Formula 1
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
MotoGP
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso
WRC
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
WSBK
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso
Formula E
23 nov
-
23 nov
Evento concluso
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
40 giorni
WEC
08 nov
-
10 nov
Evento concluso

Nicoletti: "Nel 2020 apriamo all'ibrido e al Racing Start"

condivisioni
commenti
Nicoletti: "Nel 2020 apriamo all'ibrido e al Racing Start"
Di:
26 nov 2019, 09:18

Il responsabile delle attività sportive di Suzuki Italia, Massimo Nicoletti, dopo la premiazione dei campioni 2019 di Adria ha delineato a Motorsport.com quale sarà lo scenario del prossimo anno: "Confermato il format del Trofeo Rally Suzuki nel CIR e WRC, porteremo qualche novità interessante per coinvolgere i giovani".

Massimo Nicoletti gongola alla premiazione di Suzuki Motorsport 2019: all’Adria International Raceway c’è un palco che è degno di un teatro e al simpatico responsabile delle attività sportive della Casa giapponese riaffiorano i ricordi di quando in gioventù era diventato attore per cancellare la timidezza.

Inutile dire che il piemontese è diventato il “mattatore” della premiazione dopo la presentazione più istituzionale dell’immancabile presidente Massimo Nalli, orgoglioso di registrare numeri sempre in crescita sia nel prodotto di serie dove si allarga la quota di mercato di Suzuki, sia nel mondo delle corse dove il monomarca riservato alle Swift R1.

“Abbiamo avuto 28 equipaggi nel Suzuki Rally Cup ed è un record assoluto: il fatto di aver diviso le partecipazioni sui due campionati italiani (CIR e WRC) ha avuto il suo peso perché ha fatto avvicinare molti giovani al Trofeo”.

Due gironi, ma una finale unica dove giocarsi il tutto per tutto…
“Abbiamo individuato una finale unica per dare più adrenalina alla stagione e per offrire un’opportunità di riscatto a chi ha avuto della sfortuna nel proprio girone. E quando siamo andati a fare le finali le motivazioni erano davvero queste. C’era un grande pathos sportivo”.

L’anno prossimo, quindi, l’intelaiatura dell’attività resterà la stessa?
“Nel 2020 riproporremo il format dei due gironi e continueremo a inseguire il… futuro”.

Nel futuro ci sono il debutto dell’ibrido e il ritorno al Racing Start…
“E’ così. Sentiamo molto l’esigenza di contenere i costi e semplificare la preparazione di un’automobile da corsa. Ci può essere un risparmio notevole: fra una Swift Racing Start al top e una R1 al top ballano circa 20 mila euro di differenza, perché parliamo di dimezzare il prezzo di una stagione”.

Il Racing Start è un regolamento semplice che permette di iniziare a correre con vetture strettamente derivate dalla serie, dotate degli strumenti di sicurezza, ma senza la ricerca delle prestazioni. Questa formula, molto intelligente, in Italia non ha mai avuto un grande successo, venendo spesso snobbata…
“Proviamo a rilanciare il concetto: ma il risparmio per chi vuole cominciare a correre è enorme, tanto che può fare la differenza fra debuttare oppure no. Aggiungeremo una classifica di premi destinati alla Racing Start che si sommeranno a quelli della classifica assoluta”.

I concessionari della rete Suzuki vi seguono?
“La domanda è per alcuni versi imbarazzante (e ride…) perché la rete Suzuki si è ormai orientata all’ibrido per cui sarà difficile trovare la Swift a benzina nuova. Ma chi vorrà iniziare nei rally con una vettura usata non avrà problemi a farlo e magari troverà il concessionario che gli darà una mano”.

Sono discorsi che riportano a un tempo che non sembra esserci più, quando era possibile mettersi alla prova nell’automobilismo anche con pochi mezzi e tanta passione…
“Ho appena consentito a un giovane di far preparare un’auto usata nello stesso atelier dove vengono curate le macchine nuove, per fare in modo che siano tutte uguali. Questo ragazzo inizierà a correre con un’auto a basso costo ma che gli darà delle grandi soddisfazioni”.

Suzuki si lancia con l’idea di far debuttare l’ibrido nei rally: il tema è tanto interessante, quanto spinoso, perché ancora non è stato approvato il regolamento su queste vetture che richiedono delle attenzioni particolari in caso di intervento dei commissari o dei meccanici…
“E’ chiaro che l’arrivo dell’ibrido sarà un qualcosa di innovativo. Abbiamo presentato una richiesta alla Federazione che ancora non l’ha previsto. Diciamo che per il momento esiste un impegno, poi vedremo come si concretizzerà, dal momento che per rispettare tutti i criteri di sicurezza sarà necessario prendere quale accorgimento di salvaguardia. In futuro dedicheremo anche una classifica a premi dedicata alle ibride, sommabile a quella dell’assoluta”.

Il parco macchine da corsa Suzuki si sta ampliando in fretta…
“Nella classifica assoluta lasciamo tutte le vetture, anche quelle più datate come le 1600 Sport che sono arrivate alla nona stagione: vissute le sono per davvero, ma regalano ancora delle belle soddisfazioni ai loro proprietari, per cui facciamo in modo che possano ancora divertirsi”.

