Bryan Staring e Jeremy Guarnoni firmano la doppietta

Vittoria storica per la casa di Akashi. Disastro Barrier che chiude con uno "zero" la corsa

Bryan Staring e Jeremy Guarnoni firmano la doppietta
Nel gran giorno di Bryan Staring, alla prima affermazione in carriera nella categoria, l’odierna gara della Superstock 1000 FIM Cup al MotorLand Aragon di Alcañiz ha di fatto rivoluzionato la classifica di campionato. Sylvain Barrier, scattato dalla pole e determinato a rafforzare la leadership nella generale, sbaglia e paga per un sorpasso azzardato nel corso del terzo giro in fondo al rettilineo dei box coinvolgendo l’incolpevole Lorenzo Savadori, suo più diretto avversario in campionato. Ripartito dalla 23esima ed ultima posizione, già nervoso per un precedente contatto con Jeremy Guarnoni (2° sul traguardo), Barrier è stato costretto al ritiro segnando il secondo “zero” di questa prima parte della stagione 2012 dopo Monza, agganciato in classifica da Eddi La Marra, 4° con la Ducati 1199 Panigale preparata dal Barni Racing e vestita dei colori del Team Italia FMI, ora soltanto a -1 dal pilota transalpino. Sono 8 invece i punti da recuperare per Lorenzo Savadori, ripartito 18esimo dopo la caduta causata da Barrier, 13esimo sul traguardo limitando i danni per un week-end iniziato con qualche difficoltà di troppo e concluso con un epilogo a dir poco “amaro”. Con i tre protagonisti della FIM Cup fuori dai giochi, Staring non ha avuto problemi nel dominare la scena portando la Kawasaki Ninja ZX-10R del Team Pedercini al primo trionfo stagionale. Già Campione australiano Superbike, Supersport, 250 GP, vincitore della Kings of Wanneroo e portacolori HM Plant Honda nel British Superstock 1000, Bryan centra una vittoria prestigiosa dopo aver già ben impressionato lo scorso mese di febbraio nel Mondiale Superbike in casa a Phillip Island, 10° in Gara 1 proprio con Kawasaki Pedercini in sostituzione dell’infortunato Leandro Mercado. Meritevole di un posto nel WSB 2013, Staring ha preceduto sul traguardo il proprio ex-compagno di squadra nonchè campione Europeo Superstock 600 2010 Jeremy Guarnoni, 2° e al primo podio tra le STK1000, tornato dal round di Misano Adriatico al MRS Racing di Adrien Moralles in sostituzione di Loris Baz, promosso a tempo pieno in Superbike con la squadra ufficiale di Akashi. Per la Kawasaki si tratta non soltanto della prima doppietta nella Superstock 1000, ma della prima vittoria da oltre 12 anni: l’ultima nell’Europeo 2000 a Brands Hatch con Gary Mason (protagonista del British Superbike), la terza di sempre nella storia della categoria conteggiando il primo, storico successo dell’austriaco tri-campione IDM Superbike Martin Bauer nel 1999 in casa a Zeltweg. All’1-2 Kawasaki risponde con il terzo posto Lorenzo Baroni salvando il bilancio di BMW Motorrad Italia GoldBet, seguito nell’ordine dal già menzionato Eddi La Marra (4°), Markus Reiterberger (5°), la Ducati 1199 Panigale DMC di Kev Coghlan (6°). Gli altri italiani? Marco Bussolotti con la Ducati 1098R del SK Energy Racing Team conclude al 7° posto, decimo è Fabio Massei con la Honda Fireblade del Ten Kate Junior Team, fuori dalla zona punti Massimo Parziani, 17°.

Superstock 1000 - Aragon - Gara

condivisioni
commenti
Sylvian Barrier conquista la pole nella Q2
Articolo precedente

Sylvian Barrier conquista la pole nella Q2

Prossimo Articolo

Guarnoni soffia la pole provvisoria a Barrier

Guarnoni soffia la pole provvisoria a Barrier
Carica commenti