TT 2016, Michael Dunlop vince in SBK e fa la storia

condivisioni
commenti
TT 2016, Michael Dunlop vince in SBK e fa la storia
Michele Salvatore
Di: Michele Salvatore
04 giu 2016, 12:57

Il centauro dell’Ulster ha sbriciolato il precedente record di John McGuinness con una prestazione da urlo. Partito a fionda, ha mantenuto la testa della graduatoria per tutti i 6 giri della gara prendendo posto nel libro dei record.

Quanto è vero che i record sono fatti per essere battuti: 214 km/h è la nuova media di riferimento per completare un giro allo Snaeffel Mountain Course e muro dei 17’ minuti sfondato. Michael Dunlop è il pilota più veloce del Tourist Trophy perché ha percorso i 60.7 km del circuito stradale in 16’58”. Il figlio d’arte è partito subito fortissimo, sorpassando quella barriera fissata da McGuinness nel 2015 dei 17’03 alla media di 213 km/h, al primo giro (16’58”), per poi abbassare ancora il limite al secondo passaggio: 16’58” e 2 centesimi, 214.6 km/h di media. Il ragazzo dell’Ulster ha mantenuto un ritmo altissimo nei successivi 4 giri e, dopo 1h44’14” di gara fatti alla media di 210 km/h, ha tagliato per primo il traguardo di Grandstand centrando la sua dodicesima vittoria al TT.

Alle sue spalle, la lotta per il secondo e il terzo posto tra Ian Hutchinson (BMW) e McGuinness (Honda) è stata avvincente. “Hutchie” e “McPint” se le sono date di santa ragione sul filo di tornate fatte ai 209 km/di media. Ma alla fine è stata la BMW #4 a salire sul secondo gradino del podio grazie alla media finale tenuta dal “Bingley Bullet” di 1h44’33” (208 km/h di media). Per il missile di Morecambe, comunque, ottimo terzo posto ottenuto dopo 1h45’27” di gara alla media di 207 km/h  

Tra gli italiani il più veloce è stato Stefano Bonetti (Kawasaki), finito al 31° posto (1h52’32”, 194 km/h di media). Alex Polita (BMW), che ci sta raccontando il suo primo TT, chiude 47° (1h58’01”). Sfortunatissimo Marco Pagani: radiatore sfondato da una pietra e gara finita al secondo giro.

TT Superbike - Classifica finale

Prossimo articolo Road racing
Ian Hutchinson, un lampo al TT

Articolo precedente

Ian Hutchinson, un lampo al TT

Prossimo Articolo

Incidente mortale al Tourist Trophy

Incidente mortale al Tourist Trophy
Carica commenti