Guarnoni profeta in patria: pole a Magny-Cours

Il francese sigla la pole position nella gara di casa. Bryan Staring secondo davanti a Ondrej Jezek

Guarnoni profeta in patria: pole a Magny-Cours
Jérémy Guarnoni, Team Trasimeno
Bryan Staring, Team Pedercini Racing
Kev Coghlan, MRS Yamaha davanti a Ondřej Ježek, Triple-M by Barni Racing
Lorenzo Savadori, Nuova M2 Racing Team
Kevin Calia, Nuova M2 Racing Team
Raffaele De Rosa, Althea Racing

La SuperStock 1000 è giunta all'ultimo appuntamento della stagione 2015 e questo pomeriggio è stata assegnata la pole position dell'ultima gara. A Magny-Cours sono andate in scena le Qualifiche che hanno regalato una grande gioia a Jeremy Guarnoni, pilota di casa che domani scatterà dalla prima casella dello schieramento.

Guarnoni è stato autore di un'ottima seconda parte di Qualifiche, ma il sigillo alla pole position lo ha messo grazie a un crono di 1'57"937, 324 millesimi di secondo più rapido di Bryan Staring. Il transalpino ha così regolato il neozelandese, che era salito in testa a pochi minuti dalla fine, relegandolo così in seconda posizione.

Terzo tempo assoluto per la Ducati 1199 Panigale R di Ondrej Jezek. Il pilota ceco ha denotato più difficoltà sul bagnato rispetto a quanto mostrato su pista a sciutta negli ultimi turni di prove libere, ma domani dovrebbe poter contare su una pista asciutta. Matthieu Lussiana è il secondo transalpino tra i primi quattro, mentre Kevin Calia è risultato il primo degli italiani avendo colto la quinta posizione.

Buono il sesto posto per Lukas Trautmann, staccato di due secondi dalla vetta della classifica. Mathieu Gines aprirà invece la terza fila dopo aver fatto molto bene nelle libere di ieri. Ottavo posto per Lorenzo Savadori, molto cauto con la pioggia in vista della gara di domani, quando avrà l'opportunità di centrare il titolo di categoria. Raffaele De Rosa e Riccardo Russo hanno completato la Top Ten.  

condivisioni
commenti
Magny-Cours, Libere 2: che lotta dietro a Jezek!
Articolo precedente

Magny-Cours, Libere 2: che lotta dietro a Jezek!

Prossimo Articolo

Guarnoni trionfa in casa, ma la festa è di Savadori

Guarnoni trionfa in casa, ma la festa è di Savadori
Carica commenti