Benelux, Van Hooydonk ed Hezemans si regolano a vicenda in Gara 3 e 4 a Zandvoort

Jeffrey Van Van Hooydonk e Loris Hezemans si sono portati a casa il successo precedendosi a vicenda negli ultimi due round sulla pista olandese Sul podio vanno anche Corthals e Detry. Male le Honda, brutto incidente per Schouten.

Benelux, Van Hooydonk ed Hezemans si regolano a vicenda in Gara 3 e 4 a Zandvoort

Doppietta per le SEAT in Gara 3 e 4 della TCR Benelux al Circuit Park di Zandvoort, in Olanda.

Dopo aver sofferto nei round di sabato rispetto al passo dettato da Honda e Volkswagen, oggi le León TCR hanno praticamente dominato. Per i team Bas Koeten Racing e Ferry Monster Autosport si è trattato di un giorno davvero fantastico, con le due squadre che hanno festeggiato vittoria e secondo posto.

In Gara 3, Jeffrey Van Hooydonk (Bas Koeten Racing) ha beffato il poleman Loris Hezemans (Ferry Monster) balzando al comando al via. Da qui si sono formati due gruppetti molto agguerriti. Van Hooydonk ed Hezemans sono stati pressati a lungo dalla Opel Astra guidata da Pierre-Yves Corthals (DG Sport), mentre alle loro spalle Dénis Dupont (RACB National Team, SEAT León), Alexis van de Poele e Didier van Dalen (Delahaye Racing, Volkswagen Golf) e Bas Schouten (Bas Koeten, SEAT León) hanno dato vita ad una grande battaglia per la quarta posizione.

Poco dopo questi concorrenti sono stati raggiunti anche dalla Honda Civic di Renaud Kuppens (Boutsen Ginion Racing), autore di una grande rimonta. Quest'ultimo, però, ha dovuto scontare un drive through per aver commesso un errore nella posizione di schieramento.

Al quarto giro Corthals ha superato Hezemans e ha iniziato a pressare Van Hooydonk; i due sono anche venuti al contatto, ma il leader non ha ceduto la posizione, pur non riuscendo a scappare via. Al penultimo passaggio Corthals ha commesso un errore ed Hezemans ne ha approfittato per soffiargli nuovamente la seconda piazza.

Van Dalen l'ha invece spuntata nella lotta per il quarto posto, mentre Dupont e Van De Poele si sono toccati all'ultima tornata.

Gara 4 è iniziata, come da regolamento, dietro alla safety car. Van Dalen ha provato subito a superare Van Hooydonk all'esterno della curva "Tarzan", ma un contatto fra i due ha mandato in testacoda il pilota della Golf. Poco dopo Dupont ha colpito la Volkswagen Golf di Kévin Balthazar (Milo Racing) mandandola in testacoda e ricevendo un drive through per punizione.

Van Hooydonk è invece finito largo alla "Tarzan" nel corso del secondo giro, con Hezemans e Corthals che ne hanno approfittato per superarlo. Al giro successivo, però, anche Corthals ha sbagliato e si è ritrovato 12°, mentre Schouten e Kuppens hanno iniziato la battaglia per il terzo gradino del podio.

Alla chicane i due si sono toccati, così come alla curva seguente, la "Hunserud"; Schouten è finito dritto colpendo violentemente le barriere e l'incidente ha causato l'immediato ingresso della safety car, la quale è rimasta in pista fino al termine.

La gara è stata dunque vinta da Hezemans davanti a Hooydonk, mentre Mathieu Detry (Ferry Monster Autosport, SEAT León) ha centrato il terzo posto.

Al termine del weekend, Stéphane Lémeret (Boutsen Ginion Racing, Honda Civic) porta il proprio vantaggio in classifica a 74 punti sui suoi inseguitori, Van de Poele e Romain de Leval. Lémeret (settimo e sesto oggi) beneficia dei punti conquistati dal suo collega d'eccezione, l'ungherese Norbert Michelisz, primo e terzo nelle gare di sabato.

Il prossimo appuntamento si terrà il weekend del 20-21 agosto a Zolder.

condivisioni
commenti
Benelux, a Zandvoort Michelisz e Radermecker si portano a casa i primi due round
Articolo precedente

Benelux, a Zandvoort Michelisz e Radermecker si portano a casa i primi due round

Prossimo Articolo

La TCR sbarca anche nei Paesi Baltici

La TCR sbarca anche nei Paesi Baltici
Carica commenti
Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali Prime

Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali

Annunciato il suo addio alle corse a tempo pieno, Gabriele Tarquini si appresta ad affrontare una nuova vita dopo tantissimi anni di carriera ed esperienze. Motorsport.com ha parlato con alcuni dei suoi più stretti amici e accerrimi rivali per conoscere aneddoti e restroscena che vi proponiamo in esclusiva.

WTCR
14 nov 2021
Le TCR perdute: oggi chi fa da sè... non fa per tre Prime

Le TCR perdute: oggi chi fa da sè... non fa per tre

Le TCR Series hanno preso il via nel 2015 e ad oggi sono diversi i modelli delle Case presenti in pista, più o meno nuovi. Ma c'è anche qualcuno che in questi anni ha provato a mettersi in proprio, con risultati differenti e particolari. Scopriamo di chi si tratta.

TCR
6 ago 2021
Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni Prime

Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni

Ad Aragón il "Cinghiale" ha ottenuto l'ennesima vittoria di una carriera che pare non fermarsi mai. Ma oltre alle qualità di pilota, l'abruzzese conta sulla passione e una testa che da anni gli consente di restare al top: ecco come.

WTCR
13 lug 2021
Coletti-Filippi: "Alfa Giulia e Pure ETCR le nostre scommesse" Prime

Coletti-Filippi: "Alfa Giulia e Pure ETCR le nostre scommesse"

Intervista doppia esclusiva di Motorsport.com ai due piloti della Romeo Ferraris, che corrono con la Giulia ETCR nel campionato turismo elettrico: ecco le loro impressioni e aspettative di questa avventura.

ETCR
8 lug 2021
Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde) Prime

Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde)

Il portoghese sul Nordschleife ha inaugurato la stagione 2021 del WTCR con una grandissima vittoria, che è la seconda nella serie dal rientro del 2019 dopo l'incidente che per poco lo ha ucciso. Ecco come è arrivata e perché è molto più reale della precedente.

WTCR
13 giu 2021
WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde) Prime

WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde)

Il Mondiale Turismo riparte nel weekend con le gare del Nurburgring, ma il sapore è sempre più quello di un campionato riservato esclusivamente agli ufficiali e ai più ricchi, estromettendo di fatto quei team che potevano ambire a qualcosa di grande con il concetto TCR.

WTCR
30 mag 2021
WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta Prime

WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta

La Romeo Ferraris non schiererà più le sue Giulietta nella massima serie turismo per via di un regolamento che mette sempre più da parte i privati, confermando ancora una volta la cecità sportiva dei vertici del Biscione.

WTCR
25 mar 2021
Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo Prime

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo

La Casa del Biscione è solo all'apparenza impegnata in F1, ma di ingegneristico non c'è praticamente nulla, mentre nel turismo sono tante le realtà che in questi anni hanno provato a rilanciare il marchio, ma solo coi propri investimenti.

Formula 1
1 mar 2021