TT 2016, Ian Hutchinson il più veloce nel secondo turno di qualifiche

condivisioni
commenti
TT 2016, Ian Hutchinson il più veloce nel secondo turno di qualifiche
Michele Salvatore
Di: Michele Salvatore
30 mag 2016, 20:55

In strada Superbike, Supersport, Superstock, Sidecar e miglior performance per il centauro Tyco-BMW. Bruce Anstey, sulla Honda RC213 V-S, ferma sfreccia a 311 km/h!

Bruce Anstey, Honda
Bruce Anstey, Honda
Conor Cummins, Honda, John McGuinness, Honda
Michael Dunlop, BMW, Ian Lougher, Suter
Bruce Anstey, Honda
Ian Lougher, Suter

Seconda tornata di qualifiche al TT 2016 e questa sessione di 180’ hanno preso parte tutte le classi eccetto la Lightweight. Nella Superbike, il protagonista assoluto è stato Ian Hutchinson: mentre erano tutti concentrati sulla lotta tra Michael Dunlop e John McGuinness, il rider Tyco BMW al 4° e ultimo suo giro ha stampato il best lap. Nella Superstock Dean Harrison è stato il più veloce, mentre in Supersport Steve Mercer ha fatto registrare la prestazione migliore. Qualifiche chiuse con i 105’ concessi ai sidecar e miglior tempo per l’equipaggio John Holden / Andrew Winkle su Honda LCR.

Superbike

Subito velocissimo Michael Dunlop: alla partenza da fermo ha fatto registrare i 204 km/h al primo rilievo dello speedtrap a Grandstand. Start a molla che gli ha permesso di prendere ritmo e stampare al terzo passaggio il suo miglior tempo di giornata: 17:28.890 alla velocità media di 205. La risposta dell’altro favorito della categoria non si è fatta attendere più di tanto. Alla secondo passaggio, Jhon McGuinness ha risposto per le rime al nordirlandese: 17:33.987. Ma a sessione quasi conclusa, Ian Hutchinson ha cacciato il proverbiale coniglio dal cilindro con un incredibile 17:25.117 alla velocità media di 209 km/h. Oggi, però, tutti aspettavano di vedere cosa avrebbe fatto Bruce Anste ysulla Honda RC213 V-S. per lui 3 giri, miglior personale di 17:48.91, ma “autovelox” fatto scattare a 311 km/h! Fulmine di giornata

Superstock

Mattatore della categoria è stato Dean Harrison. Sulla sua Kawasaki ZX-10R, ha completato 3 giri del Mountain, con 17:40.793 come miglior tempo. Dunlop e e McGuinness hanno usato questa giornata per trovare le misure alla SBK, infatti, con le rispettive BMW S1000RR SSTK e Honda R1, hanno fatto un solo giro. 17:51.827 per l’11 volte campione del TT e 18:01.661 per il "missile" di Morecambe, finto alle spalle di Hickman nella graduatoria. 

Supersport

Nelle 600, il più in forma di tutti si conferma Dean Harrison, a cui è bastato un solo giro sulla Kawasaki ZX-6R per bissare il risultato della prima sessione: 18:11.329, più veloce di 2 secondi rispetto a sabato. Alle sue spalle si è piazzato Lee Johnston, su Triumph SSP, con18:31.145 (miglior tempo dei due passaggi compiuti). Il terzetto dei più veloci lo chiude Steve Mercer, in18:32.730.  

Sidecars

la coppia John Holden / Andrew Winkle, ha fatto registrare il miglior tempo: 20:12.158. Alle loro spalle, con poco più di due secondi di ritardo, troviamo Ian Bell / Carl Bell, che hanno chiuso le prove con 20:14.829. Terzi, infine, Ben Birchall / Tom Birchall, 20:46.344 per loro.

Gli italiani

Ci sono tre “azzurri” a questa edizione del TT. Il newcomers Alessandro Polita, sta cercando confidenza con il Mountain. Fermato da un guasto sabato, oggi ha compiuto 4 giri, trovando il miglior parziale al terzo passaggio a Grandstand: 20:53 per lui. Il veterano Stefano Bonetti (SBK), è stato il più veloce del terzetto con 18:42.991, mentre Marco pagani (SBK), ha chiuso con 19:18.686 come miglior tempo di giornata. 

Prossimo articolo Road racing