Formula 1
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
FP2 in
02 Ore
:
02 Minuti
:
05 Secondi
MotoGP
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
FP3 in
16 Ore
:
57 Minuti
:
05 Secondi
WRC
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
WSBK
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso
Formula E
G
Ad Diriyah ePrix
22 nov
-
23 nov
Prossimo evento tra
6 giorni
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
62 giorni
WEC
08 nov
-
10 nov
Evento concluso

Portimao, Gara: Razgatlioglu domina, Rinaldi in difficoltà

condivisioni
commenti
Portimao, Gara: Razgatlioglu domina, Rinaldi in difficoltà
Di:
17 set 2017, 13:31

Si riaprono completamente i giochi per il tiolo, con il turco a 8 punti dal pilota Ducati, nono al traguardo. Il miglior italiano è Tamburini, sesto.

Per la seconda volta in giornata risuona l’inno turco. Merito del pupillo di Sofuoglu, Toprak
Razgatlioglu, autore di una gara monumentale, che gli ha consegnato la terza vittoria stagionale e
soprattutto gli ha permesso di riaprire completamente i giochi per il campionato, complice anche la
giornata disastrosa di Michael Ruben Rinaldi, piazzatosi solo nono. Ora tra i due rivali ci sono solo
8 punti e sicuramente saranno scintille negli ultimi due appuntamenti a Magny Cours e Jerez.

La gara è durata sostanzialmente un paio di giri, fino a quando Razgatlioglu ha preso il comando
delle operazioni, allungando in maniera perentoria. Impressionante il suo ritmo gara, e mentre il
pilota della Kawasaki volava indisturbato verso la bandiera a scacchi, Rinaldi inesorabilmente
perdeva posizioni. Alla fine il nono posto è andato anche bene, ne ha guadagnati due visti i ritiri di
Sandi e Faccani che lo precedevano.

Che cosa è successo a Rinaldi? Si è capito sin dal primo turno di prova che non sarebbe stato un
weekend facile. Sempre ad inseguire, in prova come in gara non è riuscito a trovare il giusto
assetto della moto, finendo per lamentare continuamente problemi di grip. Anche se in Ducati
assicurano che la situazione è sotto controllo, la sensazione è che l’importanza del risultato abbia
messo sotto pressione il 21enne riminese, facendogli perdere quella sicurezza mostrata fino ad
ora.

L’augurio è che lo schiaffone rimediato lo svegli, restituendoci quel pilota che ha dato spettacolo
per buona parte della stagione, meritando di essere il leader del campionato. Un campionato che
adesso ha bisogno del miglior Rinaldi perché la minaccia turca incombe minacciosa…

Sul secondo gradino del podio, con un po’ di fortuna, è salito Florian Marino. Il pilota della Yamaha
ha rotto il motore a quattro giri dalla fine, lasciando una scia di olio che ha costretto la Race
Direction ad esporre la bandiera rossa. Gara finita (completato il 75% dei giri), con classifica al giro
precedente dove Marino era transitato ovviamente secondo, davanti al cileno Maximilian Scheib.

Non è stato una giornata positiva per i colori italiani, come si può facilmente comprendere. Alla fine
il migliore è stato Roberto Tamburini, che ha pagato una partenza non proprio brillante, cosa che
gli ha precluso di poter lottare per il podio. Tutto sommato positiva la prestazione di Luca Vitali,
ottavo, in zona punti hanno concluso anche Federico D’Annunzio, dodicesimo, e Riccardo
Cecchini, tredicesimo.

Superstock 1000 - Portimao - Gara

Prossimo Articolo
Portimao, Qualifiche: pole di Marino, Rinaldi scatta dalla terza fila

Articolo precedente

Portimao, Qualifiche: pole di Marino, Rinaldi scatta dalla terza fila

Prossimo Articolo

Magny-Cours, Libere 1-2: Sandi dominatore del venerdì, indietro Rinaldi

Magny-Cours, Libere 1-2: Sandi dominatore del venerdì, indietro Rinaldi
Carica commenti