Barrier e La Marra appaiati in prima fila

I due contendenti al titolo occupano le prime due posizioni sulla griglia di Magny-Cours

Barrier e La Marra appaiati in prima fila
Se tra poco ci si attende una grande sfida tra Michael van der Mark e Riccardo Russo nella Superstock 600, promette grandi scintille anche la prova conclusiva della Coppa del Mondo Superstock 1000, che domani vedrà i due principali antagonisti prendere il via appaiati sulla prima fila dello schieramento di partenza di Magny-Cours. Ad ottenere la pole position è stato il padrone di casa, nonchè leader del campionato, Sylvain Barrier, che con la sua BMW ha girato in 1'41"079, ma dopo aver faticato per ben due giorni anche Eddi La Marra sembra aver finalmente trovato il bandolo della matassa ed è andato a piazzare la sua Ducati 1199 Panigale al secondo posto, con un ritardo di soli 237 millesimi. Con appena tre punti a dividerli, il destino del campionato quindi appare decisamente aperto. A dividere la prima fila con loro ci saranno anche le due Kawasaki dell'altro pilota di casa Jeremy Guarnoni e di Bryan Staring. Quest'ultimo è ancora tenuto in corsa giusto dalla matematica, ma vuole farsi trovare pronto nel caso in cui i primi due dovessero fare degli errori clamorosi, spianandogli la strada verso il titolo. Simile anche la conformazione della seconda fila, che si apre con i compagni di squadra dei due contendenti alla corona di campione, ovvero il rookie Greg Gildenhuys e Lorenzo Savadori, che saranno affiancati dall'altra BMW di Markus Reiterberger e dalla ZX-10R di Christoffer Bergman. Per quanto riguarda gli altri italiani, Fabio Massei completa la top ten con la sua Honda, mentre Massimo Parziani ha piazzato la sua Aprilia al 20esimo posto.

Superstock 1000 - Magny-Cours - Qualifica 2

condivisioni
commenti
Jeremy Guarnoni reagisce ancora nelle Libere 2
Articolo precedente

Jeremy Guarnoni reagisce ancora nelle Libere 2

Prossimo Articolo

Vince Guarnoni, ma Barrier festeggia il titolo

Vince Guarnoni, ma Barrier festeggia il titolo
Carica commenti