riesce con un buon assetto e determinazione ad agguantare la quarta posizione in griglia di partenza.

In Gara 1, con una buona partenza, Comini  riesce a difendere la sua posizione. La prima parte di gara prosegue in tranquillità, a differenza di quanto ci abituano i piloti TCR, primo su tutti il campione in carica. A metà della competizione, infatti, Comini è protagonista insieme al compagno di squadra Vernay di un’entusiasmante bagarre piena di continui sorpassi, nella quale sarà sempre il numero 1 a mantenere la posizione giungendo quarto sotto la bandiera a scacchi.

I tempi sono serratissimi: si rientra in pista, tempo di sostituire i freni alla vettura dello svizzero e il semaforo verde si riaccende per Gara 2.

Comini ha sete di podio ed alla partenza è molto determinato a recuperare posizioni. Nel primo giro sorpassa Afanasyev poi, a causa di un brutto incidente di Morbidelli, la gara viene congelata, si trova in quinta posizione.

Si riprende regolarmente al quarto giro e Comini regala al pubblico una battaglia serrata e mozzafiato a tre con Borkovic e Kusiri per la lotta al podio; nella bagarre la spunta recuperando un’altra posizione grazie alla grinta ed esperienza nel gestire la vettura e pressione.

Cerca sino alla fine il podio, tentando di sorpassare Borkovic, ma 30 kg di zavorra sono molti e non riesce nell’impresa. Un altro quarto posto gli permette di mantenere la terza posizione in campionato a distanza di 10 punti dal nuovo leader Nash.

"E' stato un fine settimana da numero 4, in qualifica e poi in entrambe le gare! E' difficile essere troppo positivo per il risultato, finendo a ridosso del podio, anche se abbiamo fatto miracoli per arrivarci, gestire i 30 kg dovuti al success ballast  non è stato semplice", ha commentato Comini.

"Le gare sono state spettacolari, in particolare la seconda, dove abbiamo combattuto fianco a fianco, bagarre e sorpassi al limite ma sempre nella regolarità. Un sentito grazie a Charles, il mio ingegnere, e a tutto il team che ha fatto un ottimo lavoro per trovare un modo per la macchina per far fronte a quei 30kg extra".

Il campionato è aperto più che mai, ora si entra nella fase finale, mancano tre importanti appuntamenti tutti da svolgersi in Oriente, prossima tappa Singapore il 17-18 settembre in concomitanza con il mondiale di F1, un appuntamento di certo da non perdere!

condivisioni
commenti
Russia, allo Smolensk Ring si impongono Karamyshev e Bragin
Articolo precedente

Russia, allo Smolensk Ring si impongono Karamyshev e Bragin

Prossimo Articolo

Ecco il Success Ballast per Singapore

Ecco il Success Ballast per Singapore
Carica commenti
Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali Prime

Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali

Annunciato il suo addio alle corse a tempo pieno, Gabriele Tarquini si appresta ad affrontare una nuova vita dopo tantissimi anni di carriera ed esperienze. Motorsport.com ha parlato con alcuni dei suoi più stretti amici e accerrimi rivali per conoscere aneddoti e restroscena che vi proponiamo in esclusiva.

WTCR
14 nov 2021
Le TCR perdute: oggi chi fa da sè... non fa per tre Prime

Le TCR perdute: oggi chi fa da sè... non fa per tre

Le TCR Series hanno preso il via nel 2015 e ad oggi sono diversi i modelli delle Case presenti in pista, più o meno nuovi. Ma c'è anche qualcuno che in questi anni ha provato a mettersi in proprio, con risultati differenti e particolari. Scopriamo di chi si tratta.

TCR
6 ago 2021
Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni Prime

Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni

Ad Aragón il "Cinghiale" ha ottenuto l'ennesima vittoria di una carriera che pare non fermarsi mai. Ma oltre alle qualità di pilota, l'abruzzese conta sulla passione e una testa che da anni gli consente di restare al top: ecco come.

WTCR
13 lug 2021
Coletti-Filippi: "Alfa Giulia e Pure ETCR le nostre scommesse" Prime

Coletti-Filippi: "Alfa Giulia e Pure ETCR le nostre scommesse"

Intervista doppia esclusiva di Motorsport.com ai due piloti della Romeo Ferraris, che corrono con la Giulia ETCR nel campionato turismo elettrico: ecco le loro impressioni e aspettative di questa avventura.

ETCR
8 lug 2021
Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde) Prime

Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde)

Il portoghese sul Nordschleife ha inaugurato la stagione 2021 del WTCR con una grandissima vittoria, che è la seconda nella serie dal rientro del 2019 dopo l'incidente che per poco lo ha ucciso. Ecco come è arrivata e perché è molto più reale della precedente.

WTCR
13 giu 2021
WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde) Prime

WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde)

Il Mondiale Turismo riparte nel weekend con le gare del Nurburgring, ma il sapore è sempre più quello di un campionato riservato esclusivamente agli ufficiali e ai più ricchi, estromettendo di fatto quei team che potevano ambire a qualcosa di grande con il concetto TCR.

WTCR
30 mag 2021
WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta Prime

WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta

La Romeo Ferraris non schiererà più le sue Giulietta nella massima serie turismo per via di un regolamento che mette sempre più da parte i privati, confermando ancora una volta la cecità sportiva dei vertici del Biscione.

WTCR
25 mar 2021
Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo Prime

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo

La Casa del Biscione è solo all'apparenza impegnata in F1, ma di ingegneristico non c'è praticamente nulla, mentre nel turismo sono tante le realtà che in questi anni hanno provato a rilanciare il marchio, ma solo coi propri investimenti.

Formula 1
1 mar 2021