Nel 2020 vedremo le piccole Swift R1 non partire sempre in coda al gruppo…
“Si tratta di un provvedimento che non vale per il CIR, ma nel WRC e nelle gare di Coppa Italia abbiamo ottenuto che le nostre R1 possano partire in coda alle N3 perché hanno raggiunto dei livelli prestazionali grazie ai quali meritano di schierarsi più avanti”.

“Ho dimostrato alla Federazione con i dati alla mano che le nostre Swift raggiungevano dei risultati nelle classifiche assolute che meritavano di essere collocate più avanti nell’ordine di partenza, senza usurpare alcun ruolo, ma migliorando la visibilità delle nostre vetture”.

La premiazione di Adria ha dato il senso del guardare alle corse più in grande?
“Sì la premiazione su un palco forse dimostra la voglia di fare un salto di qualità, ma in realtà l’abbiamo vissuta come una festa. C’è chi ha avuto voglia di consumare un po’ di benzina e di gomme per sfidarsi l’ultima volta nella stagione prima di procedere alla premiazione. È stata un’occasione per rivivere la stagione 2019 e condividere le emozioni. Il bello è che c’era tutto lo staff di Suzuki Italia schierato a cominciare dal presidente Massimo Nalli, per arrivare alle ragazze della comunicazione ad accogliere i Trofeisti dando un segno tangibile di quanto vogliamo coccolare i nostri piloti”.

Suzuki nel 2019 ha supportato anche il Rally Italia Talent che farà correre due finalisti della selezione a cui hanno partecipato 9 mila iscritti nel CIR 2020 con una Swift R1 che sarà iscritta al Trofeo. Avete fatto bingo?
“Beh, con Renzo Magnani abbiamo parlato a lungo per trovare una sinergia fra le due attività che sono distinte fra di loro, ma hanno la stessa finalità: promuovere i rally fra i giovani. E credo che questo, vista l’enorme partecipazione che l’Italia Rally Talent ha raccolto, sia il naturale sfogo di una bella iniziativa che testimonia come la passione per le corse sia ancora ben viva fra i giovani”.

Scorrimento
Lista

Nicola Schileo vincitore nella gara dell'Adria Motor Week

Nicola Schileo vincitore nella gara dell'Adria Motor Week
1/13

Foto di: Suzuki

Premiazioni Trofei Suzuki stagione 2019, Adria

Premiazioni Trofei Suzuki stagione 2019, Adria
2/13

Foto di: Suzuki

Nicoletti con Toffoli e Codecà sul palco della premiazione di Adria

Nicoletti con Toffoli e Codecà sul palco della premiazione di Adria
3/13

Foto di: Suzuki

Simone Goldoni vincitore del Rally Cup CIWRC con un assegno di 14 mila in premi

Simone Goldoni vincitore del Rally Cup CIWRC con un assegno di 14 mila in premi
4/13

Foto di: Suzuki

Lorenzo Codecà al debutto sulla Suzuki Swift R1

Lorenzo Codecà al debutto sulla Suzuki Swift R1
5/13

Foto di: Suzuki

Premiazioni Trofei Suzuki stagione 2019, Adria

Premiazioni Trofei Suzuki stagione 2019, Adria
6/13

Foto di: Suzuki

Simone Rivia protagonista del Trofeo Rally Suzuki con l'assegno di 8 mila euro

Simone Rivia protagonista del Trofeo Rally Suzuki con l'assegno di 8 mila euro
7/13

Foto di: Suzuki

Nicola Schileo premiato ad Adria per il Trofeo Rally Suzuki

Nicola Schileo premiato ad Adria per il Trofeo Rally Suzuki
8/13

Foto di: Suzuki

La Suzuki Grand Vitara 1.9 DDiS T2 di Codecà-Toffoli

La Suzuki Grand Vitara 1.9 DDiS T2 di Codecà-Toffoli
9/13

Foto di: Suzuki

Premiazioni Trofei Suzuki stagione 2019, Adria

Premiazioni Trofei Suzuki stagione 2019, Adria
10/13

Foto di: Suzuki

Premiazioni degli sponsor Genart e Ceva supporter dei Trofei Suzuki

Premiazioni degli sponsor Genart e Ceva supporter dei Trofei Suzuki
11/13

Foto di: Suzuki

Premiazioni Trofei Suzuki stagione 2019, Adria

Premiazioni Trofei Suzuki stagione 2019, Adria
12/13

Foto di: Suzuki

Premiazioni Trofei Suzuki stagione 2019, Adria

Premiazioni Trofei Suzuki stagione 2019, Adria
13/13

Foto di: Suzuki

Prossimo Articolo
Suzuki Motorsport 2019: premiazione all’Adria Motor Week

Articolo precedente

Suzuki Motorsport 2019: premiazione all’Adria Motor Week

Prossimo Articolo

I piloti ufficiali Hyundai si sfidano al Masters' Show a Monza

I piloti ufficiali Hyundai si sfidano al Masters' Show a Monza
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Rally
Location Adria International Raceway
Autore Franco Nugnes