Rally di Como: affiorano i primi dettagli dell'incidente

Rally di Como: affiorano i primi dettagli dell'incidente

Roberto Ledda, direttore della gara, ha dato la versione ufficiale della dinamica di incidente e soccorsi

Iniziano ad affiorare i primi dettagli del tremendo incidente avvenuto nella giornata di ieri al Rally di Como, in cui hanno perso la vita in maniera drammatica Stefano Campana e Robin Munz, equipaggio svizzero a bordo della Renault Clio R3C del team Elleesse Racing.

I due ticinesi sono finiti contro al muro mentre stavano affrontando una prova della gara sulle sponde del Lago Ceresio, a Porlezza. La vettura, in seguito all'impatto, ha preso fuoco, non lasciando scampo all'equipaggio elvetico che è morto carbonizzato. Nulla hanno potuto fare i primi soccorritori per salvare Campana e Munz.

Nelle ultime ore è stata resa nota la dinamica dell'incidente proprio dal direttore di gara Roberto Ledda: "La vettura ha urtato con violenza il fianco destro contro un muretto situato sul bordo destro della carreggiata, finendo poi contro il guard-rail di sinistra terminando la sua corsa sul lato destro della strada".

"I due sono stati raggiunti immediatamente dal commissario che era sul posto il quale ha anche prontamente allertato i soccorsi sia medici che antincendio; lo stesso commissario ha provato a soccorrere l'equipaggio che risultava incosciente all'interno dell'abitacolo. Purtroppo le condizioni della vettura gli hanno impedito di aprire gli sportelli laterali della Renault che nel frattempo prendeva fuoco con un'improvvisa vampata".

"Dalla postazione numero 42 sono partiti immediatamente i soccorsi: ambulanza con medico, ufficiali di gara con estintori e carro attrezzi anch'esso dotato di estintori. Il loro arrivo è stato tempestivo. Si sono subito prodigati per domare le fiamme ma tutti gli sforzi sono risultati vani. Il mezzo di decarcerazione e antincendio posizionato come da norma ad inizio prova, era già stato inviato sul luogo dell'incidente. Una volta giunto è riuscito a domare definitivamente le fiamme che hanno interessato la parte posteriore e la parte destra della vettura", ha concluso Ledda.

Stefano Campana, ticinese di 39 anni, lascia moglie e due figli, mentre Robin Munz, ventiduenne e anch'egli elvetico, era divenuto padre da appena dieci mesi. Il percorso del rally di Como non era sconosciuto all'equipaggio del team Elleesse Racing, perché entrambi lo hanno affrontato lo scorso anno.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Rally
Articolo di tipo Ultime notizie