Cairoli: "Sapevo di poter fare bene. Peccato in gara..."

Il siciliano ha trionfato al Masters' Show e ammette: "Nei rally dopo il Motocross? Forse dopo il Motocross"

Tony Cairoli è stato il trionfatore del Masters' Show, gara che ha chiuso il fine settimana dell'edizione 2015 del Monza Rally Show. Il siciliano si è aggiudicato il trofeo dedicato a Marco Simoncelli dopo aver battuto in semifinale Valentino Rossi e in finale il belga Thierry Neuville. 

Tony avrebbe centrato il podio anche nel Monza Rally Show, ma una foratura nell'ultima speciale di oggi l'ha privato di un risultato ampiamente meritato. Nonostante ciò, ai nostri microfoni ha mostrato tutta la sua felicità per una tre giorni in cui ha mostrato di essere molto competitivo dopo la bella prova al Rally Legend.

Tony, è andato fortissimo al Masters' Show. Sembra gradirla molto come prova.
"Il Masters' Show è una prova che ho sempre apprezzato ogni anno, sono sempre stato abbastanza competitivo, poi quest'anno dopo l'esperienza al Rally Legend con la Lancia Delta - vettura particolare, è difficile non fare errori - guidare con la DS3 mi sono trovato subito benissimo, abbamo fatto tempi degni di nota e quindi eravamo pronti a dare battaglia ed è andata bene".

Che sfortuna invece nel Rally Show...
"Peccato per il Monza Rally Show. Purtroppo è andata così, abbiamo avuto pochi probemi, il team ha fatto un lavoro fantastico e abbiao dato il 110%. Nell'ultima prova la gomma è stata sottoposta a un grande stress, dunque può captare a volte che succedano cose simili. Però abbiamo buttato al vento un bel secondo posto, potevo essere sul podio anche nel Rally".

Nella semifinale si è scontrato con Valentino, quanti titoli in una sola sfida!
"Per me è stata une bella sfida con Valentino! Già qualche anno fa ci trovammo in semifinale assieme e anche quest'anno è capitato. Sapevo di essere molto competitivo nel Masters' Show e quindi ho spinto davvero tanto, ho dato il mio meglio, alla fine abbiamo portato a casa la finale e anhe la vittoria".

Secondo lei Valentino l'ha sottovalutata?
"Non so se Valentino mi avesse sottovalutato. Dovremmo chiederlo a lui. A me i rally piacciono molto, dunque cerco di appassionarmi e di capire sempre di più come migliorare. Quest'anno ha funzionato. Ci siamo avvicinati molto a lui, un po' anche nelle stage normali. Solo nella Grand Prix andava fortissimo e non avevo alcun modo di contrastarlo". 

Valentino ha detto che la vittoria gli servirà per dimenticare quanto accaduto nel finale di stagione di MotoGP. Per lei è la medesima cosa?
"Alla fine questo rally non mi è servito per dimenticare quano accaduto in questa stagione in MXGP. Io ho commesso un errore e sono caduto, a lui sono capitate altre cose, quindi lui era leggermente più arrabbiato di me in questa situazione. Però so che è stato un errore mio, dunque ero già rilassato da un po' di tempo".

Date le ultime grandi prestazioni, si vede nei rally tra qualche anno?
"Un domani nei rally? Non lo so, vedremo. A me piacciono molto, ma per ora l'obiettivo è sempre quello di portare a casa altri mondiali nel Motocross. Quando non sarò più in grado di essere competitivo in quella disciplina penserò se fare altro nell'ambito del Motorsport".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Rally
Evento Monza Rally Show
Sub-evento Domenica
Circuito Monza
Piloti Tony Cairoli
Articolo di tipo Intervista