Formula 1
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
FP1 in corso . . .
MotoGP
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
FP3 in
18 Ore
:
02 Minuti
:
05 Secondi
WRC
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
WSBK
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso
Formula E
G
Ad Diriyah ePrix
22 nov
-
23 nov
Prossimo evento tra
6 giorni
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
62 giorni
WEC
08 nov
-
10 nov
Evento concluso

Krummenacher, il nuovo re della Supersport

condivisioni
commenti
Krummenacher, il nuovo re della Supersport
Di:
27 ott 2019, 16:50

Il pilota del team Bardahl Evan Bros si laurea campione del mondo a Losail dopo un duello con il compagno di squadra Federico Caricasulo. Il titolo corona la sua stagione migliore in Supersport.

Randy Krummenacher si proclama Campione del mondo Supersport sotto i fari di Losail, coronando la sua miglior stagione di sempre, ricca di gloria e momenti difficili, in cui non sono mancate le polemiche. Il pilota del team Bardahl Evan Bros è il primo svizzero a conquistare un titolo mondiale nella categoria.

La chiave del successo quest’anno è stata la costanza, la squadra ha dominato il mondiale dall’inizio alla fine con entrambi i piloti, che si sono resi protagonisti di un duello per il titolo che è durato fino all’ultima gara. Ad avere la meglio però è stato lo svizzero, che arrivava in Qatar già da leader della classifica e lascia Losail con 5 punti di vantaggio su Federico Caricasulo, che si è dovuto piegare al compagno di squadra.

Krummenacher è arrivato nel mondiale Supersport nel 2016 vincendo subito e dimostrando di avere un grande talento. Gli ottimi risultati gli sono valsi un posto in Superbike l’anno seguente con il team Kawasaki Puccetti. Nel 2018 è tornato alla classe intermedia con il team Bardahl Evan Bros, rendendosi protagonista di una stagione eccellente, che però non gli è valsa il titolo mondiale. Dello scorso anno resta memorabile la splendida rimonta di Assen, in cui scattava dal fondo della griglia e ha chiuso in seconda posizione, dopo aver quasi vinto la gara.

Quanto ottenuto lo scorso anno ha fatto sì che Krummenacher venisse confermato anche nel 2019, anno che si è poi rivelato cruciale. Lo svizzero ha iniziato la stagione con una straordinaria vittoria a Phillip Island, per poi conquistare un secondo posto a Buriram in una grande rimonta che ha ricordato quella dell’anno precedente.

Con l’arrivo in Europa però i rivali hanno iniziato a farsi più agguerriti e proprio ad Assen è iniziata la lotta con Federico Caricasulo che è andata avanti per tutta la stagione. I due hanno avuto il primo confronto diretto, a cui poi ne sono seguiti molti altri.

Imola e Jerez sono stati round chiave per il mondiale, sulla pista italiana lo svizzero si è imposto sul compagno di squadra, per poi ripetersi in Spagna ed incrementare ulteriormente il vantaggio in classifica. I due si sono resi protagonisti di lotte senza sconti anche a Misano, per poi interrompere il dominio a Donington.

Sul tracciato inglese è arrivato Jules Cluzel a fermare la rincorsa di Krummenacher. La prima vittoria del francese lo ha rimesso in corsa per il titolo, combattuto fino all’ultimo a Losail ma con scarse speranze. La situazione mondiale iniziava a farsi decisamente più intrigante, eppure il leader della classifica continuava a macinare risultati che gli lasciavano un margine di relativa tranquillità.

Tranquillità che è poi terminata a Magny-Cours, dove Randy Krummenacher ha gettato alle ortiche una gara decisiva. Per la prima volta in due anni, lo svizzero è finito a terra tornando a casa con uno zero in classifica. La fortuna è stata dalla sua parte, perché in quell’occasione anche il compagno di squadra non ha preso punti.

La vera crisi però è arrivata in Argentina, teatro di dichiarazioni velenose da parte del leader del mondiale. Krummenacher, alla fine della gara in cui ha tagliato il traguardo in settima posizione, ha accusato il team di favorire il proprio compagno di squadra, lamentando mancanza di potenza nel motore. Le accuse sono state prontamente respinte dai vertici della squadra, con cui ha poi corretto il tiro.

Si è così arrivati a Losail, pista dove Krummenacher arrivava con 8 punti di vantaggio su Federico Caricasulo e 22 su Jules Cluzel. Non è stata una gara facile quella dello svizzero, che si è prima dovuto difendere per poi sferrare attacchi, rendendosi protagonista anche di un duello con il compagno di squadra. La quinta posizione finale però gli ha permesso di laurearsi Campione del mondo, lasciando l’italiano a 5 lunghezze.

Prossimo Articolo
Supersport, Losail: Mahias vince, Krummenacher è campione

Articolo precedente

Supersport, Losail: Mahias vince, Krummenacher è campione

Prossimo Articolo

SSP300, Losail: Deroue vince in volata

SSP300, Losail: Deroue vince in volata
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Supersport
Location Losail International Circuit
Autore Lorenza D'Adderio