Il Tourist Trophy prende provvedimenti dopo l'incidente di Mercer del 2018

condivisioni
commenti
Il Tourist Trophy prende provvedimenti dopo l'incidente di Mercer del 2018
Di:
23 apr 2019, 15:47

L'inchiesta aperta dopo l'incredibile scontro del pilota con una vettura della direzione gara ha spinto gli organizzatori dell'evento a introdurre diversi cambiamenti in vista del TT 2019.

Due incidenti, a pochi minuti di distanza l'uno dall'altro. A Churchtown, il primo, il tremendo schianto contro un albero che è costato la vita a Dan Kneen. A Ballacrye, il secondo, l'assurda collisione tra la Honda guidata da Steve Mercer e una delle auto della direzione gara, diretta verso il luogo della tragedia.

Così finiva la quarta sessione del programma del TT 2018, dando inizio al calvario del pilota del team Jackson Racing. Un susseguirsi di operazioni, non sempre del tutto riuscite, per ridurre le lesioni agli arti e alla spina dorsale, accompagnate dal rischio, ancora concreto, di perdere una gamba.

Leggi anche:

Cosa è andato storto quell'infausto 30 maggio 2018, in cui la tragedia di Kneen ha segnato irrimediabilmente anche la vita del suo compagno di squadra nella Supersport?
Perché la bandiera rossa, sventolata subito dopo il fatale incidente del mannese, non è bastata a garantire a Mercer un rientro a Grandstand in piena sicurezza?

Per cercare una risposta a queste domande, e al perché ai piloti è stato ordinato di rientrare al paddock percorrendo 37.73 miglia contromano, è stata avviata un'inchiesta i cui risultati non sono mai stati resi noti.

Ma l'indagine condotta lo scorso anno dall'allora capo della Motor Sports Association, Rob Jones, sembra aver dato i suoi frutti, spingendo l'Auto-Cycle Union a varare importanti cambiamenti in vista del TT 2019.

Rivista la procedura di bandiera rossa all'indomani della tragedia, imponendo ai piloti l'obbligo di fermarsi sul circuito fino alla fine della bandiera rossa e di spostarsi solo in presenza dei marshal, l'ACU ha rilasciato nei giorni scorsi un comunicato ufficiale per illustrare i provvedimenti che saranno introdotti quest'anno.

I punti salienti dell'operazione, messi in risalto nel documento, prevedono:

  • Il miglioramento dell'addestramento degli ufficiali di gara senior;
  • Una formazione migliore e più strutturata per i marshal;
  • La sottolineatura dell'importanza della lettura e della comprensione delle regole e dei regolamenti dell'evento da parte dei concorrenti;
  • Briefing piloti più approfonditi;
  • Formazione radiofonica TETRA per tutti i funzionari;
  • L'adozione di dispositivi di localizzazione GPS su tutti i veicoli non da gara;
  • L'adozione di luci di segnalazione poste sul tettuccio di tutti i veicoli della direzione gara, l'auto per l'ispezione del circuito e le vetture di risposta TTMA;
  • L'imposizione di limiti di velocità per tutti i veicoli della direzione gara;
  • L'introduzione di un piano di sicurezza più completo;
  • La nomina di un addetto alla sicurezza dell'evento.

In aggiunta, l'ACU ha provveduto ad apportare anche sostanziali cambiamenti al suo staff, con la nomina di Gary Thompson a "TT Clerk of the Course".

 

Informazioni aggiuntive di Lewis Duncan

Prossimo Articolo
TT 2019: Hickman e Johnson restano su Triumph in Supersport

Articolo precedente

TT 2019: Hickman e Johnson restano su Triumph in Supersport

Prossimo Articolo

TT 2019, Norton: in pista la Superlight per preparare l'assalto alla Lightweight

TT 2019, Norton: in pista la Superlight per preparare l'assalto alla Lightweight
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Road racing
Piloti Steve Mercer
Autore Daniela Piazza
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie