Il campionato si decide nel gran finale a Monza

Il campionato si decide nel gran finale a Monza

Sono ancora quattro i piloti che possono ambire al titolo, con Paolo Meloni che parte da leader

Il Campionato Italiano Turismo Endurance arriva a Monza per il settimo ed ultimo appuntamento della stagione dal 22 al 24 ottobre, con una situazione dove nulla è deciso e tutto può succedere. I 5.973 metri del famoso tracciato e tempio della velocità, decideranno, nelle due gare da 48 minuti più un giro, le sorti della serie tricolore ACI-CSAI nell’ambito del decimo ACI-CSAI Racing Week End che concluderà la stagione dei Campionati Italiani in Pista. Il fine settimana monzese inizierà venerdì 22 ottobre con due sessioni di prove libere alle 9 ed alle 13.40. sabato mattina alle 12.35 30 minuti di qualifiche decideranno le griglie di partenza delle due gare. Alle 17.05 sempre di sabato scatterà gara 1, mentre la seconda sfida sarà alle 13.20 di domenica 24 ottobre. Nulla è deciso nel Campionato Italiano Turismo Endurance, dove le ultime due gare saranno risolutive per l’assegnazione dei titoli di 1^ e 2^ divisione. A Monza il leader in classifica della W&D Paolo Meloni con la sua BMW E92, dovrà cercare di mantenere in ogni modo il comando conquistato al Mugello con due secondi posti, arrivati dopo tre successi. Il diretto inseguitore e campione 2009 Roberto Colciago, vincitore di due gare a Misano ed Imola ma con il limite di due ritiri, però non risparmierà energie al volante della Seat Leon TSI ufficiale, su una pista che il driver di Saronno ben conosce e sulla quale penserà a guadagnare il massimo dei punti utili per recuperare i sette di distacco dalla vetta. Tra i sicuri pretendenti al titolo ci sono anche Andrea Bacci e Valentina Albanese. Il fiorentino della BMW E92 che cura la sua stessa struttura, ha assaporato il successo in casa a luglio ed il 10 ottobre, che ha aggiunto a quello di Vallelunga a maggio, ma anche l’amarezza del ritiro ad Imola, adesso il toscano dovrà solo cercare di battere i diretti avversari. Anche la Albanese, brava driver romana di Seat Motorsport Italia, già campione 2009 di 1^ divisione diesel, con la sua Leon TSI ha condotto una stagione costante da protagonista assoluta, ora per lei il compito è più arduo poiché ha meno punti all’attivo e i due ritiri ai due appuntamenti del Mugello pesano fin troppo. Ago della bilancia sarà l’alessandrino Piero Necchi vincitore di tre gare con la BMW E92 N Racing, come Meloni e Bacci, anche se la matematica lo esclude dalla rincorsa al titolo, sarà tra i pretendenti al successo in gara e la sua prestazione inciderà sicuramente sulle sorti dell’intero campionato. Per continuare lo sviluppo della Focus RS curata dal Team Vaccari, che ha preso il via al Mugello, torna in pista la Ford con il romano Simone Di Mario al volante ed il supporto diretto di Ford Italia, un’anteprima dell’impegno costante annunciato dalla filiale italiana della casa inglese per il 2011. A dare spettacolo per i bei duelli di cui sono sempre protagonisti in gara ci saranno anche i veneti Daniele Mulacchiè e Nicola Ferrato, entrambi sempre in lotta per la top five al volante delle BMW E92 Promotor Sport, come il sammarinese Walter Meloni, mai domo al volante della BMW E46 della W&D. Completerà la stagione che gli ha regalato la categoria 3.3 della prima divisione il siciliano Vittorio Bagnasco con la vettura bavarese in versione E46 3.2. Mentre a duellare con il veneto Luca Trevisiol, sempre più soddisfatto dei risultati raggiunti con la sua Leon di Seat Motorsport Italia, arriva una nuova Seat Leon Long Run con cui saranno al via due esperti del calibro di Luigi Moccia e Giancarlo Busnelli. Completeranno a Monza la loro stagione i campioni di 1^ divisione diesel Carlo Mursia e Massimo Barbieri su Alfa 156 Rosso Alfa, che hanno regalato il bel successo alla casa del Biscione nell’anno del centenario. Sfida decisiva anche in 2^ divisione dove l’equipaggio leader della PAI formato dal romagnolo Davide Bertozzi e dal milanese Alessandro Bernasconi, risolte le noie meccaniche sulla BMW 320, deve ottenere il massimo sugli inseguitori, innanzi tutto sulla gemella del sammarinese Stefano Valli che, contando sul perfetto stato di forma di macchina e pilota, segue a 10 lunghezze, e sulla Honda Accord del milanese Massimo Arduini, che deve recuperare 13 punti dalla vetta, ma può contare sul nuovo motore che ha esordito al Mugello. A fare da scudiero a Valli anche il compagno di team Lorenzo Pasquinelli che dispone di una vettura gemella. Ma sotto i riflettori ci saranno anche le BMW E46 di Massimo Zanin, Mariano Bellin e Roberto Conte, sempre validi avversari per tutti quando non limitati dalla sfortuna. Ritorno in gara anche per Pier Luigi Nebuloni e Carlo Gianazza sulla Seat Ibiza TDI.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati TCR Italia
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag auto storiche, car design, mostre auto