Jeremy Guarnoni ancora in vetta anche nelle Libere 3

Il francese della Kawasaki si conferma il grande mattatore del weekend di Jerez

Jeremy Guarnoni ancora in vetta anche nelle Libere 3
Con Sylvain Barrier già campione e già proiettato verso il suo futuro nel Mondiale Superbike, la tappa di Jerez de la Frontera regala una bella occasione ai protagonisti della Coppa del Mondo Superstock 1000 per chiudere in bellezza la stagione 2013. Sembra decisamente intenzionato ad approfittarne Jeremy Guarnoni, parso particolarmente a suo agio sul tracciato spagnolo. Dopo la pole position provvisoria firmata ieri pomeriggio, il pilota francese ha piazzato la sua Kawasaki in cima alla lista dei tempi anche nelle prove libere che si sono disputate questa mattina con il crono di 1'45"467. Dopo la bella vittoria del Nurburgring, anche "Tati" Mercado ha dato la sensazione di volersi togliere delle soddisfazioni in questo fine settimana ed ha infilato la sua ZX-10R in seconda posizione, distanziato di 145 millesimi dal battistrada e a sua volta più rapido di 28 millesimi rispetto alla Ducati 1199 Panigale di Niccolò Canepa. Quarto tempo per il tedesco Markus Reiterberger, che ha ereditato proprio la BMW del bicampione Barrier, chiudendo a poco meno di quattro decimi davanti ad un altro terzetto di "verdone" aperto dal francese Romain Lanusse, ma del quale fanno parte anche Lorenzo Savadori ed Alessandro Andreozzi. Continuando a parlare dei nostri, Marco Bussolotti è riuscito a piazzare la sua BMW nella top ten con il nono tempo, mentre ne è rimasto leggermente fuori Kevin Calia, chiamato ancora a sostituire l'infortunato Eddi La Marra in sella alla Ducati del Barni Racing Team: l'imolese ha messo a segno il 12esimo crono. Più indietro tutti gli altri.

Superstock 1000 - Jerez de la Frontera - Libere 2

condivisioni
commenti
Vince Guarnoni, ma Barrier è campione in anticipo
Articolo precedente

Vince Guarnoni, ma Barrier è campione in anticipo

Prossimo Articolo

Jeremy Guarnoni in pole per un soffio a Jerez

Jeremy Guarnoni in pole per un soffio a Jerez
Carica commenti