Jerez, Libere 2: un grande Stirpe risponde a Rinaldi

Jerez, Libere 2: un grande Stirpe risponde a Rinaldi

E' stato uno dei pochi a migliorarsi rispetto a stamattina, precedendo Tuuli ed il connazionale

Qualora ce ne fosse ancora bisogno, Davide Stirpe ha confermato di aver trovato un grande feeling con la sua Kawasaki tra le pieghe del tracciato di Jerez de la Frontera. In una seconda sessione di prove libere che ha visto la maggior parte dei suoi avversari peggiorare i proprio riferimenti rispetto a stamani (l'asfalto sfiorava i 50 gradi), l'italiano è stato addirittura in grado di migliorarsi, scendendo fino a 1'46"799.

Una performance che lo ha reso l'unico capace di infrangere il muro dell'1'47", oltre a distanziare di ben 378 millesimi il diretto inseguitore Niki Tuuli su Yamaha. Solo terzo invece Michael Ruben Rinaldi, più lento di quasi un secondo rispetto alla FP1 con la Kawasaki del San Carlo Team Italia.

Stupisce poi il quarto tempo dell'uruguaiano Maximiliano Gerardo, migliore tra i piloti Honda, che ha preceduto l'altro italiano Luca Vitali ed il terzetto del Team MTM composto da Rob Hartog, Julian Puffe e Guillaume Antiga. Nella top ten poi c'è spazio anche per gli altri azzurri Andrea Tucci e Riccardo Caruso.

La caduta di questa mattina purtroppo è costata la lussazione della spalla sinistra a Federico Caricasulo, per il quale quindi il weekend spagnolo si conclude qui. Ancora nelle retrovie il campione Toprak Razgatlioglu, che però è arrivato in Andalusia con una clavicola malandata a causa di una frattura rimediata in allenamento e quindi non al top della condizione.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Superstock 600
Piloti Niki Tuuli , Davide Stirpe , Michael Ruben Rinaldi
Articolo di tipo Ultime notizie